L'accumularsi di liquidi dopo una ginecomastia

L'accumularsi di liquidi dopo una ginecomastia
Paolo Vitale
Paolo Vitale
Personal trainer con formazione in Scienze della Nutrizione presso l’Università Campus Bio-Medico‎, combina le sue due professioni nella redazione di articoli su medicina e alimentazione dal 2010.
Creazione: 27 feb 2018 · Aggiornamento: 16 lug 2019

Ginecomastia è il termine medico che si usa per definire l'aumento della dimensione del seno negli uomini. Non è una malattia, ma si produce per una proporzione inadeguata tra gli ormoni estrogeni e gli ormoni androgeni. In questo modo il volume del tessuto grasso aumenta e quindi il seno si nota di più.

La sua incidenza è molto più comune di quello che sembra. Si calcola che fino a un 50% degli uomini soffrano una ginecomastia a uno o a entrambi i seni. Anche se non è grave, è un problema che può colpire molto l'autostima di chi la soffre. È normale che gli uomini che soffrono di ginecomastia non vogliano realizzare attività semplici come andare al mare o cambiarsi d'abito in palestra.

Due alternative di riduzione per mettere fine alla ginecomastia

In base al tipo di ginecomastia che presenta il paziente, si può eliminare il tessuto in eccesso mediante due tecniche. La meno invasiva è la liposuzione, che si occupa di ridurre il volume del tessuto adiposo che si è accumulato nella zona del seno.

Quando invece si ha un eccesso di tessuto ghiandolare si deve ricorrere a una scissione, un intervento più complesso che si realizza con anestesia generale e che, oltre a ridurre la pelle in eccesso, permette di riposizionare il capezzolo. In questi casi rimarrà sempre una cicatrice attorno alla parte prominente del petto, ma la sua dimensione dipende dalla quantità di tessuto che è stato necessario eliminare. Dopo la scissione è normale che ci sia gonfiore nella zona, così come diversi ematomi, che tenderanno a sparire con il passare dei giorni; Il recupero totale di potrà avere in 6 settimane.

È difficile che ci siano complicazioni in un'operazione di questo tipo, ma può succedere. Tra le complicazioni, potrebbe esserci la perdita di sensibilità del capezzolo, un'asimmetria mammaria e l'accumulo di liquidi.

Ti potrebbe interessare anche:↪️ Liposuzione o ginecomastia?

shutterstock-415312306.jpg

Liquidi che si accumulano dopo la ginecomastia

Di solito, dopo una scissione, il corpo cerca di drenare quello di cui non ha bisogno, ma può presentarsi un accumulo di liquidi dopo la ginecomastia.

Se si accumula sangue, siamo di fronte a un ematoma che deve essere drenato il prima possibile. In questi casi, i pazienti devono smettere immediatamente di assumere alcol e steroidi e rimanere a riposo assoluto. E inoltre, è comune utilizzare indumenti di compressione durante alcuni giorni dopo il drenaggio.

L'accumulo di sangue può essere molto pericoloso, per cui è imprescindibile seguire le raccomandazioni del medico. Ciò che funziona meglio in questi casi è una totale inattività fisica del paziente, in questo modo si eviterà che si accumuli altro sangue nella zona del seno.

Altro liquido che tende ad accumularsi è l'acqua. In questi casi, si dovrebbe parlare di sieroma, che si produce nella zona in sui è stata realizzata la liposuzione o la zona della pelle che è stata aperta per praticare la scissione. Si può verificare in un seno soltanto o in entrambi contemporaneamente. Di fatti, l'accumularsi di acqua è un effetto secondario abbastanza comune nelle operazioni di ginecomastia.

Se si accumula acqua è importante che il paziente non faccia nulla da solo e che si rivolga subito al suo medico per verificare se è opportuno fare o meno un drenaggio. Di solito si pratica un'aspirazione per drenare l'acqua; in alcuni casi, si raccomanda anche l'uso di indumenti di compressione per tutto il periodo di recupero.

Raccomandazioni basiche dopo il post operatorio

shutterstock-150983753.jpg

La ginecomastia non è un'operazione complicata, ma colpendo direttamente la zona del seno, è normale che i pazienti avvertano dei fastidi. Per questo motivo il chirurgo prescrive medicinali contro il dolore e anche antibiotici per evitare infezioni.

In condizioni normali, per il recupero ci vogliono dalle quattro alle sei settimane, anche se i risultati definitivi non potranno notarsi prima di cinque o sei mesi dall'operazione, dato che i tessuti hanno bisogno di tempo per adattarsi alla nuova forma e volume.

Se non ci sono problemi il post operatorio è semplice e veloce. L'esercizio fisico intenso è totalmente vietato per il primo mese, per evitare l'accumulo di sangue nel petto. L'unica cosa che può fare il paziente dal giorno dopo l'operazione è passeggiare, salire su una cyclette e anche addominali o lavorare sulle gambe con poco peso. Qualsiasi movimento realizzi deve evitare di utilizzare i muscoli pettorali.

Dal secondo giorno già potrà lavarsi con normalità. Il paziente si potrà fare la doccia, ma dovrà evitare di stare troppo tempo sotto l'acqua e usare acqua troppo calda.

Dal giorno seguente potrà guidare. Potrà anche tornare al lavoro in circa quattro o cinque giorni. Tuttavia, dipende anche dal tipo di lavoro e dal come va il recupero di ogni persona operata, i giorni di malattia potrebbero essere anche di più.

Una volta che il paziente sia completamente recuperato e che torni alla sua vita di tutti i giorni, dovrà occuparsi delle cicatrici e proteggerle dal sole per almeno un anno per evitare che acquisiscano un tono che le renda più visibili. Questo non significa che non possa prendere il sole, ma deve farlo con precauzione. Per questo dovrà applicare protezione solare di qualità almeno 20 minuti prima dell'esposizione e ripetere l'applicazione ogni due ore.

Seguendo le indicazioni degli specialisti di solito il recupero della ginecomastia è veloce e senza complicazioni. Tuttavia se il paziente nota qualcosa di strano nel proprio corpo o ha febbre, deve rivolgersi subito al medico. Di sicuro, dovrà evitare automedicazione che in questo caso, può essere estremamente pericolosa.

↪️Ti sei appena sottoposto a una ginecomastia o hai in mente di farlo? Condividilo con tutti nel forum!

Ti interessa questo trattamento?
Ti informeremo totalmente gratis!

Le informazioni che appaiono in Guidaestetica.it in nessun caso possono sostituire la relazione tra il paziente e il suo medico. Guidaestetica.it non fa l’apologia di un prodotto commerciale o di un servizio.

0 commenti

Trova il tuo dottore