Flavio Flore
Flavio Flore
Redattore web specializzato in tematiche medico-scientifiche. Indaga e scrive di Scienza e Medicina dal 2019.

Navigazione

  • Alzare i glutei cadenti
  • Cause dei glutei cadenti
  • Trattamenti per i glutei cadenti
  • Bibliografia

I glutei sono una zona anatomica fondamentale e determinante nel rendere armoniosa la silhouette. I glutei cadenti sono caratterizzati dal rilassamento e dalla perdita di tono sia dei muscoli che della pelle che apparirà piatta e svuotata.

squat glutei tonici

Lo squat è uno degli esercizi più efficaci per i glutei.

Alzare i glutei cadenti

I glutei sono una parte del nostro corpo che rappresenta la sensualità, ma purtroppo anch’essa è soggetta al tempo che avanza, all’aumento ed alla perdita di peso, alla cellulite ed alla gravità terrestre, apparendo sempre più sgonfi e piatti, riconoscibili con il termine di glutei cadenti. Molti ricorrono ad esercizi fisici intensi, ma spesso ottenendo dei risultati non sempre apprezzabili. Altri ancora ricorrono a diete ferree ottenendo una perdita di peso corporeo che si ripercuote negativamente sui glutei ed in alcuni casi acutizzando il problema. Quando i numerosi rimedi fai da te non si dimostrano del tutto efficaci, la Chirurgia e la Medicina Estetica ci vengono in aiuto, proponendo diversi rimedi all’avanguardia per risolvere al meglio il problema, ristabilendo la naturale armonia del corpo.

glutei poco sodi

Cause dei glutei cadenti

Con l’età, la pelle va incontro ad una diminuzione dell’elasticità, apparendo più rilassata e questo fa sì che i glutei appaiono cadenti e rilassati, inoltre con l’avanzare degli anni, anche il tono muscolare diminuisce e questo non fa altro che evidenziare il problema. Molto spesso anche perdite di peso repentine e la gravidanza sono i responsabili dei classici glutei cadenti. Esistono diversi rimedi per correggere questo fastidioso inestetismo.

filler aumento glutei

Trattamenti per i glutei cadenti

Abbiamo a disposizione vari rimedi, per correggere gli inestetici glutei cadenti, forniti dalla Chirurgia e Medicina Estetica e si differenziano per tecniche ed invasività e vi saranno consigliati dopo un’attenta analisi del caso e della completa valutazione del corpo.

Filler a base di acido ialuronico

Il filler a base di acido ialuronico viene utilizzato per armonizzare la forma e ridonare tono ai glutei. È particolarmente indicato per le persone magre che non dispongono di abbastanza massa grassa e, che quindi, non possono sottoporsi ad un lipofilling. Il trattamento consiste nell’iniezione di acido ialuronico, con delle micro cannule, negli strati più profondi, permettendo di dare forma e volume in base ai desideri del paziente. Si esegue in anestesia locale e non produce né segni né cicatrici. I risultati sono immediati e durano dai 12 ai 24 mesi a seconda del tasso di assorbimento del paziente.

tecniche aumento glutei

Lipofilling

Il lipofilling, anche noto come BBL (Brazilian Butt Lift), consiste nell’autotrapianto di adipe proveniente da zone anatomiche donatrice del medesimo paziente. Questa tecnica non può essere praticata su pazienti magri che non dispongono di abbastanza tessuto adiposo. L’intervento di chirurgia viene eseguito in anestesia generale e prevede una liposuzione su determinate zone del corpo del paziente. Le cellule adipose estratte vengono trattate e reintrodotte nei glutei, rimodellandoli e ridonando tono alla pelle cadente, permettendo così di alzare i glutei.

Protesi dei glutei

Per quanto riguarda la chirurgia l'intervento più diffuso è la gluteoplastica, consigliata per quei pazienti che non possiedono abbastanza tessuto adiposo per l’autotrapianto, ci viene proposto l’inserimento di protesi che permetteranno di alzare i glutei, donandogli un aspetto armonico e naturale. Per potersi sottoporre a questo determinato intervento, il paziente dovrà disporre di un buon tono muscolare e di una pelle abbastanza compatta ed elastica. L’intervento procede con l’esecuzione di un’incisione che viene praticata nel solco intergluteo, di circa 5 o 6 centimetri, necessaria per l’inserimento della protesi con un volume massimo di 400 cc. Inoltre, sarà necessario collocare in sede, dei drenaggi che saranno rimossi dopo alcuni giorni. Per la posizione dell’incisione, la cicatrice risulterà non visibile. L’intervento si esegue sotto anestesia generale.

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."