Ilaria Berselli
Ilaria Berselli
Giornalista laureata presso l’Universidad Ramon Llull specializzata in redazione di articoli su Salute e Medicina Estetica dal 2014, esperta in tematiche relative alla chirurgia plastica.

Navigazione

  • Braccia e adiposità
  • Il grasso localizzato
  • La lassità cutanea
  • Trattamenti
  • Bibliografia

Braccia e adiposità

Sovrappeso, dimagrimenti, invecchiamento, mancanza di esercizio: sono tutti fattori che portano moltissime donne a non vivere più serenamente con se stesse e le loro braccia, arrivando a nasconderle o a sentirsi davvero a disagio per il loro aspetto. Senza contare tutti quegli appellativi poco gentili che riserviamo a questa zona così sensibile ai cambiamenti di peso: braccia a tendina, braccia a pipistrello...

Braccia a pipistrello

Il grasso localizzato

Quando il grasso localizzato si inizia ad accumulare nelle braccia si crea il cosiddetto effetto delle “braccia a pipistrello”. Spesso dieta e sport non sono sufficienti a risolvere questo problema, perché il grasso tende ad accumularsi in punti specifici dove poi diventa molto complicato smaltirlo.

Oltre ai trattamenti di medicina e chirurgia estetica è importante cercare di prevenire la formazione di questo inestetismo attraverso alcuni esercizi specifici per modellare e irrobustire le braccia. Un soluzione, che aiuta sia a prevenire che a ridurre queste adiposità, è quella di fare un po’ di esercizio (anche in casa) con frequenza e regolarità, ad esempio: flessioni, panca, sollevamento pesi oppure sport che prevedano uno sforzo in più per le braccia (kayak, tennis, pugilato).

Braccia a tendina

La lassità cutanea

Dopo un consistente calo ponderale, soprattutto nelle persone che hanno sofferto di obesità o che hanno perso molto peso in poco tempo, può succedere che la pelle subisca uno svuotamento, perció zone come addome, cosce e braccia assumono un aspetto cadente e un po’ raggrinzito, creando l’effetto di “braccia a tendina”.

Purtroppo in questi casi non c’è sport, esercizio o dieta che possa aiutare a prevenire il formarsi di questa pelle in eccesso e l’unica soluzione davvero efficace è quella di rivolgersi a un chirurgo estetico, o a un medico estetico se si preferisce evitare un intervento invasivo.

Eliminare il grasso delle braccia

Trattamenti

Eliminare il grasso delle braccia

  • Liposuzione: secca, tumescente, ultrasonica, laser, insomma sono tante le tipologie di liposuzione oggi esistenti, perció ogni paziente potrà scegliere insieme al suo chirurgo la tecnica migliore per il suo caso. Il principio base è sempre lo stesso: il grasso in eccesso viene aspirato inserendo micro cannule a livello sottocutaneo. Il risultato è definitivo e se si segue uno stile di vita sano non si tornerà mai più a vedere lo stesso problema. L’operazione dura circa un’ora e prevede l’anestesia locale con sedazione. I tempi di recupero completo sono di circa 4 settimane.
  • Smart Lipo: si tratta sostanzialmente di una liposuzione laser assistita. Il vantaggio è che il laser permette di liquefare il tessuto adiposo, quindi la sua aspirazione risulta più facile e un po’ meno invasiva rispetto ad altre tecniche. È comunque un intervento chirurgico, quindi servono almeno un’ora per l’intervento, un’anestesia locale e da 3 a 5 giorni di recupero post operatorio. Anche in questo caso i risultati sono definitivi.
  • Criolipolisi: questo trattamento può essere paragonato a una sorta di liposuzione non chirurgica, nel senso che i risultati ottenuti sono molto simili e anch’essi a lungo termine. Il vantaggio è che non è assolutamente invasiva e non richiede nessun tipo di incisione. Il trattamento si svolge in circa 30-45 minuti a seconda dell’area da trattare, durante i quali l’operatore passa un manipolo che emette energia fredda nella zona interessata. L’azione del freddo distrugge le cellule adipose e il metabolismo penserà a espellerle naturalmente. Servono almeno 2 o 3 sedute mensili per un miglioramento visibile. I risultati non sono subito apprezzabili, ma bisognerà pazientare circa 3 mesi prima di poterli vedere.

Ridurre la pelle in eccesso delle braccia

  • Lifting: i trattamenti visti in precedenza sono indicati quando il problema è dato da un eccesso di grasso sulle braccia. Ma che fare quando non è il grasso a darci fastidio, ma besí la pelle in più? Il lifting (o brachioplastica) potrebbe essere la soluzione più adatta per questi casi. Durante l’intervento il medico dovrà asportare la pelle in eccesso attraverso alcune incisioni, perció l’effetto collaterale più fastidioso è che si formeranno delle cicatrici piuttosto grandi e visibili. Proprio per questo l’intervento è adatto solo per alcuni pazienti e non è sempre consigliato. La procedura ha una durata di circa un’ora, da effettuarsi con anestesia locale e sedazione. I risultati sono definitivi, ma servono almeno 3-4 settimane di riposo post operatorio.
  • Fili di sospensione: per i pazienti che non desiderano correre il rischio di ritrovarsi con grandi cicatrici sulle braccia, questi fili rappresentano un’ottima alternativa. Si tratta di veri e propri fili, realizzati in materiali biocompatibili e anallergici, che vengono inseriti sotto la pelle per rimetterla in tensione. I fili usati sono sempre riassorbibili e oltre a tendere la pelle hanno anche la funzione di stimolare la naturale produzione di elastina e collagene (si parla infatti di fili biostimolanti). La procedura non è invasiva come un intervento di lifting, sebbene il risultato sia simile. I risultati sono visibili da subito ma hanno un effetto limitato (da 3 a 9 mesi), la ripresa delle normali attività può avvenire nel giro di pochi giorni, ma bisognerà evitare sforzi e saune per almeno 3 settimane.
  • Radiofrequenza: è un trattamento non invasivo impiegato per attenuare le lassità cutanee di viso e corpo, perché ha un effetto tonificante ottenuto grazie all’azione di stimolazione del collagene. Una seduta dura circa mezz’ora e per un ciclo efficace possono essere indicate dalle 6 alle 8 sedute, da effettuarsi una volta a settimana nel primo periodo e poi una volta ogni due settimane. Il risultato offerto ha un effetto lifting e si può apprezzare dopo circa un mese dall’inizio del trattamento. Questa tecnica non è indicata per i casi di accumulo adiposo, ma è molto efficace per chi ha un problema di flaccidità cutanea dovuta o a mancanza di esercizio o a un dimagrimento considerevole. Dopo il trattamento si può subito tornare alla routine quotidiana senza preoccupazioni.

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."