Tipi e stadi della cellulite: come riconoscerli

Tipi e stadi della cellulite: come riconoscerli
Dopo gli studi in giornalismo digitale si è specializzata nella redazione di articoli su Salute e Medicina, dal 2014 scrive di moda, bellezza e chirurgia plastica.
Creazione: 22 ott 2018 · Aggiornamento: 9 ago 2019

La cellulite è da sempre il nemico numero uno delle donne. Questo inestetismo, infatti, risulta essere la causa primaria di disagio e sensazione di inadeguatezza andando ad attaccare particolari zone del corpo anche se, principalmente, la zona più critica in cui si concentra la cellulite sono gambe e glutei.

La cellulite è una condizione in cui la pelle ha un aspetto non omogeneo, gonfia e a buccia d'arancia. Di solito colpisce i glutei e le cosce, ma può anche presentarsi in altre aree del corpo. La cellulite si verifica quando i depositi di grasso spingono attraverso il tessuto connettivo sotto la pelle.

Qualche dato sulla cellulite

  • Tra l'80 e il 90 per cento delle donne probabilmente soffrirà di cellulite.
  • 10 donne su 10 in Italia, durante le fasi della propria vita, soffrono di cellulite
  • La cellulite è anche nota come pelle a buccia d'arancia, a causa della sua consistenza.
  • Numerosi sono i trattamenti cosmetici disponibili, ma l'effetto è per lo più temporaneo.
  • Le prevenzione è la miglior cura con uno stile di vita sano e bilanciato.
  • Una dieta povera di grassi, smettere di fumare e uno stile di vita attivo può aiutare a ridurre l'incidenza della cellulite.

 La cellulite non è un singolo problema, anche se i diversi tipi hanno una cosa in comune: tutti riguardano le donne più spesso degli uomini. Tendono ad evolvere lentamente e influenzano diverse parti del corpo, ed è perfettamente possibile che una persona soffra di più di un tipo. Il processo di identificazione è particolarmente importante, in quanto il trattamento appropriato dipende dal tipo di cellulite e dalla fase del suo sviluppo. Se hai un problema, è una buona idea parlare con un medico specialista, ma qui daremo una rapida occhiata alle caratteristiche tipiche di quattro tipi di cellulite e ad alcuni dei metodi usati per affrontarli.

Vediamo quindi quali sono i 4 stadi della cellulite: cellulite edematosa, cellulite fibrosa, cellulite scelrotica molle e cellulite sclerotica.

👉 Se vuoi conoscere anche le cause della cellulite e le soluzioni per contrastarla, clicca qui e scopri tutti i dettagli sui trattamenti anticellulite

Cellulite edematosa

Questo è il tipo meno comune di cellulite e anche il più difficile da trattare. Risulta da problemi di cattiva circolazione aggravati da significativa ritenzione di liquidi. Compare principalmente nelle gambe, che perdono la loro forma e diventano più colonnari. La pelle è pastosa e può risultare dolorosa quando viene toccata o quando si sta seduti per un lungo periodo.

  • aree colpite: può colpire cosce e ginocchia, ma è più frequente nella parte inferiore delle gambe, che perdono definizione.
  • età di esordio: dai 20 ai 30 anni circa. 
  • aspetto: leggermente flaccido.
  • consistenza: la pelle è spugnosa e può essere dolente al tatto. Ci sono segni di insufficienza venosa e linfatica nelle gambe (ritenzione idrica, gonfiore, vene varicose, crampi, ecc.).

Soluzioni e trattamenti per la cellulite edematosa.

La cellulite edematosa è strettamente associata a problemi di ritenzione di liquidi e di circolazione, quindi è importante trattare entrambe queste condizioni; può essere associata a vene varicose e devono essere affrontate. Si raccomanda un esercizio delicato e senza impatto, come per esempio andare in bicicletta, camminare o nuotare. Le calze a compressione possono aiutare, come anche la doccia con acqua calda e fredda alternata, e integratori venotonici come il ginseng e l’ippocastano, che aiutano a rafforzare le pareti delle vene. Gli alimenti che incoraggiano la ritenzione di liquidi dovrebbero essere evitati, compresi cibi salati e preparati e bevande gassate. Il massaggio linfodrenante può risultare utile per questo tipo di cellulite, così come la digitopressione e tisane come l'equiseto e il tè verde che aiutano a ridurre la ritenzione di liquidi.

Quali sono i tipi di cellulite?
La cellulite non è tutta uguale, quali tipi di cellulite esistono?

Cellulite fibrosa

Conosciuta anche come cellulite solida, questo tipo è più comune nelle donne più giovani e si trova principalmente attorno ai fianchi e alle cosce. Di solito è uno dei primi segni esteriori di cellulite. La pelle è tesa e granulosa o increspata come la buccia d'arancia, e l'aspetto non cambia quando si cammina o si muove, la pelle sembra essere saldamente attaccata al muscolo.

  • aree interessate: le aree esterne dei fianchi e delle cosce, e attorno alla schiena e all'interno delle ginocchia
  • età di esordio: inizia già dall'adolescenza, senza un trattamento precoce, la cellulite fibrosa non può mai essere eliminata.
  • aspetto: la pelle è increspata o butterata, ma le aree interessate sono costanti e non cambiano posizione con il movimento del corpo.
  • consistenza: la pelle appare compatta e può essere dolorosa o sensibile al tatto.

Soluzioni e trattamenti per la cellulite fibrosa.

Le misure dovrebbero essere prese non appena il problema viene identificato, poiché quanto prima viene trattato, maggiori sono le possibilità di miglioramento. Un trattamento che è pensato per aiutare è la mesoterapia, che consiste nell'iniettare combinazioni personalizzate di farmaci, vitamine ed estratti naturali nello strato di mesoderma dove agiscono sul problema sotto la superficie. Le creme cosmetiche possono anche essere d'aiuto, applicate due volte al giorno all'inizio del trattamento, seguite dalle applicazioni di "manutenzione" in corso. Trattamenti di bellezza con apparecchi specializzati che aiutano a sollevare e staccare la cellulite dal muscolo possono essere efficaci.

Cellulite sclerotica molle

Questo tipo di cellulite conferisce alla pelle un aspetto ondulato e, come suggerisce il nome, è morbida al tatto. La cellulite molle si forma principalmente in quelle aree dove c'è un accumulo di tessuto adiposo, come la parte superiore delle gambe o delle braccia, e spesso compare in associazione alle vene varicose. Camminando o muovendosi, si muoverà anche la cellulite morbida. Tende ad aumentare con l'età o l'aumento di peso, ed è aggravato dalla mancanza di tono muscolare. In generale, con un trattamento mirato miglioreranno anche la circolazione e il tono della pelle, così come la perdita di peso.

  • Aree interessate: cosce, addome, glutei e braccia.
  • Età di esordio: comune nelle donne tra i 30 ei 40 anni.
  • Aspetto: la pelle ha un aspetto gelatinoso e l'area interessata cambia posizione con il movimento del corpo. È più evidente quando si è sdraiati che quando si è in piedi.
  • Consistenza: morbida, come suggerisce il nome, e un po’ spugnosa.

Soluzioni e trattamenti per la cellulite sclerotica molle.

Si consiglia una perdita di peso lenta, con la dovuta attenzione per l'assunzione di proteine ​​di alta qualità. Si dovrebbe praticare attività ed esercizio fisico, prestando particolare attenzione all'allenamento di resistenza per ottenere e migliorare il tono muscolare. Le creme cosmetiche devono essere applicate con il massaggio per migliorare la circolazione e combinate con prodotti che favoriscono la circolazione e attivano il ritorno venoso. Nelle zone dove è presente anche eccesso di grasso, i trattamenti a radiofrequenza possono essere efficaci, così come i trattamenti di elettrostimolazione che drenano, tonificano e rassodano. Nei casi più difficili con strati adiposi che sembrano non attenuarsi la liposuzione o la liposcultura potrebbero essere soluzioni definitive da varare.

Cellulite sclerotica

È l’ultimo stadio della cellulite. In questa fase peggiorano le alterazioni dello stadio precedente. In questa fase sono presenti macronoduli dolorosi al tatto e la pelle appare con l’aspetto cosiddetto di cellulite a materasso.

  • aree interessate: principalmente gambe e glutei.
  • consistenza: la pelle appare dura, talvolta dolorosa e a materasso.

Soluzioni e trattamenti per la cellulite sclerotica.

Per drenare e ridurre il gonfiore è utile una dieta bilanciata ed equilibrata. Tra le attività fisiche, il nuoto è uno sport completo ed esistono specifici programmi di aquagym finalizzati al rimodellamento corporeo. Nei suoi casi più gravi, la cellulite sclerotica, essendo lo stadio ultimo della cellulite, nonché il più ostinato, può essere trattato con liposuzione.

Tutti i trattamenti contro la cellulite

Dalle creme ai massaggi linfatici fino agli ultrasuoni, passando per trattamenti più invasivi come mesoterapia, liposcultura e liposuzione, esistono diversi metodi per poter agire sulla cellulite ed eliminare gli inestetismi e la sensazione di gonfiore e di inadeguatezza. La cosa fondamentale è cercare di trattarla sin dagli inizi con metodi più blandi e meno invasivi rivolgendosi ad uno specialista che saprà indirizzarvi verso il trattamento più adatto al vostro tipo di cellulite e al suo stato.

Se vuoi saperne di più sulla cellulite e vuoi confrontarti con altre donne che come te soffrono di questo inestetismo e sono alla ricerca di una soluzione non dimenticarti di visitare il nostro forum sulla cellulite!

Trattamenti per eliminare cellulite
Radiofrequenza contro la cellulite

Bibliografia e letture consigliate:

https://d.repubblica.it/beauty/guida/come_diminuire_cellulite_sulla_pancia_cosce_carbossiterapia_lpg_radiofrequenza_criolipolisi_eta_fitness-4018090/

https://consigli.hospitadella.it/medicina-chirurgia-estetica/trattamenti-estetici-eliminare-cellulite

https://www.aideco.org/la-cellulite

Le informazioni contenute in Guidaestetica.it non possono sostituire in nessun caso la relazione tra medico e paziente. Guidaestetica.it non difende un prodotto o servizio commerciale.