Selene Cabibbo
Selene Cabibbo
Dopo la laurea in Filosofia presso l'Università di Pisa, si specializza in Storia Culturale della Medicina collaborando con musei e istituzioni culturali. Dal 2016 cura progetti editoriali per il web.
Creazione: 29 feb 2016 · Aggiornamento: 4 lug 2019

Informazione addizionale

Navigazione

  • Introduzione
  • Che cos'è il Linfodrenaggio?
  • Quali sono gli obiettivi del linfodrenaggio?
  • Chi può effettuare un massaggio linfatico?
  • Linfodrenaggio post chirurgico
  • Come trovare il mio specialista?
  • Come funziona il linfodrenaggio?
  • Post trattamento
  • Rischi ed effetti collaterali
  • Dubbi e domande frequenti
  • Testimonianze
  • Bibliografia

Introduzione

Il sistema linfatico purifica il nostro organismo attraverso una rete di piccoli vasi che attraversano il nostro corpo. In alcuni casi, la circolazione linfatica può non funzionare alla perfezione perché sovraccarica di sostanze tossiche. La conseguenza è l'insorgere di alcuni sintomi, come il gonfiore degli arti, cellulite, gambe pesanti e smagliature; in questi casi il drenaggio linfatico può essere una soluzione. Questa pratica è anche consigliata dopo alcuni interventi chirurgici come la liposuzione per favorire l'espulsione delle cellule adipose. In questi casi è generalemnte consigliato il drenaggio linfatico manuale (DLM) che attiva la circolazione linfatica, evitando l'insorgere di edemi e fibrosi.

Massaggio linfodrenante

Esistono vari tipi di linfodrenaggio

Che cos'è il Linfodrenaggio?

Il linfodrenaggio o drenaggio linfatico è un massaggio ideato per stimolare la circolazione linfatica. Il sistema linfatico, un ricco reticolato di vasi che percorrono tutto il nostro corpo, ha due funzioni: purificare l'organismo dalle tossine e proteggere il sistema immunitario. Esistono diverse tecniche per effettuare il massaggio drenante:

  • Drenaggio linfatico manuale secondo il metodo Vodder: secondo il sito Web Health Passport, questa tecnica consiste nell'eseguire movimenti circolari esercitando una pressione variabile con le mani.
  • Drenaggio linfatico meccanico: noto anche come pressoterapia, questo metodo consiste nel posizionare sulle gambe degli stivali con scomparti gonfiabili, collegati ad un compressore. Il compressore gonfierà ciascun comparto singolarmente esercitando una pressione controllata sulle gambe dal basso verso l'alto.
  • Drenaggio linfatico manuale secondo il metodo del Dr. Albert Leduc: è un evoluzione del massaggio ideato da Vodder, questa tecnica combina il metodo Vodder e la pressoterapia.
Cellulite sulle gambe

Il linfodrenaggio è un valido aiuto per ridurre la cellulite

Quali sono gli obiettivi del linfodrenaggio?

Secondo la Società Italiana di Medicina Estetica (SIME), il drenaggio linfatico è essenziale per trattare l'edema o il linfedema che colpisce le braccia e le gambe causando gonfiore permanente. Grazie a questa tecnica è infatti possibile ridurre il rischio di insufficienza venosa e il rischio di malattie ad essa associate. Inoltre, il drenaggio linfatico apporta numerosi benefici all'organismo:

  • Rafforza le difese immunitarie e aiutando l'organismo a difendersi meglio da virus e batteri.
  • Allevia la sensazione delle gambe pesanti
  • Aiuta a combattere lo stress attraverso l'effetto rilassante del massaggio
  • È un valido aiuto contro la cellulite e contro qualsiasi inestetismo dovuto all'affaticamento e all'invecchiamento della pelle.
Pressoterapia

Massaggio linfatico meccanico o pressoterapia

Chi può effettuare un massaggio linfatico?

Il drenaggio linfatico può essere effettuato sotto prescrizione medica medica o per motivi estetici.

In campo medico viene prescritto per trattare casi di linfedema, edema correlato a patologia neurologica, infiammazioni reumatiche, eczema, acne o sinusite. Le sessioni di linfodrenaggio sono anche cosigliate dopo interventi di liposuzione, laserlipolisi, criolipolisi, e in tutti quegli interventi o trattamenti che prevedono lo scioglimento delle cellule adipose. La Dott.ssa Diletta Vitali sottolinea l'importanza di questa pratica post operatoria anche in interventi di mastoplastica, blefaroplastica, addominoplastica, rinoplastica, e più in generale in tutti gli interventi che interessano le mucose del volto. Questo perchè, tramite il linfodrenaggio è possibile accelerare i processi di guarigione, grazie all'apertura e alla stimolazione dei linfonodi, prevenendo la formazione di edema e sieromi.

Dal punto di vista puramente estetico, le sedute di drenaggio linfatico sono un valido aiuto per il ringiovanimento della pelle e alla lotta contro la cellulite, lo stress e l'affaticamento. 

Anche le donne incinte possono anche eseguire il drenaggio linfatico manuale perchè aiuta a ridurre il gonfiore da ritenzione idrica, soprattutto negli ultimi mesi di gravidanza. La ritenzione idrica in gravidanza è causata dall'aumento delle dimensioni dell'utero che ostacola la circolazione sanguigna. Il massaggio drenante manuale è anche consigliato nel post parto perchè aiuta a stimolare il microcircolo combattendo la sensazione di affaticamento degli arti.

Tuttavia, se non prescritto o autorizzato dal medico, il drenaggio linfatico non è raccomandato in caso di: sclerosi del seno carotideo, infezione acuta, tumore maligno, tubercolosi, ipertiroidismo, disturbi cardiaci, trombosi o asma grave.

Drenaggio linfatico post operatorio

Drenaggio linfatico post liposuzione

Linfodrenaggio post chirurgico

Come già detto, il drenaggio linfatico manuale (DLM) può essere eseguito anche dopo un intervento chirurgico, ad esempio dopo la liposuzione. Secondo la SIME, aiuta a drenare l'edema e a rigenerare e riparare la pelle ei tessuti colpiti.

Normalmente, il ciclo di massaggi viene eseguito due settimane dopo l'intervento, all'inizio la pressione esercitata dall'operatore sarà minima e aumenterà con il passare delle sedute. È importante sottolineare che sarà il medico a prescrivere o meno questa procedura.

In questi casi, i benefici del drenaggio linfatico manuale sono:

  • Alleviare il dolore del periodo postoperatorio
  • Accelerare il recupero
  • Rendere i risultati ottenuti ancora più evidenti
  • Aiuta i risultati a essere mantenuti nel tempo

Il professionista che esegue il massaggio post-chirurgico dovrebbe essere specializzato in questo tipo di trattamento per evitare di causare gravi danni al corpo del paziente.

Operatrice realizza un linfodrenaggio

Nel caso di linfodrenaggio post operatorio è necessario rivolgersi a un fisioterapista certificato.

Come trovare il mio specialista?

Anche qui, sarà necessario distinguere l'uso medico, dall'uso estetico. Nel caso di prescrizione medica, è essenziale affidarsi a un fisioterapista certificato. Prima di effettuare la seduta di massaggio, verifica le abilitazioni del tuo specialista contattando un'associazione del settore come, ad esempio la Società Italiana Fisioterapisti (SIF).

Nel caso di sedute di drenaggio linfatico per fini estetici sarà possibile rivolgersi a diversi professionisti: massaggiatori professionisti, fisioterapisti o estetiste. Sia che tu scelga un centro estetico, che uno studio medico, ti consigliamo sempre di verificare che le apparecchiature utilizzate siano a norma di legge e che gli operatori abbiano la formazione e le abilità adeguate a realizzare questo trattamento.

Fai attenzione a offerte troppo vantaggiose e interessanti, possono essere sinonimo di scarsa cura e attrezzature non certificate.

Sedute di pressoterapia

Sessione di linfodrenaggio attraverso pressoterapia.

Come funziona il linfodrenaggio?

La seduta di linfodrenaggio varia a seconda della tecnica utilizzata:

  • Drenaggio linfatico manuale, la persona è distesa sul lettino da massaggio, nuda e coperta da un telo di cotone. Verrà  scoperta solo la zona da trattare in modo che il professionista possa praticare il massaggio. La sessione dura circa un'ora. Per essere efficace la tecnica di massaggio deve seguire la direzione dell'evacuazione, quindi procedere dal basso verso l'alto, in modo da ricondurre la linfa verso le stazioni linfoidali. La pressione esercitata dall'operatore deve essere modulata a seconda della zona trattata, mai in nessun caso la zona dovrà apparire arrossata, come specificato da Linfodrenaggio Torino.
  • Pressoterapia, anche in questo caso la persona è sdraiata sul lettino. Dopo aver impostato il dispositivo, il medico fornirà stivali monouso al paziente, la pressione esercitata dall'apparecchiatura potrebbe aumentare progressivamente nel corso della seduta. L'intera sessione dura circa 35 minuti.
Pelle a buccia d'arancia

Il linfodrenaggio drena e ossigena i tessuti cutanei

Post trattamento

Come abbiamo già detto, il drenaggio linfatico ha molteplici benefici. Il drenaggio dei tessuti stimola la microcicolazione, favorendone l'ossigenazione che migliorerà con il susseguirsi delle sedute. Il paziente noterà sin da subito una diminuzione dell'infiammazione localizzata, una migliore elasticità della pelle e un'attenuazione dell'effetto "buccia d'arancia". Inoltre, dona una sensazione di leggerezza agli arti inferiore, particolarmente apprezzata da soggetti con problemi circolatori.

Alcuni pazienti hanno persino notato un notevole miglioramento della qualità del loro sonno, grazie all'effetto rilassante del massaggio.

Massaggio linfodrenante da fisioterapista

Non esistono effetti collaterali al linfodrenaggio

Rischi ed effetti collaterali

Non essendo una tecnica invasiva, il drenaggio linfatico non causa effetti collaterali. Non sono menzionati particolari rischi, sempre che vengano rispettate le controindicazioni e/o il parere del medico.

Nel caso in cui il linfodrenaggio sia realizzato per ragioni estetiche, il maggior "rischio" a cui si potrebbe andare incontro è un'imperfezione del risultato. In realtà, questo metodo è meno radicale di alcuni trattamenti estetici come la mesoterapia e la carbossiterapia e alcuni pazienti essere delusi dai risultati ottenuti.

Il Centro Clinico Agorà ricorda che dopo il massaggio la cute non deve mai apparire arrossata, questo sintomo è sinonimo di maggior apporto di sangue e liquidi al tessuto cutaneo, esattamente l'effetto contrario a quello desiderato.

Dubbi e domande frequenti

  • Perché fare il linfodrenaggio dopo la liposuzione? Dopo la liposuzione, possono essere utili una o più sedute di drenaggio linfatico. In particolare, elimineranno l'eccesso di acqua presente, specialmente nelle gambe. Inoltre, il drenaggio linfatico aiutala guarigione e il processo di smaltimento dei grassi residui.
  • È obbligatorio eseguire sessioni di drenaggio linfatico dopo la liposuzione? Sebbene non sia obbligatorio, il drenaggio linfatico è ancora altamente raccomandato dopo la liposuzione. Tuttavia, solo il chirurgo estetico potrà consigliarti sul miglior trattamento da eseguire dopo la tua liposuzione.
  • Il drenaggio linfatico è efficace contro la cellulite? Dipende dal tipo di cellulite (fibrosa, edematosa o adiposa). Esistono vari trattamenti efficaci contro la cellulite: la cavitazione, radiofrequenza, carbossiterapia, mesoterapia e linfodrenaggio. È meglio combinare tra loro diverse tecniche, accompagnate sempre da una dieta equilibrata, ricca di fibre e povera di sale, zucchero e grassi.
  • Quanto dura una sessione di drenaggio linfatico? Una sessione di linfodrenaggio può durare da 30 minuti a 1 ora, a seconda della tecnica utilizzata. Potrebbero essere necessarie diverse sessioni per ottenere un risultato soddisfacente.

Testimonianze

“Rimodellamento e linfodrenaggio, tutto in un unico macchinario. In realtà lo trovo completo e soddisfacente. Non è doloroso, ogni sessione dura 30 minuti e ne ho fatte 2 a settimana per 2 mesi. Sono stata seguita dallo staff della dott.ssa che comunque era sempre presente. I risultati sono stati soddisfacenti perché ho notato un miglioramento in generale nella pelle, nella circolazione e in tutto il corpo.” Leggi qui l'esperienza completa

Ann_9112 - Ancona (Città), Ancona

“Ho fatto per un mese dei massaggi linfodrenanti della durata di un'ora. 2 volte a settimana. Risultati visibili dopo 2 settimane. il trattamento non era doloroso. Ho avuto però degli effetti collaterali… Dovevo scappare di corsa in bagno! Per fortuna conoscevo il centro e quindi si era creata una confidenza tale per cui non è stato un problema affrontare ogni seduta, tra una risata e l'altra.” Leggi qui l'esperienza completa

Ale33 - Catania (Città), Catania

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."