Blefaroplastica

Vale la pena
96%
Vale la pena
Basato su 92 esperienze
Prezzo medio
2.881 €
Prezzo medio
Secondo 92 specialisti
  • Anestesia locale
  • Non richiede ricovero ospedaliero
  • 1-3 ore di intervento
  • 7-10 giorni di riposo
  • Risultati visibili dopo un mese
  • Risultati permanenti

Cos’è la blefaroplastica?

Che cosa è la blefaroplastica

*Video ceduto dal Dott. Smeraglia

Conosciuta anche come chirurgia delle palpebre, la Blefaroplastica,  ha l’obiettivo di correggere le borse o la pelle in eccesso che si formano sulle palpebre superiori o inferiori, che oltre a creare un disagio estetico e dare al viso un aspetto stanco e sciupato, talvolta possono anche interferire con la vista. Secondo i dati pubblicati dall’ISAPS nel 2020 sono stati realizzati 37,956 interventi per le palpebre in tutta Italia.

Gli occhi e lo sguardo influenzano in modo decisivo la percezione dell’estetica e dell’invecchiamento dell’intero viso, come descritto anche in un articolo dedicato a questa procedura e disponibile nel sito del National Center for Biotechnology Information, e questo spiega perché la chirurgia delle palpebre stia suscitando sempre più interesse sia tra gli uomini che tra le donne che desiderano ritrovare un aspetto giovane e fresco.

La Blefaroplastica rientra tra gli interventi di Chirurgia Estetica rivolti alla distensione della pelle del contorno occhi, tanto nell'uomo quanto nella donna. Serve per eliminare le palpebre cadenti e le borse sotto gli occhi, a seconda delle necessità di ogni paziente. Inoltre, permette anche di estrarre il tessuto adiposo depositato sotto gli occhi e lavorare sul muscolo inferiore e superiore. L’obiettivo finale è quello di recuperare uno sguardo più vivo ed eliminare l’effetto degli occhi stanchi, ringiovanendo lo sguardo e definendo il suo disegno.

Come precisa il Dott. Marco Gerardi: “si tratta di una asportazione della pelle delle palpebre con aspirazione delle parti superiori delle borse di grasso che producono il difetto estetico, l'intervento si conduce con escissioni di cute nella parte superiore della palpebra con un piccolo taglietto a 2 millimetri dalle ciglia”.

È importante sottolineare che questa operazione non serve per eliminare le zampe di gallina o altri tipi di rughe né per sollevare le sopracciglia, come specificato anche dalle linee guida della SICPRE, peró può essere realizzata in abbinamento ad altre operazioni in modo da poter ottenere l’effetto di ringiovanimento che si desidera.

Riassumendo, serve per correggere:

  • eccesso di pelle che ostacola la vista
  • eccesso di grasso sulla palpebra superiore
  • aspetto stanco o invecchiato
  • borse sotto gli occhi

I candidati

Eliminare palpebre cadenti

*Video ceduto dalla Dott.ssa Pozzuoli

I pazienti ideali per la blefaroplastica sono persone che godono di una buona salute, sia fisica che psicologica. L’età indicativa per realizzarla è a partire dai 35 anni, però dipende sempre dalle caratteristiche genetiche ed ereditarie preesistenti di ciascun paziente e, come afferma il Dott. Alberto Peroni Ranchet in risposta a una paziente, “non esiste un’età minima stabilita, in quanto dipende dall’anatomia e dalle esigenze personali di ciascuno”.

La SICPRE sconsiglia questa procedura ai pazienti che soffrono di patologie oculari, come per esempio l’occhio secco di grado severo, perché qualsiasi intervento chirurgico degli occhi o delle palpebre potrebbe aggravare il disturbo. Al contrario, i problemi legati alla retina o al glaucoma di solito non costituiscono un problema. Anche i pazienti precedentemente operati per la cataratta o per la correzione di miopia o ipermetropia tramite laser non dovrebbero riscontrare problemi nell'eseguire l’intervento, ma in ogni caso è sempre meglio informare il chirurgo e decidere se effettuare o meno l’operazione seguendo il suo consiglio.

È fondamentale comunicare sempre al chirurgo eventuali patologie o disturbi medici, come per esempio problemi di tiroide, pressione arteriosa, patologie vascolari o diabete. Un altro dato importante sul quale il medico deve essere messo a conoscenza è l’eventuale presenza di glaucoma, distaccamento della retina o secchezza oculare. In questi ultimi casi si avrà sicuramente bisogno di effettuare una visita specialistica con un Oftalmologo per accertare le condizioni degli occhi prima dell’intervento.

Come scegliere il chirurgo?

Chirurgo blefaroplastica

Specialista in Blefaroplastica

La scelta del chirurgo deve partire innanzitutto dalla verifica del suo percorso di studi e della sua specializzazione: il medico adeguato deve essere uno specialista in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva.

Lo specialista di riferimento deve essere sempre un medico accreditato e specializzato. Per avere la garanzia di rivolgersi a un medico abilitato all'esecuzione di questo intervento si consiglia di consultare gli elenchi dei membri delle principali società di Chirurgia Plastica, Estetica e Ricostruttiva, e preferibilmente iscritto ad almeno una delle società scientifiche o associazioni professionali del settore (SIR, AICPE, SICPRE, ISAPS etc).

Bibliografia

Collaboratori del trattamento

Dott. Tommaso Savoia
Dott. Tommaso Savoia
(134 Opinioni)
Contattare
"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."
Vedi gli specialisti