Informazioni sul trattamento

La Mastoplastica additiva è l'intervento più richiesto dalle donne. Consiste nell'inserimento di protesi nella mammella e le tecniche a disposizione cambiano in base alla corporatura della paziente, così come le forme di protesi: le anatomiche, dette anche a goccia e le rotonde. L'intervento è molto sicuro ed avviene in sala operatoria con anestesia generale o locale e dura un'ora e mezza circa. Dopo una settimana con l'apposito reggiseno e con le dovute precauzioni la paziente potrà tornare alla sua vita quotidiana con il suo nuovo seno, sentendosi soddisfatta della sua nuova immagine.

Durata intervento
1-2 ore
Anestesia
Generale o locale
Ospedalizzazione
DH - 1 giorno
Recupero
5-7 giorni
Effetti
Immediati
Risultati
Duraturi

Cosa è incluso nel prezzo

  • Valutazione iniziale
  • Esame senologico
  • Analisi
  • Operazione
  • Medicazione
  • Controlli

Vantaggi

  • Rende proporzionato il volume dei due seni
  • Corregge eventuali asimmetrie tra le due mammelle
  • Aumenta l'autostima di una donna

Risultati attesi e rischi

I risultati ottenuti con una mastoplastica additiva sono permanenti e definitivi anche se in realtà il seno operato invecchia come qualsiasi altra parte del corpo per cui è impossibile pensare che il risultato ottenuto con l'operazione si mantenga inalterato negli anni. Anche le protesi mammarie invecchiano e sebbene siano studiate per durare tutta la vita della paziente possono rompersi spontaneamente e quindi devono essere sostituite. I principali rischi e le possibili complicazioni di una mastoplastica additiva sono il sieroma e l'ematoma, la esposizione della protesi mammaria, la contrattura capsulare, la rotazione della protesi mammaria, lo spostamento delle protesi, le pieghe cutanee e la rottura della protesi.

L'intervento

La mastoplastica additiva è l'intervento chirurgico che ha lo scopo di aumentare le dimensioni del seno rimodellandone allo stesso tempo la forma nei casi di insufficiente sviluppo o di riduzione di volume del seno dopo una gravidanza o una drastica dieta. Può essere monolaterale (ad esempio nelle asimmetrie mammarie) oppure come più spesso avviene bilaterale. L'intervento può essere eseguito in anestesia locale con sedazione farmacologica o in anestesia generale. La scelta dipende dalle preferenze della paziente e dal grado di difficoltà dell'operazione. Per effettuare una mastoplastica additiva è necessario utilizzare delle protesi mammarie in silicone, dei dispositivi medici autorizzati per questo scopo dal Ministero della Salute. Le protesi mammarie possono essere inserite attraverso tre vie di accesso che sono quella ascellare, quella periareolare (intorno alla emi-circonferenza inferiore o superiore dell'areola mammaria) e quella sottomammaria (a livello del solco sottomammario). Una volta introdotte nel corpo le protesi possono essere collocate al davanti del muscolo grande pettorale e immediatamente dietro la ghiandola mammaria, al di dietro del muscolo grande pettorale o in dual plane. La scelta della protesi mammaria adeguata (ne esistono di varie misure e forme) dipende dal volume e dalla forma del seno di partenza. A fine intervento vengono posizionati due drenaggi aspirativi che hanno lo scopo di rimuovere i fluidi che si raccolgono nelle prime ore dopo l'operazione intorno alla protesi mammaria. I punti di sutura sono in genere riassorbibili e non devono essere rimossi. La mastoplastica additiva tradizionale ha in genere una durata di circa 1 ora e mezza, ma in alcuni casi puó arrivare anche a 2-3 ore.

Dopo l'intervento

I tempi di recupero da un intervento di mastoplastica additiva sono a grandi linee 3-5 giorni per riprendere l'attività fisica quotidiana come muovere le braccia senza difficoltà, lavarsi, guidare, etc. La doccia può essere effettuata già 5-7 giorni dopo l'operazione mentre per il bagno in vasca o in piscina si devono attendere almeno 15 giorni. Prima di poter fare sforzi con le braccia come ad esempio sollevare oggetti pesanti da terra devono trascorrere almeno 15-21 giorni in modo da evitare che la contrazione del muscolo pettorale possa provocare uno spostamento della protesi mammaria. L'attività sportiva può essere ripresa dopo 15 giorni se non coinvolge le braccia mentre si deve attendere almeno un mese per gli altri esercizi. In tutte le pazienti è indicato l'utilizzo di un reggiseno elastico contenitivo o di altro tipo, secondo prescrizione medica, anche per un mese dopo l'intervento.

Controindicazioni

La mastoplastica è sconsigliata nelle donne che non possono affrontare in sicurezza un intervento chirurgico e in quelle in gravidanza.

L'informazione pubblicata da Guidaestetica.it è puramente orientativa e con lo scopo di far capire in maniera generale in cosa consiste un trattamento in condizioni normali. Questa informazione NON si puó considerare in nessun caso come un consiglio medico.

Esperienze

Vedi tutte
Ciao a tutte, intervento fatto senza complicazioni il 19 giugno :) Messe protesi Polytech 330 anatomiche extra profilo da entrambi i lati! da una Zero ad un Terza :) Il mio chirurgo dott. Rovatti voleva mettere le 290.. ma mi ha visto parecchio insistente sulla grandezza che mi ha accontentata cercando anche di avvicinare il più possibile il seno. Ho un torace molto largo essendo alta 1.80 e non avendo mai avuto seno, né allattato né nulla c'era davvero poca pelle e zero grasso...solo le ghiandole con le cisti !!! Comunque dopo 16 gg posso dire che il decorso procede...posso già guidare e le devo massaggiare per ammorbidirle, ho reggiseno post operatorio e fascia di giorno e solo reggi di notte... soprattutto ora riesco a dormire su un fianco... ed è fantastico dopo 15 gg di mummia!!! appena riesco carico le immagini :)
187 commenti

Ho effettuato una mastoplastica con round Block circa un anno e mezzo fa , pagata 6.500 euro . Dopo 6 mesi il mio seno si è trasformato , le protesi erano completamente scese ; il chirurgo mi disse che avremmo dovuto fare un ritocco . A distanza di un anno ho fatto una mastopessi ( non a spese mie ) . Dopo circa un mese e mezzo il seno già sta cedendo di nuovo ... Io non capisco il motivo di questo cedimento e sono davvero disperata .

Dopo due gravidanze ed un calo di peso il mio seno era completamente svuotato....non mi sentivo più a mio agio in nessun vestito e nemmeno la scelta di reggiseni super imbottiti mi aiutava a sentirmi donna ...perché davanti allo specchio senza veli il problema restava. Piano piano ho cominciato a pensare all'intervento e questa idea è maturata fino a farmi prendere la decisione definitiva... mi sono sottoposta all'intervento di mastoplastica qualche giorno fa. Adesso mi sento di nuovo donna...e questa consapevolezza cambia decisamente il modo di affrontare la vita.

11 commenti

Dopo l'allattamento il seno era completamente svuotato e cadente, desideravo tanto avere di nuovo il seno di prima ma creme ed esercizi fisici non riuscivano a rendere possibile la cosa. Ho fatto un po' di ricerche e tante visite con degli specialisti che mi hanno consigliato e visitato ma tutti mi hanno detto la stessa cosa, che oltre all'inserimento della protesi c'era il bisogno della round block, che a dire il vero mi spaventava tanto! Io avrei voluto solo rivedere un bel seno pieno e sodo, non immaginavo di dover fare anche un lifting al seno e non accettavo tanto l'idea, tanti Dottori me lo sottoponevano come "problema" ma poi ho incontrato (per fortuna direi) il Dottore che me lo ha spiegato con tale tranquillità che mi ha rassicurata tanto ed infatti ho scelto lui per operarmi. Il risultato è bellissimo, meglio di come lo immaginavo, mi sono affidata toltalmente a lui e ho fatto decidere tutto al Dottore in modo da potergli far mettere in atto tutta la sua conoscenza e bravura senza ostacolarlo e quindi non far adeguare ciò che era necessario a ciò che volevo io, risultato naturalissimo! E sono felicissima di com'è andata!

19 commenti

Sogno realizzato! :)

Anonimo · 2 ott 2016
Mi sono operata il 19 dicembre 2016. Alle 10:00 mi sn presentata in clinica e alle 12 dopo aver parlato cn l'anestesista ero in sala operatoria :) avevo paura dell'anestesia ma è stata bellissima...nn mi sn accorta di nulla...ho anke sognato e mi sn risvegliata tranquillissimamente...tanto che ho chiesto all'anestesista se avessi russato..ahahah e mi ha detto di no :) fiuf menomale se no che figura ;) dopo che mi sn svegliata mi hanno portata in Camera...consiglio a tutte di farsi una notte...xké se si fa la generale tra che nn si ha mangiato...tra i farmaci...a me mi era andata la pressione a terra...appena mi hanno messa in posizione seduta verso le 17 per farmi bere il tè stavo svenendo...mi hanno fatto una flebo di glucosio e mi sn ripresa...alle 19 stavo svenedo ancora e questa volta ero sdraiata...e allora mi hanno fatto una flebo che loro chiamano "tiramisù" e mi sn ripresa....finalmente sn riuscita ad alzarmi per fare la pipì a mezzanotte...ovviamente nn mi sn alzata da sola...c'è bisogno di qualcuno che ti aiuti ad alzarti...la notte l'ho passata bene...anke se nn ci si riesce a muovere...ma come si dice...chi bella vuole apparire un poco deve soffrire ;) ed è tutto sopportabilissimo. Prima di dimettermi mi hanno dato l'antibiotico e un antidolorifico :) sono troppo felice di avere finalmente il seno che ho sempre sognato...anke se nn posso togliere il regg. Contenitivo so che sarà come lo volevo :) Ragazze se volete farlo buttatevi nn fatevi bloccare dalle paure ;) forza e coraggio!!
701 commenti

Vorrei condividere la mia esperienza per far capire a tutte le amiche che si vogliono sottoporre ad un aumento del seno di non fare i miei stessi errori. Premetto che a 20 anni ero molto insoddisfatta del mio seno perchè avevo una prima e ciò mi causava parecchio disagio così ho deciso di mettere da parte i soldi e trasformare la mia prima in una terza piena. Purtroppo poi non ho seguito proprio alla lettera le indicazioni del chirurgo, ho indossato i reggiseni che volevo e ho "bistrattato" il mio seno così per i successivi 15 anni mi sono tenuta seni asimmetrici e dalla forma irregolare, per giunta il seno destro nel corso degli anni aveva anche sviluppato una contrattura capsulare quindi risultava molto duro al tatto e di forma troppo tonda. Alla fine a 35 anni mi sono decisa e ho fatto sostituire le vecchie protesi! Adesso ho una quarta piena, sono passati quasi 2 mesi dall'intervento e il seno destro non è mai stato così morbido al tatto, non c'è più traccia della precedente contrattura capsulare che lo rendeva duro come il marmo e anche il sinistro si sta riprendendo bene, sono ancora lievemente asimmetriche ma bisogna essere pazienti e aspettare almeno 7/8 mesi per vedere il risultato definitivo perciò consiglio a tutte di non farsi prendere dal panico se vedete che i vostri seni risultano asimmetrici dopo l'intervento, ci vogliono mesi prima che si assestino ma se indosserete con costanza un reggiseno sportivo tutti i giorni non avrete problemi. Niente ferretti, niente coppe imbottite o preformate per almeno 6 mesi se volete un bel risultato, mi raccomando non fate come ho fatto io dopo il mio primo intervento!

11 commenti
Quando un desiderio rimane immutato nel corso della vita, capita che giunge il momento opportuno in cui fare la svolta. È quello che mi è successo pochi mesi fa. Mi ero informata per un lipofilling al seno, ma alla visita con la mia dottoressa, lei mi ha scoraggiata, in quanto non avevo zone con sufficiente grasso da prelevare senza rischiare di causare inestetismi e inoltre il risultato non è molto apprezzabile con una sola seduta. Mi ha invece prospettato la mastoplastica, spiegandomene i pro e soprattutto i contro e le eventuali complicanze. Ero contraria alle protesi, ma nelle settimane successive ci ho pensato, mi sono documentata anche leggendo le esperienze di tante di voi che l'hanno già fatta e la scelta è stata compiuta. Ho ricontattato la dottoressa Anna Maria Ricci ed ho fatto altre visite finalizzate all'intervento di mastoplastica additiva. La mia situazione di partenza era una seconda coppa A scarsa, con seno mai sviluppato e capezzoli piccoli da preadolescente, sono alta 160 e peso 56kg. Sottoseno 77-78cm, seno 83, con lieve asimmetria. Scherzando dicevo che portavo la 0 a sin e la 00 (come la farina 00 a dx). Ho quasi 45 anni, ed ho sempre sofferto la mancanza di seno dalla mia adolescenza. La dottoressa ha optato per proresi Mentor tonde da 250, alto profilo, in modo da non debordare lateralmente ed avere un seno coppa C circa, proporzionato e più naturale possibile. Ho fatto l'intervento venerdì 3 febbraio, con anestesia locale e sedazione, sottomuscolo, con incisione nel solco sottomammario. Un drenaggio tolto sabato mattina e l'altro drenaggio lunedì. Postoperatorio: la prima notte non ho dormito molto. Non ci si immagina quanto si usino i muscoli pettorali nel quotidiano fino a quando usarli ti toglie il respiro dal dolore. Com me c'era mia madre, che mi ha assistita. La seconda e terza notte ho dormito poche ore. Dopo 48 ore il peggio era passato ed i movimenti delle braccia cominciano a sciogliersi. Non riesco ancora ad aprire alcuni sportelli o cassetti, ma adesso riesco a vestirmi con abiti comodi da sola. La sensazione di dolore somiglia ad avere un grosso livido e qialcuno che ci preme sopra! Oggi, 6° giorno, la dottoressa ha tolto le fasce. Il seno è alto e gonfio. Le ecchimosi sono poche e le incisioni prudono. Ma mi sento bene. SONO FELICE
94 commenti

Mastoplastica additiva

Anonimo · 27 ott 2015
Ho deciso di sottopormi a mastoplastica additiva 40 giorni fa perchè non avevo nemmeno una prima e questo per me era un grande disagio. La mia più grande paura non era tanto l'intervento in se, ma come la gente mi avrebbe giudicata dopo, perchè purtoppo ti additano subito, pensando sia un capriccio e non un disagio vero e proprio. Dopo l'operazione avevo molto dolore allo sterno, ai muscoli, non riuscivo ad alzarmi perchè mi faceva male tutta la parte anteriore (braccia comprese). La cosa più brutta è stata non essere autonoma i primi giorni nemmeno per alzarsi e il forte dolore, la cosa più bella è stato risvegliarmi dall'intervento e vedere che avevo un bellissimo seno.
61 commenti

Temi del foro

Vedi tutto
Temi Messaggi Ultimo messaggio
13 Ieri 23:25
43 Ieri 21:50
17 Ieri 13:13

Video

Vedi tutto

Promozioni

Vedi tutte
Chiedi al dottore

domande

Vedi tutte

Gentile dottore,sono una signora di 51 anni e tre mesi fa mi sono sottoposta a un intervento di sostituzione delle protesi mammarie. Già il giorno dopo la mammella sx non aveva drenato bene,per cui il chirurgo mi sottopose a manovra di spremitura manuale intensa e dolorosa. Nonostante ciò,mentre la mammella dx proseguiva il normale decorso postoperatorio,la sx restava gonfia,livida e insensibile al tatto. Alla successiva visita di controllo,dopo un mese dall'intervento,il chirurgo,senza quasi neanche vedermi,disse che era tutto nella norma e che dovevo continuare a massaggiare il seno. Ho continuato a massaggiare la mammella sx ogni giorno,notando fuoriuscita di liquido sieroso verdastro. Stasera,a distanza di due mesi dal primo controllo,ho notato un colorito piu acceso del capezzolo sx e ho premuto per verificare la fuoriuscita di tale siero. Da un forellino è uscita una notevole quantità di liquido verdastro,mentre da un altro forellino è uscito liquido rosso scuro simile a sangue scuro. È condizione normale dopo tre mesi dall'intervento avere tali perdite,oltre a sensazione di peso e insensibilità? Come mi consiglia di muovermi? Nella mia famiglia non ci sono casi di cancro al seno e tengo a precisare che ho avuto sei figli ,tutti allattati al seno per lunghi periodi. Ringrazio per l'attenzione e resto in attesa di una risposta che possa rassicurarmi.

Per il momento nessuna risposta

Salve dottori, da anni sto pensando di sottoporrei ad un intervento di mastoplastica additiva. Ero decisissima fino a qualche giorno fa, fino a quando mi sono per caso imbattuta in vari studi e commenti di ragazze e donne di tutto il mondo. Uno di questi studi effettuato in America parla di una correlazione tra una particolare forma di tumore "anaplastic large cell lymphom" e le protesi al seno. Inoltre sono entrata all'interno di un gruppo fb comprendente più di 21.000 donne di tutto il mondo, le quali hanno dovuto procedere alla rimozione delle protesi, perché stava riscontrando diversi sintomi alcuni dei quali anche gravi, come perdita di memoria, nausea, vertigini, lupus, sviluppo di malattie autoimmuni come psoriasi e altro, e loro chiamano questi sintomi "breast implant illness". Vorrei chiedervi cosa ne pensate a riguardo? Vi ringrazio! Cordiali saluti!

Dott. Cristiano Biagi

Miglior risposta

Gentilissima, gli impianti utilizzati in questi anni, non danno rischio di tumore. Protesi come le MOTIVA IMPLANTS, sono state constatate dalla ricerca idonee al paziente e quindi dissociate a tutte le forme tumorali. Cordialmente Dott. Cristiano Biagi ... leggi di più

1 Risposta leggi di più

Passato un mese e mezzo dall'intervento e quando mi alzo da letto se sforzo dalla parte sx continuo ad avere bruciore e anche dolore al tatto. Se mi tiro su sforzando solo il braccio dx ho meno male sul seno sx ma sento comunque bruciore al tatto. Non ce la faccio più. Sto pensando di togliere tutto se continua così. Partivo da una prima, ora ho una terza. È possibile rimuovere solo le protesi o devo per forza fare anche mastopessi?

Dr. Ignazio Sapuppo

Miglior risposta

Le consiglio di consultare il suo chirurgo. ... leggi di più

2 Risposte leggi di più

altezza 1,79 peso circa 60 kg torace e spalle larghe ...ho una seconda scarsa di una bella forma tonda ...mettero' allergan o mentor 330 tonde ...vorrei una terza abbondante ci arriverò ??

Per il momento nessuna risposta

Articoli

Vedi tutto

Foto

Vedi tutte
mastoplastica additiva.jpg
mastoplastica additiva.jpg 24 lug 2017

mastoplastica additiva dual-plane con accesso periareolare, protesi anatomiche

Dr. Michele P. Grieco, PhD

Centri in primo piano

Vedi tutto

Dott. Pardo Alfonso

43 raccomandazioni

Il Dott. Alfonso Pardo si avvale di un'esperienza ventennale maturata attraverso la formazione, il conseguimento della Specializzazione in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica con il massimo dei voti e la lode ed il perfezionamento pluriennale continuo presso le più prestigiose Scuole di Chirurgia Plastica ed Estetica di Svizzera, Francia, Belgio.Il rigore nella scelta della tecnica più appropriata ed adatta al singolo caso, il senso estetico, i risultati naturali, il dialogo e l'ascolto costante del paziente, delle sue motivazioni ed esigenze, sono i caratteri che lo contraddistinguono.Il Dott. Pardo si occupa personalmente del trattamento globale del paziente dalla prima visita, all'intervento chirurgico, ai controlli postoperatori, non vi è quindi alcuna delega di competenze. Per maggiori dettagli consulti il C.V in calce.Elenco di interventi di Chirurgia EsteticaChirurgia Estetica del SenoMastoplastica additivaMastoplastica riduttivaLifting del seno o mastopessiMastoplastiche estetiche delle malformazioni mammarie: asimmetria mammaria, Sindrome di Poland, mammella tuberosaGinecomastiaChirurgia Estetica della SilhouetteGluteoplastica, protesi gluteeTrattamento della cellulite e cuscinettiLiposcultura e Liposuzione delle cosce, fianchi, glutei, addome, braccia, collo..Lipomodelage e Lipofilling corpoLifting delle cosce e delle bracciaLipoaddominoplasticaMini-addominoplasticaAddominoplastica classicaDiagnosi e terapia degli esiti da dimagrimenti importanti da chirurgia dell'obesità e/o dieteCheck up e trattamento dell'invecchiamento del visoTrattamenti combinati delle rughe mediante:Botulino, Fillers (acido ialuronico)Biorivitalizzazione/Stimolazione del viso, collo, decolleté..Aumento e definizione delle labbra, zigomi, mento, ovale visoRinofiller o rinoplastica medicaBlefaroplastica delle palpebre superiori ed inferioriChirurgia estetica della regione peri-orbitaria e dello sguardoLipostruttura del visoLifting totale del viso e colloLifting parziale o mini-liftingOtoplasticaDermochirurgiaDiagnosi e terapia delle neoformazioni cutanee benigne: cisti sebacee, nevi melanocitici, nevi congeniti giganti, nevi displastici, lesioni precancerose, cisti congenite della faccia…Diagnosi e terapia dei tumori cutanei maligni: epiteliomi basocellulari e spinocellulari, lentigo maligna, melanoma cutaneo….Diagnosi e terapia delle neoformazioni benigne dei tessuti molli: lipomi, fibromi, neurofibromatosi, dermatofibromi, angiomi…Altri campi d'interesse:Onco-Plastica cutanea convenzionata (Asportazione dei tumori cutanei del viso e del corpo e ricostruzione )Ricostruzione mammaria post-oncologica.Curriculum Vitae del Dott. Alfonso PardoIl Dott. Alfonso Pardo si laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Catania a pieni voti e con lode e consegue l'Abilitazione all'esercizio della professione di Medico Chirurgo nel 1989. Si specializza in Chirurgia plastica e Ricostruttiva presso l'Università degli Studi di Catania a pieni voti e con lode nel 1996.1986: si aggiudica, come studente in Medicina, una borsa di studio della FiMSIC finalizzata ad uno stage pratico presso il Dipartimento di Chirurgia dell'University Central Hospital di Oulu in Finlandia1990: frequenta in qualità di Assistente volontario il Reparto di Chirurgia Plastica presso la IIª Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Federico II di Napoli1994: frequenta, in qualità di Visiting-Fellow, il Dipartimento di Chirurgia Plastica dell'Hopital Universitarie Brugmann e l'Unità di Chirurgia Plastica- Estetica della Clinique Cavelles adi Bruxelles1997: è Chirurgo Assistant bénévole presso il Reparto di chirurgia plastica ed estetica della Clinique Bizet di Parigi1997-1998-1999: ricopre il ruolo di Chirurgo Attaché Spécialiste presso il Dipartimento di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica del Centre Hopitalier Universitarie (C.H.U.) di Rennes, Francia1999: Award-winning, si aggiudica il premio per la migliore comunicazione scientifica del 44° Congresso Nazionale della Società Francese di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (SOFCPRE) a Parigi1999: X° Meeting Annuale EURAPS, Madrid2000: è vincitore di una borsa di studio semestrale offerta dall'Istituto Europeo di Oncologia di Milano,IEO, per il Servizio di chirurgia plastica e ricostruttiva2000: Fellowship in chirurgia plastica e ricostruttiva della mammella presso il Reparto di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell'Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano2000: Relatore all' 11° Meeting Annuale EURAPS, Berlino2001: Fellowship in chirurgia della mano presso l'Institut Français de Chirurgie de la Main di Parigi 2001-2002: ricopre il ruolo di Chef de Clinique presso il Reparto di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica dell'Ospedale Regionale Sion-Hérens-Conthey, Svizzera 2005: Fellowship in Chirurgia Estetica presso il Reparto di Chirurgia Estetica de LaClinic, Montreux , SvizzeraNegli anni successivi alla formazione ha partecipato a numerosi congressi, meetings, seminari, workshops, corsi nazionali ed internazionali anche in veste di relatore. Si aggiorna continuamente sulle tecniche più all'avanguardia, sicure e riproducibili inerenti alla sua specializzazione. Ha partecipato a numerose pubblicazioni e comunicazioni scientifiche sia in qualità di autore che di co-autore ed é stato insignito del Premio Best Paper per il suo lavoro scientifico "The tuberous breast syndrome based on a series of 22 operated patients" presentato al 44° Congresso Nazionale della Societé Française de Chirurgie Plastique Reconstructive et Esthétique nel 1999 e selezionato per la pubblicazione su Year Book of Plastic, Reconstructive and Aesthetic Surgery, Mosby Stati Uniti, nel 2001.

Catania (Città) Catania

Laser Aging Skin Solution Ferrara

11 raccomandazioni

Laser Aging Skin Solution è una società medica che opera nel campo della dermatologia, laserterapia dermatologica, delle tecniche antiaging, nutrizione e rimodellamento corporeo.Il Dott. Antonio Callea e il Dott. Edoardo Vetrano, oltre ai professionisti che operano all'interno della struttura, sono esperti nell'utilizzo della laserterapia, realizzano programmi dermatologici finalizzati alla cura e al benessere della pelle mediante l'impiego di terapie innovative e all'avanguardia, pensate su misura ai disagi di ogni paziente.Le migliori tecnologie laser ed elettromedicali a disposizione per ritrovare una pelle giovane, tonica, sana e naturalmente bella:Laser chirurgico frazionato ablativo e non ablativoLaser vascolareLaser Q-Switched per macchie e tatuaggiLaser per epilazioneFotoringiovanimento non ablativoI migliori specialisti nel campo della dermatologia, medicina e chirurgia estetica e laserterapia con macchinari di ultima generazione al tuo servizio presso il centro Laser Aging Skin Solution situato a Ferrara.

Ferrara (Città) Ferrara

Dott. Giovanni Gallo

12 raccomandazioni

Il Dott. Giovanni Gallo, medico chirurgo specializzato in Medicina Estetica, dirige il Centro Mediester Laser, una clinica pluridivisionale di medicina e chirurgia estetica con sede a Canicatti' (AG). Il Dottor Gallo e' esperto in laserchirurgia dermatologica, vascolare ed estetica, è stato uno dei primi al mondo ad utilizzare la tecnica di laserpolisi per curare le adiposità e il rilassamento cutaneo. La sua competenza la mette a disposizione di tutti coloro che necessitino consulenze precise, essendo suo obiettivo precipuo che la Medicina e la Chirurgia Estetica siano alla portata di tutti, a prescindere dal loro livello economico.A questo scopo, il Dott. Gallo dirige la clinica Centro MediEste Laser s.r.l., struttura pluridivisionale di medicina e chirurgia estetica in cui si effettuano le seguenti prestazioni:BiostimolazioneFillerTossina BotulinicaLassità cutaneaRimodellamento del corpoSmagliatureCure e trattamento dell'acneTrattamenti LaserCheck Up della Pelle e del cuoio capellutoLiposcultura laser assititaMicroliposculturaMastoplasticaAddominoplasticaBlefaroplasticaOtoplasticaTrapianto dei capelliLiftingGinecomastia

Canicattì Agrigento