Informazioni sul trattamento

La Mastoplastica additiva è l'intervento più richiesto dalle donne. Consiste nell'inserimento di protesi nella mammella e le tecniche a disposizione cambiano in base alla corporatura della paziente, così come le forme di protesi: le anatomiche, dette anche a goccia e le rotonde. L'intervento è molto sicuro ed avviene in sala operatoria con anestesia generale o locale e dura un'ora e mezza circa. Dopo una settimana con l'apposito reggiseno e con le dovute precauzioni la paziente potrà tornare alla sua vita quotidiana con il suo nuovo seno, sentendosi soddisfatta della sua nuova immagine.

Durata intervento
1-2 ore
Anestesia
Generale o locale
Ospedalizzazione
DH - 1 giorno
Recupero
5-7 giorni
Effetti
Immediati
Risultati
Duraturi

Cosa è incluso nel prezzo

  • Valutazione iniziale
  • Esame senologico
  • Analisi
  • Operazione
  • Medicazione
  • Controlli

Vantaggi

  • Rende proporzionato il volume dei due seni
  • Corregge eventuali asimmetrie tra le due mammelle
  • Aumenta l'autostima di una donna

Risultati attesi e rischi

I risultati ottenuti con una mastoplastica additiva sono permanenti e definitivi anche se in realtà il seno operato invecchia come qualsiasi altra parte del corpo per cui è impossibile pensare che il risultato ottenuto con l’operazione si mantenga inalterato negli anni. Anche le protesi mammarie invecchiano e sebbene siano studiate per durare tutta la vita della paziente possono rompersi spontaneamente e quindi devono essere sostituite. I principali rischi e le possibili complicazioni di una mastoplastica additiva sono il sieroma e l’ematoma, la esposizione della protesi mammaria, la contrattura capsulare, la rotazione della protesi mammaria, lo spostamento delle protesi, le pieghe cutanee e la rottura della protesi.

L'intervento

La mastoplastica additiva è l’intervento chirurgico che ha lo scopo di aumentare le dimensioni del seno rimodellandone allo stesso tempo la forma nei casi di insufficiente sviluppo o di riduzione di volume del seno dopo una gravidanza o una drastica dieta. Può essere monolaterale (ad esempio nelle asimmetrie mammarie) oppure come più spesso avviene bilaterale. L’intervento può essere eseguito in anestesia locale con sedazione farmacologica o in anestesia generale. La scelta dipende dalle preferenze della paziente e dal grado di difficoltà dell’operazione. Per effettuare una mastoplastica additiva è necessario utilizzare delle protesi mammarie in silicone, dei dispositivi medici autorizzati per questo scopo dal Ministero della Salute. Le protesi mammarie possono essere inserite attraverso tre vie di accesso che sono quella ascellare, quella periareolare (intorno alla emi-circonferenza inferiore o superiore dell’areola mammaria) e quella sottomammaria (a livello del solco sottomammario). Una volta introdotte nel corpo le protesi possono essere collocate al davanti del muscolo grande pettorale e immediatamente dietro la ghiandola mammaria, al di dietro del muscolo grande pettorale o in dual plane. La scelta della protesi mammaria adeguata (ne esistono di varie misure e forme) dipende dal volume e dalla forma del seno di partenza. A fine intervento vengono posizionati due drenaggi aspirativi che hanno lo scopo di rimuovere i fluidi che si raccolgono nelle prime ore dopo l’operazione intorno alla protesi mammaria. I punti di sutura sono in genere riassorbibili e non devono essere rimossi. La mastoplastica additiva tradizionale ha in genere una durata di circa 1 ora e mezza, ma in alcuni casi puó arrivare anche a 2-3 ore.

Dopo l'intervento

I tempi di recupero da un intervento di mastoplastica additiva sono a grandi linee 3-5 giorni per riprendere l’attività fisica quotidiana come muovere le braccia senza difficoltà, lavarsi, guidare, etc. La doccia può essere effettuata già 5-7 giorni dopo l’operazione mentre per il bagno in vasca o in piscina si devono attendere almeno 15 giorni. Prima di poter fare sforzi con le braccia come ad esempio sollevare oggetti pesanti da terra devono trascorrere almeno 15-21 giorni in modo da evitare che la contrazione del muscolo pettorale possa provocare uno spostamento della protesi mammaria. L’attività sportiva può essere ripresa dopo 15 giorni se non coinvolge le braccia mentre si deve attendere almeno un mese per gli altri esercizi. In tutte le pazienti è indicato l'utilizzo di un reggiseno elastico contenitivo o di altro tipo, secondo prescrizione medica, anche per un mese dopo l'intervento.

Controindicazioni

La mastoplastica è sconsigliata nelle donne che non possono affrontare in sicurezza un intervento chirurgico e in quelle in gravidanza.

L'informazione pubblicata da Guidaestetica.it è puramente orientativa e con lo scopo di far capire in maniera generale in cosa consiste un trattamento in condizioni normali. Questa informazione NON si puó considerare in nessun caso come un consiglio medico.

Esperienze

Vedi tutte

Quando un desiderio rimane immutato nel corso della vita, capita che giunge il momento opportuno in cui fare la svolta. È quello che mi è successo pochi mesi fa. Mi ero informata per un lipofilling al seno, ma alla visita con la mia dottoressa, lei mi ha scoraggiata, in quanto non avevo zone con sufficiente grasso da prelevare senza rischiare di causare inestetismi e inoltre il risultato non è molto apprezzabile con una sola seduta. Mi ha invece prospettato la mastoplastica, spiegandomene i pro e soprattutto i contro e le eventuali complicanze. Ero contraria alle protesi, ma nelle settimane successive ci ho pensato, mi sono documentata anche leggendo le esperienze di tante di voi che l'hanno già fatta e la scelta è stata compiuta. Ho ricontattato la dottoressa Anna Maria Ricci ed ho fatto altre visite finalizzate all'intervento di mastoplastica additiva. La mia situazione di partenza era una seconda coppa A scarsa, con seno mai sviluppato e capezzoli piccoli da preadolescente, sono alta 160 e peso 56kg. Sottoseno 77-78cm, seno 83, con lieve asimmetria. Scherzando dicevo che portavo la 0 a sin e la 00 (come la farina 00 a dx). Ho quasi 45 anni, ed ho sempre sofferto la mancanza di seno dalla mia adolescenza. La dottoressa ha optato per proresi Mentor tonde da 250, alto profilo, in modo da non debordare lateralmente ed avere un seno coppa C circa, proporzionato e più naturale possibile. Ho fatto l'intervento venerdì 3 febbraio, con anestesia locale e sedazione, sottomuscolo, con incisione nel solco sottomammario. Un drenaggio tolto sabato mattina e l'altro drenaggio lunedì. Postoperatorio: la prima notte non ho dormito molto. Non ci si immagina quanto si usino i muscoli pettorali nel quotidiano fino a quando usarli ti toglie il respiro dal dolore. Com me c'era mia madre, che mi ha assistita. La seconda e terza notte ho dormito poche ore. Dopo 48 ore il peggio era passato ed i movimenti delle braccia cominciano a sciogliersi. Non riesco ancora ad aprire alcuni sportelli o cassetti, ma adesso riesco a vestirmi con abiti comodi da sola. La sensazione di dolore somiglia ad avere un grosso livido e qialcuno che ci preme sopra! Oggi, 6° giorno, la dottoressa ha tolto le fasce. Il seno è alto e gonfio. Le ecchimosi sono poche e le incisioni prudono. Ma mi sento bene. SONO FELICE

Ragazze, salve a tutte, vi scrivo a distanza di 6 mesi dall’intervento, mi sono operata il 14 aprile scorso, ma chi ha risposto alle mie domande lo sa benissimo. Avevo una paura incredibile, per l’anestesia totale, per il fatto che assumessi THC, per l’intervento in sé, insomma un po’ per tutto. Passai i 5 giorni prima dell’intervento senza fumare, comprai dell’erba light legale, quella che sta spopolando ultimamente e la notte prima chiusi gli occhi si e no per 2 ore, nonostante l’incontro del pomeriggio con il mio chirurgo che mi aveva trasmesso una fiducia incredibile. La mattina dell’intervento, partì da Salerno ed alle 8 in punto mi trovavo già a Caserta, alla Clinica Iatropolis, fantastica, una struttura nuova, pulitissima, silenziosa, personale qualificatissimo, vitale, allegro, disponibile. Cominciai a compilare tutte quelle scartoffie, tra cui richiesti dati personali e firma del consenso informato. Dopo, mi accompagnarono nella mia stanza. Avevo una stanza tutta per me, quasi come fossi in hotel, dove i miei genitori potevano aspettare nel mentre dell’intervento. Neanche il tempo di spogliarmi e indossare il pigiama, rigorosamente con l’apertura sul davanti, che arrivò l’infermiera, dolcissima, la quale mi face indossare delle buste ai piedi e mi invitò a togliere il piercing all’ombelico. Mi accompagnò in sala operatoria, dov’era il mio chirurgo che si stava preparando all’intervento. Ci salutammo e facemmo due chiacchiere per smorzare un po’ la tensione che avanzava sempre di più. Conobbi lì per lì l’anestesista, fantastico, rassicurante e simpatico. Non ricordo il nome in verità, ma rimasi colpita da una sua battuta; dopo aver parlato, aver visto le mie analisi, aver appurato la mia abitudine di assumere THC, passata circa una mezz’ora gli dissi: “Dottore, sicuro che mi sveglierò?” Una domanda stupida, ma in quel momento era la sola cosa a cui pensavo e che mi terrorizzava di più. E lui con tutto il savoir faire e tutta la nonchalance possibile mi rispose scherzosamente: “Signorì, se lei non si sveglia, a me il mutuo chi lo paga?” E ridemmo insieme per qualche minuto. Finalmente arrivò il momento, il mio chirurgo cominciò a fare dei segni con un pennarello blu sul mio petto, tante linee e tratteggiamenti vari. Sentivo solo l’umido della punta del pennarello e pensavo “calma, adesso è arrivata veramente l’ora, l’hai voluto tanto, ora coraggio”. Mi fecero stendere su una barella e l’anestesista cominciò a maneggiare i suoi arnesi, preparò un lavaggio e cominciò l’iniezione. Dopo qualche minuto mi chiese se cominciassi ad avvertire stanchezza, sonno, ma ragazze zero, niente; così prese una di quelle mascherine con attaccata una pompetta nera. Non so cosa fosse, ricordo che ero sveglissima, ma dopo aver aspirato profondamente due volte da quella mascherina, caddi in un sonno profondissimo che non ricordo nemmeno quando e come è successo. Mi operarono alle 9 e mezza del mattino ed uscì dalla sala operatoria alle 11 e mezza. Mi ricordo che appena mi svegliarono ero ancora in sala operatoria e non mi volevo svegliare per niente, come al solito, addirittura mi volevo girare di lato e assumere la posizione la quale dormo di solito, ma ovviamente non potevo. Arrivai nella mia stanza sveglia, dove c’erano ad aspettarmi i miei genitori ed il mio fidanzato, li vidi e poco dopo mi riaddormentai. Mi risvegliai definitivamente verso le 14 e dovevo fare la pipì così mia madre chiamò l’infermiera per chiedere se comunque potevo alzarmi ed insieme all’infermiera arrivò l’anestesista per accertarsi del mio stato di coscienza, mi aiutarono ad alzarmi dal letto e l’anestesista mi chiese se avessi freddo o giramenti di testa, ma ragazze io stavo benissimo sinceramente, solo un po’ intontita, così preferì alzarmi e fare la pipì da sola senza l’ausilio del “pappagallo”. Dopo circa una mezz’oretta decisi che mi sentivo bene a tal punto da riuscire già a tornare a casa. (Vi ricordo che comunque la reazione al risveglio dell’anestesia è soggettiva, infatti, c’era una ragazza che si era sottoposta all’intervento nel mio stesso momento, nella stessa clinica, ma con un chirurgo diverso e la sua reazione al risveglio fu piuttosto traumatica, aveva tanto freddo e qualche decimo di febbre, sentì dire dalle infermiere che doveva restare lì in clinica per la notte in modo da tenerla sotto controllo.) Il viaggio per me fu un po’ brutto per via delle buche e dei dossi in strada, solo per quello, facevano un po’ dolore. Tornai a casa e il sabato dell’operazione passò in fretta e senza alcun tipo di dolore o problema, solo un piccolo e normale fastidio. Questo perché ero ancora sotto effetto dell’anestesia. Il giorno dopo l’intervento, risveglio normale, ma ebbi un notevole peggioramento dei dolori durante la giornata. Il mio chirurgo mi aveva prescritto la Tachipirina 1000 da prendere ogni volta che avevo dolore forte, non più di due volte al giorno, un antibiotico da prendere mattina e sera per cinque giorni ed una specie di integratore alle erbe per gli ematomi da prendere per un mese intero mattina e sera. Ragazze sinceramente la Tachipirina non aveva alcun effetto su di me e per i primi cinque giorni ho fatto un abuso spropositato di Oki, a volte ne prendevo anche 3 o 4 al giorno, cosa sbagliatissima, ma era l’unico modo per alleviare il dolore. Al mio chirurgo l’ho confessato dopo mooolto tempo per evitare ramanzine (ed aveva pure ragione). Comunque i primi cinque o sei giorni sono stata parecchio addolorata, un seno mi faceva male più dell’altro, non riuscivo a dormire perché io sono abituata a dormire a pancia in giù, cosa impossibile da fare, non riuscivo neanche ad abbassare o ad alzare le mutandine. Ho avuto bisogno di qualcuno che mi aiutasse costantemente ad alzarmi dal letto perché da sola era impossibile, mi dovevano mettere le braccia e le mani dietro la schiena e sollevarmi piano piano con tutto il busto senza che io mi potessi sforzare un minimo, altrimenti sarebbero saltati i punti ancora troppo freschi, MAI sollevare la paziente dalle braccia, sempre mani dietro la schiena. La prima visita post-operatoria dopo sei giorni esatti, quando già mi sentivo meglio, quando i dolori cominciano a diminuire, solo il tratto di strada da casa mia allo studio del mio chirurgo mi faceva sentire dolori, sempre per via delle strade dissestate e i vari dossi. Quando entrai in ambulatorio, non vedevo l’ora di vederle per la prima volta, ero curiosissima di vedere se erano come volevo io. La prima volta che le vidi in realtà rimasi un po’ stranita, le vedevo giganti, immobili, troppo finte, ma il dottore mi rassicurò dicendo che era del tutto normale, era soltanto gonfiore. La seconda visita, dopo 12 giorni dall’intervento, andai a togliere i punti e feci notare al dottore che mi erano usciti dei piccoli ematomi sotto entrambi i seni, ai lati, ma anche questo era normalissimo. Ho portato il reggiseno e la fascia post-operazione per un mese ed ho potuto fare la doccia solo dopo che mi erano stati tolti i punti. Sono riuscita ad alzarmi da sola dopo 10 giorni dall’intervento, quando sarà anche sparito il fastidio dei dossi per strada e, solo adesso, dopo 6 mesi, riesco a dormire di nuovo a pancia in giù, anche se non del tutto. Sono stata operata con tecnica dual-palne e sono passata da una prima a una terza abbondante. Avendo un seno abbastanza tuberoso, il dottore mi ha operato dall’areola e la cicatrice oggi è quasi sparita. Mi sono operata ad aprile e a fine maggio sono anche potuta andare al mare. Ovviamente bisogna fare una visita di controllo ogni paio di mesi, l’ultima l’ho fatta 2 settimane fa, ora andrò prima di Natale. Comunque raccomando a tutte il mio chirurgo estetico, il Dottor Nicola Campitiello di Pagani (SA), un giovane 35enne nel pieno della sua carriera, un professionista sicuro di sé, con la voglia, la passione per la sua professione. Un ragazzone dalle grandi mani d’oro; da quello studio entri come sei ed esci come vuoi. Ad oggi mi sento diversa, mi sento bene, sono felice e posso dire che lo rifarei. Ragazze spero per tutte in un epilogo come il mio, apparte qualche dolorino e spero che la mia storia sia servita a qualcuna per informazione, per un po’ di coraggio in più o per qualche sicurezza in più e abbraccio ognuna di voi. Carolina :)

Prima di sottopormi all’intervento mi sentivo insicura, brutta, senza niente per cui sentirmi donna, poco femminile. L’intervento mi ha donato autostima, mi ha convinto a credere in me stessa. Ringrazio il dott. Alessandro Morelli Coghi e lo consiglio a chiunque abbia il desiderio di cambiare vita e sentirsi bene con se stessa.

Ciao a tutte, ho 25 anni e una gravidanza alle spalle nella quale ho preso 25kg. Avevo già da prima un seno con tendenza alla ptosi e ovviamente una volta persi i chili in più mi sono trovata con due bistecchine lesse attaccate al petto. Per questo motivo mi sono sottoposta il 17/09/2018 Ad un intervento di mastopessi additiva con protesi Motiva da 310cc posizionate sotto alla ghiandola, in anestesia locale con sedazione. Il secondo giorno è stato duro perché il dolore maggiore era il mal di schiena/mal di stomaco (avevo però fatto confusione con i farmaci da assumere). Il terzo giorno ho avuto una reazione allergica ai cerotti ma il mio chirurgo ha facilmente provveduto a cambiare la medicazione con delle semplici garze sterili. Oggi a dire il vero sento bruciore, pizzicorio generale. Spero che i disagi del post operatori passino presto perché personalmente non so “stare” nel dolore e mi sembra che il tempo non passi mai. Qualche consiglio? Grazie

Dopo tre interventi spero davvero di potermi godere il mio seno. Nel marzo del 2017 mi sono sottoposta a mastoplastica additiva sottomuscolo di protesi anatomiche da 300cc.. risultato eccezionale..ero davvero entusiasta se non che dopo 6 mesi la protesi del seno sx mi si è ruotata!! Dopo manovra manuale del chirurgo, fasciatura e varie sedute di elettrostimolazione del muscolo nulla.. la mia protesi si ruotava ancora .. mi sono sottoposta quindi a intervento di revisione della tasca per renderla più stretta in modo "in teoria" di non permettere alla protesi di muoversi.. non ci credevo quando tre mesi dopo nonostante avessi seguito tutte le raccomandazioni la stessa protesi si è nuovamente ruotata... una settimana fa ho pertanto sostituito entrambe le protesi da anatomiche a rotonde.. se ora si girano non si vedrà più!!!!!

Meraviglioso risultato
Donasc · 23 set 2018

Dopo tanti anni di ripensamenti, decido di sottopromi all'intervento di mastoplastica additiva e proprio grazie a giudaestetica, trovo il chirurgo al quale affidarmi. Sono pienamente soddisfatta della scelta. In Ernesto Maria Buccheri, ho trovato un eccellente medico. Chiaro, scrupoloso, sincero, disponibile. Ovviamente il risultato ottenuto è perfetto.

Mastoplastica +++++++ fatta
Maggy85 · 22 set 2018

Ciao ragazze, è da anni che volevo fare questo intervento. Partivo da una prima scarsa e ora ho raggiunto una terza non proprio piena. Ho inserito protesi 275 cc in dual plane. Ma il risultato, anche se è presto, non mi soddisfa appieno. Vedo i sento troppo distanti. Si avvicineranno mai? Che ne pensate?

Esperienza incredibile!!!
Sabry89
Membro Plus
· 21 set 2018

Nonostante paure ed ansie l’ho fatto e non ci credo ancora!mi chiamo Sabrina ed ho 28 anni...stamattina alle ore 8 e 30 mi sono operata al seno con Mastoplastica Additiva quasi completamente sotto muscolo..ho inserito 375cc e partivo da una prima! Mi sono operata dal dottor Cristiano Biagi, ottimo chirurgo che mi ha trasmesso fin da subito fiducia, è competente, premuroso e lo consiglierei a pieni voti..la sua segretaria Natascia è stata dolcissima, sempre presente, mai un ritardo su una risposta è sempre gentilissima...mi sono operata a Pisa, quasi 4 ore da casa mia è questa cosa mi spaventava ancora di più! La scorsa notte non ho chiuso occhio e pensavo e ripensavo a tutto...sono arrivata in clinica ansiosissima sperando fosse tutto un sogno... le ragazze che mi hanno accolto sono state bravissime e così anche l’anestesista..tempo mezz’ora ero già sotto i ferri in anestesia locale con sedazione...il risveglio è stato traumatico, piangevo, avevo fortissimi dolori... purtroppo ho dovuto mettere i drenaggi e sono stata costretta a fermarmi una notte in più a Pisa...ma non posso fare nulla per il dolore e devo stare in hotel fino a domani mattina, che toglierò i drenaggi, indosserò il reggiseno e potrò tornare a casa. Che dire subito dopo l’operazione mi sono pentita di averlo fatto per il dolore...ma sono sicura che una volta guarita sarò felicissima :)) Costo 5.000 euro

Fatelo, non abbiate paura, niente vi renderà più felici, se è questo quello che volete!!! Io partivo da una piccola prima e ho raggiunto una 3B! Dopo tanti anni di disagio, finalmente mi sento bene! Il 3 agosto, ho inserito una 325cc in dual plane rotonde della Mentor, passando dal capezzolo!! Mi ha operata il Dott. Davide Forcellini di San Marino, presso la clinica privata DOMUS MEDICA di San Marino! Ho passato la prima notte in clinica e sono tornata a casa senza drenaggi e con il reggiseno sportivo! Ho seguito tutte le indicazioni del chirurgo, antibiotico, antidolorifico, integratore, creme, massaggi, tutto e ad oggi il risultato non è ancora il definitivo, ma mi piacciono già e sono più belle ogni giorno che passa! Non mi pentirò mai di questa scelta, anzi peccato non averlo fatto prima!!

Temi del foro

Vedi tutto
Temi Messaggi Ultimo messaggio
GRUPPO operate novembre 2018 - Mastoplastica
Alba_Guidaestetica · Roma (Città)
Alba_Guidaestetica
Membro Plus
10 Oggi 22:08
10 Oggi 22:08
GRUPPO operate ottobre 2018 - Mastoplastica
Alba_Guidaestetica · Roma (Città) · 1 immagine
Alba_Guidaestetica
Membro Plus
319 Oggi 21:15
319 Oggi 21:15
FAQs MASTOPLASTICA: rispondono le Beauty Advisor
Laura1203 · Verona (Città) · 4 immagini
Laura1203
Membro Plus
275 Oggi 22:36
275 Oggi 22:36

Video

Vedi tutto

Promozioni

Vedi tutte
In evidenza

Offerta mastoplastica additiva in tutte le sue varianti

Dott. Marco Viganò

Valida fino al 30 ott 2018

3 sedi in Milano, Monza e Brianza, Piacenza

Sconto web PROMO
In evidenza

Visita Gratuita e sconto di € 1000/00

Dr. Giorgio Giovannelli

Valida fino al 30 set 2018

2 sedi in Roma

Sconto web PROMO
In evidenza

Visita Gratuita per mastoplastica additiva con protesi Motiva Ergonomix

Dott. Tommaso Savoia

Valida fino al 12 dic 2018

6 sedi in Brindisi, Lecce, Milano, Monza e Brianza

Sconto web PROMO
Chiedi al dottore

domande

Vedi tutte

Buongiorno, Vorrei sottopormi ad un intervento di mastoplastica additiva con protesi sottomuscolare. Sono un'organista di professione e vorrei sapere dopo quanto tempo potrò tornare a suonare? I movimenti che faccio sono come quelli che si fanno sul pianoforte, braccia piegate a 90° che si muovono orizzontalmente. Grazie per la disponibilità! Cordiali saluti

Health Medical Group

Miglior risposta

Cara Giu, normalmente, nell'arco di uno o due settimane, molte pazienti riprendono le proprie attività lavorative. Il periodo può dilungarsi nei casi in cui si effettui un'attività lavorativa che richiede particolare sforzo fisico e sollevamento pesi. Buona giornata, Prof. Del Gaudio Health Medical Group ... leggi di più

1 Risposta leggi di più
Misura delle protesi Nasocchiona · Oggi

Buonasera, Una settimana fa mi sono sottoposta a intervento di sostituzione protesi mammarie da anatomiche a rotonde in seguito a un problema di rotazione di una delle due, inoltre dovendo già subire intervento ho voluto aumentare i cc da 300 a 360... guardandomi ora a me il seno non sembra più grande... come faccio a constatare che realmente il chirurgo mi abbia messo quello da me richiesto? Sulle targhette consegnatemi c'è scritto 360 ma a me davvero la grandezza sembra uguale a prima! Grazie

Dott. Yuri Macrino

Miglior risposta

Buongiorno signora, le etichette come quella che le è stata consegnata attestano esattamente la protesi che le è stata impiantata. La differenza tra 300 cc e 360 cc è minima, poiché si aumenta di taglia ogni 150 cc circa. Non abbia dubbi sul suo chirurgo e stia serena. Distinti saluti. Dott. Yuri Macrino ... leggi di più

2 Risposte leggi di più

Salve, ho intenzione l'anno prossimo al rinnovo del mio contratto lavorativo sottopormi ad un intervento di mastoplastica additiva. Vorrei naturalmente cercare in anticipo il chirurgo più adatto alle mie esigenze (vorrei un seno molto importante se possibile). La cosa che mi frena è però un tatuaggio situato sotto il mio seno destro, proprio all'inizio del seno. La mia paura più grande è che un eventuale intervento di mastoplastica additiva possa deformarlo o spostarlo eccessivamente. Vorrei chiarimenti riguardo a questa problematica, se è possibile operare senza rovinare il tatuaggio o meglio se mi metto subito il cuore in pace prima di iniziare la ricerca del chirurgo.

Vista la posizione del tatuaggio come appare in fotografia non dovrebbe avere problemi, tuttavia occorre una valutazione diretta per poterle rispondere in maniera più precisa. Cordialmente Equipe Medica CENTRO GENESY ... leggi di più

1 Risposta leggi di più

Articoli

Vedi tutto

Foto

Vedi tutte

Centri in primo piano

Vedi tutto
Dott. Pardo Alfonso

Dott. Pardo Alfonso

51 raccomandazioni

Il Dott. Alfonso Pardo si avvale di un'esperienza ventennale maturata attraverso la formazione, il conseguimento della Specializzazione in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica con il massimo dei voti e la lode ed il perfezionamento pluriennale continuo presso le più prestigiose Scuole di Chirurgia Plastica ed Estetica di Svizzera, Francia, Belgio.Il rigore nella scelta della tecnica più appropriata ed adatta al singolo caso, il senso estetico, i risultati naturali, il dialogo e l'ascolto costante del paziente, delle sue motivazioni ed esigenze, sono i caratteri che lo contraddistinguono.SpecializzazioniIl Dott. Pardo si occupa personalmente del trattamento globale del paziente dalla prima visita, all'intervento chirurgico, ai controlli postoperatori, non vi è quindi alcuna delega di competenze. Elenco di interventi di Chirurgia EsteticaChirurgia Estetica del SenoMastoplastica additivaMastoplastica riduttivaLifting del seno o mastopessiMastoplastiche estetiche delle malformazioni mammarie: asimmetria mammaria, Sindrome di Poland, mammella tuberosaGinecomastiaChirurgia Estetica della SilhouetteChirurgia Rigenerativa, Lipoemulsione, LipofillingGluteoplasticaLiposcultura e Liposuzione delle cosce, fianchi, glutei, addome, braccia, collo..Lipomodelage e Lipofilling corpoLifting delle cosce e delle bracciaLipoaddominoplasticaMini-addominoplasticaAddominoplastica classicaDiagnosi e terapia degli esiti da dimagrimenti importanti da chirurgia dell'obesità e/o dieteCheck up e trattamento dell'invecchiamento del visoMedicina e Chirurgia rigenerativa per invecchiamento viso e decollétéMicrofat e Nanofat viso per il trattamento dei segni dell'invecchiamento visoTrattamenti combinati delle rughe mediante:Botulino, Fillers (acido ialuronico)Biorivitalizzazione/Stimolazione del viso, collo, decolleté..Aumento e definizione delle labbra, zigomi, mento, ovale visoRinofiller o rinoplastica medicaBlefaroplastica delle palpebre superiori ed inferioriChirurgia estetica della regione peri-orbitaria e dello sguardoMicro, NanofatLipostruttura del visoLifting totale del viso e colloLifting parziale o mini-liftingOtoplasticaDermochirurgiaDiagnosi e terapia delle neoformazioni cutanee benigne: cisti sebacee, nevi melanocitici, nevi congeniti giganti, nevi displastici, lesioni precancerose, cisti congenite della faccia…Diagnosi e terapia dei tumori cutanei maligni: epiteliomi basocellulari e spinocellulari, lentigo maligna, melanoma cutaneo...Diagnosi e terapia delle neoformazioni benigne dei tessuti molli: lipomi, fibromi, neurofibromatosi, dermatofibromi, angiomi…Altri campi d'interesse:Onco-Plastica cutanea convenzionata (Asportazione dei tumori cutanei del viso e del corpo e ricostruzione )Ricostruzione mammaria post-oncologica.Curriculum Vitae del Dott. Alfonso PardoIl Dott. Alfonso Pardo si laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Catania a pieni voti e con lode e consegue l'Abilitazione all'esercizio della professione di Medico Chirurgo nel 1989. Si specializza in Chirurgia plastica e Ricostruttiva presso l'Università degli Studi di Catania a pieni voti e con lode nel 1996.1986: si aggiudica, come studente in Medicina, una borsa di studio della FiMSIC finalizzata ad uno stage pratico presso il Dipartimento di Chirurgia dell'University Central Hospital di Oulu in Finlandia1990: frequenta in qualità di Assistente volontario il Reparto di Chirurgia Plastica presso la IIª Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Federico II di Napoli1994: frequenta, in qualità di Visiting-Fellow, il Dipartimento di Chirurgia Plastica dell'Hopital Universitarie Brugmann e l'Unità di Chirurgia Plastica- Estetica della Clinique Cavelles adi Bruxelles1997: è Chirurgo Assistant bénévole presso il Reparto di chirurgia plastica ed estetica della Clinique Bizet di Parigi1997-1998-1999: ricopre il ruolo di Chirurgo Attaché Spécialiste presso il Dipartimento di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica del Centre Hopitalier Universitarie (C.H.U.) di Rennes, Francia1999: Award-winning, si aggiudica il premio per la migliore comunicazione scientifica del 44° Congresso Nazionale della Società Francese di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (SOFCPRE) a Parigi1999: X° Meeting Annuale EURAPS, Madrid2000: è vincitore di una borsa di studio semestrale offerta dall'Istituto Europeo di Oncologia di Milano,IEO, per il Servizio di chirurgia plastica e ricostruttiva2000: Fellowship in chirurgia plastica e ricostruttiva della mammella presso il Reparto di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell'Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano2000: Relatore all' 11° Meeting Annuale EURAPS, Berlino2001: Fellowship in chirurgia della mano presso l'Institut Français de Chirurgie de la Main di Parigi 2001-2002: ricopre il ruolo di Chef de Clinique presso il Reparto di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica dell'Ospedale Regionale Sion-Hérens-Conthey, Svizzera 2005: Fellowship in Chirurgia Estetica presso il Reparto di Chirurgia Estetica de LaClinic, Montreux , SvizzeraNegli anni successivi alla formazione ha partecipato a numerosi congressi, meetings, seminari, workshops, corsi nazionali ed internazionali anche in veste di relatore. Si aggiorna continuamente sulle tecniche più all'avanguardia, sicure e riproducibili inerenti alla sua specializzazione. Ha partecipato a numerose pubblicazioni e comunicazioni scientifiche sia in qualità di autore che di co-autore ed é stato insignito del Premio Best Paper per il suo lavoro scientifico "The tuberous breast syndrome based on a series of 22 operated patients" presentato al 44° Congresso Nazionale della Societé Française de Chirurgie Plastique Reconstructive et Esthétique nel 1999 e selezionato per la pubblicazione su Year Book of Plastic, Reconstructive and Aesthetic Surgery, Mosby Stati Uniti, nel 2001.UbicazioneLa sede principale dello studio del Dott. Pardo Alfonso si trova a Catania.

Catania (Città) Catania

Dott. Fabio Iacoponi

Dott. Fabio Iacoponi

24 raccomandazioni

Il Dott. Fabio Iacoponi è un medico chirurgo che ha dedicato la propria carriera esclusivamente alla medicina estetica. Vanta un'esperienza trentennale che lo rende un punto di riferimento per tutto il settore.SpecializzazioniFin dal 1981, il Dott. Fabio Iacoponi utilizza sorgenti laser, materiali d'impianto per la correzione di rughe e profili del volto e la tossina botulinica dal 1999 (tecnica appresa direttamente dal Dott. C. Le Louarne a Parigi).Il curriculum del Dott. Fabio Iacoponi si completa con:Relatore presso i più prestigiosi congressi internazionali di Medicina Estetica e dermatologia, in cui ha spesso presentato tecniche di propria invenzione, soprattutto nel campo dei Laser e della Radiofrequenza.Tutor nel proprio studio di numerosi medici apprendisti ed allievi provenienti da tutto il mondo.Socio Rotary per la Medicina Estetica.Medico autorizzato da Q-Med per l'impianto di Macrolane, l'acido jaluronico iniettabile per gli inestetismi del corpo.Tra i numerosi trattamenti proposti dal Dott. Fabio Iacoponi elenchiamo: ringiovanimento viso-corpo, Macchie viso, mani, corpo, Profili del volto: labbra, zigomi, mento, naso, arcate sopraccigliari, Invecchiamento mani-piedi: tecnica personale, Capillari, angiomi, couperose, Epilazione laser viso-corpo uomo-donna, Cicatrici (anche da acne), smagliature, Perdita capelli, sopracciglia, barba, pelo púbico, Trapianto di capelli e sopracciglia con tecnica FUE, Eliminazione tatuaggi, Cellulite, adiposità localizzata,Seno, tonificazione con hydroelettroforesi, Glutei :Macrolane, fili riassorbilbili, Ustioni, ulcere cutanee, da decúbito, Piccola patologia cutanea con laser (fibromi, cisti, verruche, condilomi, ecc), Assistenza dietologica, Botulino, Iperidrosi mani, ascelle, fronte, Trattamento verruche con una recente tecnica che prevede l'uso del laser vascolare Nd:YagUbicazioneIl Dott. Fabio Iacoponi esercita a Padova.Dott. Fabio Iacoponi con N. d'iscrizione all'Ordine dei Medici di Padova 4625

Padova (Città) Padova

Medical Consulting Center

Medical Consulting Center

4 raccomandazioni

Medical Consulting Center é un centro medico plurispecialistico, che si occupa di Medicina e Chirurgia Estetica, Chirurgia Maxillo-Facciale, Odontoiatria e Ortodonzia, Radiologia Dentale e anche di Nutrizione e Terapia Detox. SpecializzazioniPresso il Medical Consulting Center si eseguono numerosi trattamenti estetici sia per il viso che per il corpo, come per esempio filler, peeling, lifting non chirurgico, lipodissolve e ringiovanimento di mani e collo. Inoltre i pazienti possono trovare anche la possibilitá di richiedere una dieta personalizzata, studiata in base al test del DNA, e terapie detox.Oltre ai servizi estetici, il Medical Consulting Center, é dotato anche di un ambulatorio odontoiatrico, rivolto alla cura e prevenzione delle patologie della bocca sia in pazienti adulti che bambini, dove si eseguono servizi di Odontoiatria estetica, Endodonzia, Implantologia, Chirurgia orale e Ortondonzia invisibile.Ubicazione Medical Consulting Center ha sede a Campione d´Italia.

Campione d'Italia Como

Pubblicità