Ilaria_Berselli
Ilaria_Berselli
Copywriter e redattrice con esperienza in giornalismo e comunicazione. I suoi articoli sono incentrati soprattutto su attualità, salute e benessere.
Creazione: 29 feb 2016 · Aggiornamento: 18 gen 2019

Informazione addizionale

Navigazione

  • Introduzione
  • Che cos’è l’acido ialuronico?
  • Benefici e usi dell’acido ialuronico
  • Chi può realizzare un trattamento con acido ialuronico?
  • I trattamenti a base di acido ialuronico
  • A chi rivolgersi per un trattamento con acido ialuronico
  • Cosa bisogna fare prima del trattamento?
  • Risultati e durata dell’acido ialuronico
  • Effetti collaterali e controindicazioni
  • Le principali marche di acido ialuronico
  • Dubbi e domande frequenti
  • Testimonianze
  • Bibliografia

Introduzione

L’acido ialuronico ha acquisito un ruolo sempre più importante nei trattamenti iniettabili e non invasivi della Medicina Estetica, specialmente nell’ultimo decennio. Il suo uso per fini estetici, infatti è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, tanto che, se guardiamo alle statistiche dei trattamenti estetici non chirurgici più eseguiti nel 2016, l’acido ialuronico è risultato secondo solo al Botulino, riscontrando un aumento del 7% rispetto ai dati del biennio precedente.

*Video ceduto dal Dott. Zunica

*Video ceduto dalla Dott.ssa Moro

Che cos’è l’acido ialuronico?

L’acido ialuronico è una sostanza fondamentale, un saccaride o zucchero complesso, classificato come glicosaminoglicano. È naturalmente presente nell’organismo umano in quanto è una delle molecole che compongono i tessuti connettivi dell’uomo e degli altri mammiferi. Proprio perché si tratta di una sostanza naturale è biocompatibile ed anche riassorbibile dal corpo, e parte del suo successo è dovuta anche a queste sue caratteristiche.

In Medicina Estetica, l’acido ialuronico, viene utilizzato per la sua funzione riempitiva e idratante che permette sia di riempire le rughe del viso che di aumentare i volumi di determinate zone del volto o del corpo.


L’effetto riempitivo ottenuto tramite l’infiltrazione di acido ialuronico (eseguito tramite filler dermici) è dovuto a una delle proprietà principali di questa sostanza, ovvero la sua capacità di resistenza e di mantenimento della forma, come precisato dagli specialisti del Poliambulatorio San Gaetano, i quali aggiungono che con l’avanzare dell’età l’acido ialuronico diventa meno presente nell’organismo e di conseguenza la sua carenza rappresenta uno dei fattori di progressivo indebolimento della pelle e di formazione delle rughe.

Acido ialuronico effetti

*Immagine ceduta dalla Dott.ssa Osmangaj

Benefici e usi dell’acido ialuronico

L’acido ialuronico gode di uno spettro di intervento piuttosto ampio. I suoi usi principali possono essere molteplici e andare dalla correzione delle rughe e il ringiovanimento fino al riequilibrio del viso e dei suoi volumi. Il suo grande vantaggio è quello di essere un prodotto iniettabile, che offre risultati immediati, che non richiede chirurgia ma giusto una leggera anestesia nel punto di iniezione, e che permette di riprendere immediatamente le normali attività quotidiane.

Come illustrato dal Dott. Cristian Gheorghe Plaiasu Coman, specialista in Medicina Estetica, l’acido ialuronico permette, da un lato, di legare acqua e altre sostanze in modo da produrre un gel protettivo e, dall’altro, di stimolare la formazione di collagene così da migliorare l’elasticità dei tessuti e della pelle.

L’acido ialuronico, inoltre, presenta grandi proprietà cicatriziali e antinfiammatorie, dalle quali derivano invece altri dei suoi impieghi, soprattutto nell'ambito della Medicina Riabilitativa e della Medicina dello Sport. L’acido ialuronico viene, infatti, spesso utilizzato anche come base per le terapie infiltrative dell’artrosi del ginocchio o dell’anca e delle articolazioni in generale, aggiunge il Dott. Plaiasu Coman.

Volendo quindi riassumere i benefici e le applicazioni estetiche dell’acido ialuronico possiamo affermare che questo può essere utilizzato per ottenere i seguenti obiettivi:

  • correggere e riempire le rughe superficiali del viso
  • riequilibrare i volumi del viso agendo su naso, mento o zigomi
  • volumizzare e ringiovanire le labbra
  • riattivare le pelli più mature e donare maggiore elasticità e tono alla pelle
  • colmare e attenuare piccole cicatrici
  • attenuare i segni delle occhiaie
  • favorire i processi antinfiammatori
Filler mento sfuggente

*Immagine ceduta dal Dott. Volpe

Chi può realizzare un trattamento con acido ialuronico?

Dato che l’acido ialuronico è una sostanza naturale che non presenta particolari controindicazioni più o meno tutti - uomini e donne, giovani e meno giovani - possono sottoporsi a un trattamento con acido ialuronico, sempre che il medico specialista consultato giudichi che questa sia la migliore indicazione per la paziente o il paziente.

Molte persone, inoltre, si chiedono quale sia l’età più adatta per cominciare a realizzare dei trattamenti a base di acido ialuronico per cercare di contrastare i segni del tempo. La dott.ssa Renata Bortignon - specialista in Medicina Estetica, Omeopatia e Scienze Tricologiche - spiega che non si può indicare con precisione un’età specifica in cui sia consigliabile iniziare a rivolgersi alla Medicina Estetica per rallentare gli effetti dell’invecchiamento cutaneo. Questo perché le caratteristiche della pelle e i suoi tempi di invecchiamento non sono uguali per tutti. La dott.ssa Bortignon suggerisce, quindi, che a partire dai 30 anni è possibile iniziare a valutare la possibilità di realizzare microiniezioni di prodotti biorivitalizzanti e biostimolanti, come l’acido ialuronico, per preservare più a lungo l'idratazione e l’elasticità della pelle. Tuttavia, non si deve pensare che questa sia una regola generale poiché ogni paziente dovrá valutare insieme al suo medico di fiducia quali saranno i trattamenti migliori per il suo caso, e anche quale sará il periodo piú propizio per realizzarlo.


Nota. Non è raccomandabile sottoporsi a trattamenti eseguiti con acido ialuronico giusto nei seguenti casi: gravidanza, tendenza a sviluppare cicatrici ipertrofiche, ipersensibilità al prodotto, presenza di ferite, bruciature o eczemi.

I trattamenti a base di acido ialuronico

È importante fare un piccolo chiarimento: l’acido ialuronico non è un trattamento estetico in sé, ma è semplicemente una sostanza che può essere utilizzata come base di diversi trattamenti e procedure come i filler, la veicolazione transdermica, la biorivitalizzazione e la biostimolazione.

Vediamo più da vicino di che trattamenti si tratta, come vengono eseguiti e che benefici possono apportare.

Filler per il viso

Chiamati anche filler dermici, filler riempitivi o filler facciali. Bisogna innanzitutto distinguere tra filler riassorbibili e filler permanenti: i primi hanno un effetto temporaneo e sono generalmente composti da acido ialuronico, collagene e idrossiapatite di calcio. Si tratta di piccole iniezioni eseguite direttamente sull’area da trattare, generalmente rughe e solchi del viso, ma anche labbra, naso, zigomi e mento. Il loro effetto è immediato, ma non perenne e ha una durata variabile che va dai 2 ai 18 mesi, a seconda dell’area interessata, del prodotto utilizzato e delle caratteristiche fisiologiche del paziente.

Filler per il corpo

Come abbiamo visto i filler con acido ialuronico hanno la capacità di riempire e aumentare i volumi. Questa proprietà è efficace tanto per le labbra o gli zigomi, quanto per altre zone del corpo anche più estese, come glutei polpacci ed anche cicatrici o zone del corpo depresse, a causa di incidenti o traumi, e può essere anche utilizzato per aumentare le dimensioni del pene. Tuttavia, non tutti i medici raccomandano di eseguire questo tipo di infiltrazioni per queste aree del corpo, da un lato perché le dosi iniettate sono molto maggiori rispetto a quelle sufficienti per il viso e dall’altro perché si tratta comunque di trattamenti che non hanno una durata definitiva e quindi non sempre garantiscono risultati soddisfacenti per tutti i pazienti.

Biorivitalizzazione e Biostimolazione

Si tratta sempre di trattamenti antiaging, non invasivi, realizzati attraverso l’uso di aghi molto sottili che permettono di introdurre nella pelle acido ialuronico, vitamine, sostanze antiossidanti oppure anche fattori di crescita autologhi. Le iniezioni, chiarisce il Dott. Daniele Fasano, possono essere eseguite senza la necessità di anestesia (come per i filler) e vengono praticate sul viso seguendo uno schema stabilito dal medico a forma di reticolo. Dato che il trattamento prevede l’esecuzione di diverse iniezioni, seppure piccolissime, si potrebbero verificare gonfiore o arrossamento localizzato dopo il trattamento. L’obiettivo della biorivitalizzazione e della biostimolazione è quello di stimolare, appunto, la produzione di collagene, elastina e acido ialuronico autologo in modo da idratare e tonificare la pelle esposta agli agenti dell’invecchiamento cutaneo.

Veicolazione transdermica

È un trattamento non invasivo e indolore per il paziente, per il quale a differenza dei precedenti trattamenti, non è previsto l’utilizzo di aghi perchè si basa sull’uso della tecnologia a radiofrequenza. La procedura prevede che vengano applicate sulla pelle, precedentemente detersa, un cocktail di principi attivi, in genere acido ialuronico e vitamina C. Dopo l’applicazione si passa quindi un manipolo sulla zona da trattare, per far sì che le sostanze utilizzate possano penetrare in profondità e favorire la rigenerazione cutanea, donando maggiore tonicità e luminosità alla pelle.

*Video ceduto dal Dott. Alberti

Dove fare filler acido ialuronico

A chi rivolgersi per un trattamento con acido ialuronico

Anche se i trattamenti realizzati con acido ialuronico non sono invasivi e non prevedono anestesia o particolari controindicazioni, questo non significa che chiunque sia in grado di tenere in mano una siringa sia autorizzato a eseguire filler o biostimolazioni.

Infatti, è sempre di fondamentale importanza affidarsi a un medico estetico professionista e, come specifica anche la Dott.ssa Valentina Collu, non a estetiste o infermieri che non sono autorizzati a eseguire questo tipo di trattamento.

Un medico specialista in Medicina Estetica è infatti l’unico in grado di valutare qual è il trattamento migliore per ciascun paziente, perché conosce non solo il prodotto e le sue potenzialità, ma anche le proporzioni e volumetrie del viso. Quest’ultimo è un dato imprescindibile per poter ottenere un risultato naturale e proporzionato che rispetti sia i desideri del paziente che gli obiettivi effettivamente raggiungibili.

Inoltre, un medico accreditato vi potrà garantire la sicurezza, provenienza e sterilità del prodotto utilizzato, dato che tutte le sostanze iniettabili, acido ialuronico compreso, devono possedere la certificazione europea CE.

Infine, solo un professionista affidabile e che abbia studiato Medicina Estetica saprà rassicurarvi sul trattamento da realizzare, sui risultati e sui possibili effetti collaterali, così da poter affrontare il trattamento con tranquillità e fiducia.

Consiglio: una buona pratica è sempre quella di verificare che il medico scelto sia iscritto in una delle principali associazioni di Medicina Estetica come la SICPRE, la SIME o l’AICPE.

Come fare filler acido ialuronico

Cosa bisogna fare prima del trattamento?

L’acido ialuronico è un prodotto che per essere utilizzato con fini estetici non richiede il ricorso alla chirurgia e al bisturi. Questo significa che, generalmente, non vengono richiesti al paziente esami preliminari come analisi del sangue o delle urine.


In ogni caso bisogna comunque considerare che si tratta di un prodotto che va iniettato nel corpo, quindi anche se si tratta di una delle procedure più sicure della Medicina Estetica, è sempre di fondamentale importanza informare il medico sul proprio stato di salute generale, su quali farmaci si hanno assunto nelle settimane precedenti, su eventuali gravidanze, reazioni allergiche all’anestesia, episodi di herpes e soprattutto se il paziente dovesse aver già realizzato trattamenti iniettabili dovrà specificare quali sostanze sono state utilizzate ed eventuali complicazioni o reazioni collaterali.

Risultati e durata dell’acido ialuronico

I risultati di un trattamento o di un filler con acido ialuronico sono immediati, ma temporanei. Bisogna infatti ricordarsi che l’acido ialuronico è un prodotto riassorbibile che non dà risultati permanenti. Quindi, sia che si voglia ricorrere a questo sistema per volumizzare le labbra, nascondere una piccola gobba del naso o riempire le rughe del viso, si dovrà comunque ripetere il trattamento dopo il periodo di riassorbimento dell’acido ialuronico.

In genere i risultati ottenuti con questo prodotto possono durare tra i 4 e i 6 mesi, talvolta anche fino ai 12 mesi, tuttavia è importante tenere a mente che la durata non è prevedibile in maniera esatta, perché, come ricorda la Dott.ssa Giovanna Ongaro in una seduta di domande e risposte, l’effetto e la durata dipendono sia dalla sede dove viene eseguita l’infiltrazione che dalle caratteristiche del paziente. “Verosimilmente dopo sei mesi si verifica un fisiologico riassorbimento quasi completo dell’acido ialuronico”, afferma la Dott.ssa Ongaro.

L’acido ialuronico è un prodotto ormai molto diffuso sia nella Medicina Estetica che nella Chirurgia Intima e i risultati ottenibili tramite le iniezioni di questa sostanza possono essere diversi e li possiamo riassumere così:

  • eliminazione delle rughe
  • riempimento e correzione di imperfezioni come avvallamenti o cicatrici infossate
  • aumento del volume di labbra e zigomi
  • rimodellare il naso senza chirurgia (Rinofiller)
  • ingrossamento del pene
  • ringiovanimento intimo femminile

I risultati ottenuti possono essere naturali, se il prodotto viene iniettato nella giusta quantità e modalità, afferma il Dott. Daniele Fasano, il quale aggiunge che è comunque possibile ripetere il trattamento ed eseguire più sedute in modo da correggere e perfezionare gradualmente i risultati.

*Con quale frequenza si può ripetere il trattamento? Gli specialisti del Centro Dermatologico precisano che i tempi possono variare, però rassicurano che i trattamenti e le infiltrazioni di acido ialuronico possono essere ripetute quando si vuole. In generale, si può ripetere il filler per le rughe ogni 6-12 mesi e ogni 6 mesi quello per le labbra.

*Video ceduto dalla Dott.ssa Cianchi

Effetti collaterali e controindicazioni

L’acido ialuronico, essendo una sostanza naturale già presente nell’organismo umano, è considerato un prodotto sicuro, però questo non significa che non possano verificarsi effetti collaterali. Le linee guida dell’ISAPSraccomandano, pertanto, di non utilizzare con troppa leggerezza  i filler a base di acido ialuronico, perché anche se possono sembrare totalmente sicuri, si tratta sempre di sostanze che vengono iniettate nel corpo e che in caso di reazioni avverse sono difficili da rimuovere e potrebbero richiedere un intervento chirurgico.

Le complicanze o effetti collaterali che possono insorgere dopo un trattamento con filler di acido ialuronico possono includere ematomigonfiori granulomi in corrispondenza della zona trattata che possono provocare anche irregolarità e asimmetrie. Potrebbero prodursi anche reazioni allergiche al prodotto, rossori e infezioni. L’applicazione di ghiaccio dopo il trattamento può aiutare a facilitare la minimizzazione dell’effetto di queste reazioni.

Altre possibili problematiche rientrano nel novero delle complicanze previste a livello medico ma estremamente rare, spiegano gli specialisti del centro La Clinique of Switzerland nella sezione di domande e risposte. 

Ialuronidasi: l’antidoto all’acido ialuronico

La Ialuronidasi (o Ialuronoglucosaminidasi) è un enzima che degrada l’acido ialuronico, permettendone il riassorbimento. Viene utilizzata per perfezionare o correggere gli effetti di un filler, ma la procedura deve essere eseguita con precisione e cautela da un medico specialista, chiarisce la Dott.ssa Gilda Santillo.

È una procedura che viene realizzata nei casi in cui l’infiltrazione di acido ialuronico provocasse complicazioni, come per esempio asimmetrie o granuli, che possono compromettere il risultato estetico del trattamento. In questi casi è possibile iniettare la ialuronidasi nella zona interessata per neutralizzare l’acido ialuronico ed eliminarne l’effetto. Il risultato è praticamente immediato, rassicura il Dott. Carlo Graziani, perché la sostanza agisce entro un’ora e i risultati sono visibili nel giro di 24 ore.

Filler acido ialuronico prima e dopo

*Immagine ceduta dalla Dott.ssa Russo

Le principali marche di acido ialuronico

I filler e i prodotti a base di acido ialuronico presenti sul mercato sono moltissimi e non è sempre semplice per i pazienti capire le differenze esatte tra i diversi marchi e come riconoscere un prodotto di qualità. Anche per questo motivo bisogna sempre rivolgersi a medici specialisti e professionisti che utilizzano solo i marchi riconosciuti e certificati disponibili in Europa.

Qui di seguito potrete trovare un elenco delle migliori marche attualmente utilizzate dai medici in Italia e in Europa:

Che cos’è Macrolane?

Macrolane è un filler a base di gel all’acido ialuronico a lento assorbimento che può durare fino a 2 anni, come spiega il Dott. Mario Dini, ed è prodotto dall’azienda farmaceutica svedese Galderma. È utilizzato principalmente per il rimodellamento del corpo. Attualmente è importante sapere che il suo utilizzo per l’aumento del seno è stato sospeso, in quanto la presenza del gel potrebbe intralciare l’esito di mammografie ed esami per la prevenzione al tumore al seno.

Dubbi e domande frequenti

  • È meglio il botulino o l’acido ialuronico? “Dipende. Sia il Mesobotox che l’acido ialuronico possono avere buoni risultati, come anche peeling forti o trattamenti con Laser CO2 per il Resurfacing. Quale di questi trattamenti sia più indicato lo si capisce durante la visita”, Dott. Leonardo Michele Ioppolo
  • Come faccio a sapere se sono allergico all’acido ialuronico? “Essendo un fisiologico costituente del tessuto connettivo, l'allergia all'acido ialuronico è estremamente rara se non quasi inesistente. In ogni caso si può fare un test da un Allergologo o da un Immunologo dotato di tutto ciò che serve per la terapia medica d'urgenza”, Dott. Gustavo Petti
  • Qual è la migliore marca di filler all’acido ialuronico? “Sono diverse le aziende che producono ottimi prodotti, l'aspetto fondamentale da valutare non è tanto la marca quanto il tipo di correzione di cui il paziente ha necessità (labbra, zigomi, ridefinizione del profilo, codice a barre ecc...) e quindi scegliere il prodotto giusto. Il professionista avrà a disposizione differenti prodotti per le varie esigenze”, Dott. Maurizio Otti
  • La durata degli effetti di un trattamento con acido ialuronico è uguale per tutti? “La durata del filler varia a seconda del tipo di acido ialuronico usato e anche a seconda di vari fattori individuali come età, fototipo, tipo di cute, stile di vita (come fumo, alimentazione, attività fisica ecc)”, Dott.ssa Gilda Santillo
  • Dopo vari trattamenti l’acido ialuronico si stabilizza? “Se fatto con regolarità i risultati permangono più a lungo e più stabili nel tempo . In sintesi vanno quasi a combaciare con quello che viene definita durata biologica e durata estetica”, Dott. Massimo Rota
  • Quanto costa un trattamento con acido ialuronico? “I costi sono legati, oltre che al materiale, alla competenza e professionalità dello specialista al quale ci si rivolge. Non si deve pensare a risparmiare se si decide di sottoporsi a trattamenti di Medicina Estetica”, Equipe Medica Centro Genesy
  • Perchè l’acido ialuronico per l’aumento del seno è stato vietato? “È sconsigliato unicamente perchè, essendo radiopaco, l'acido ialuronico crea difficoltà nella lettura delle ecografie e mammografie”, Dott. Alberto Peroni Ranchet
  • Come si può riconoscere un prodotto sicuro se mi trovo all’estero? “Bisogna rivolgersi a dei centri specializzati. Sicuramente faranno uso di prodotti più che certificati”, Dott. Stefano Anderluzzi Medical Laser Clinic
  • Per quanto tempo bisogna evitare l’esposizione al sole dopo un trattamento con acido ialuronico? “Se non compaiono lividi una settimana, se compaiono 3 settimane. Se si prevede di esporsi al sole bisogna comunque usare la protezione solare 50+”, Dott. Leonardo Michele Ioppolo
  • Si può fare un’infiltrazione di acido ialuronico durante l’allattamento? “Nessuna controindicazione: l'acido ialuronico non è un farmaco, non passa nel sangue e nel latte”, Dott.ssa Mariapia Spirolazzi

Testimonianze

“Circa 1 mese fa ho effettuato iniezioni di acido ialuronico nella zona oculare per risolvere il tanto odiato inestetismo delle occhiaie che mi affligge da sempre! Sono molto soddisfatta del trattamento, finalmente non sono più schiava del trucco e il mio viso appare molto meno stanco!” Leggi l'esperienza completa

Saylor - Firenze (Città), Firenze

“Sono molto felice perché giorno dopo giorno le mie labbra mi piacciono sempre di più,proprio per il risultato molto naturale.” Leggi l'esperienza completa

Valentina92v - Alessandria (Città), Alessandria

“I risultati sono molto buoni, la mia pelle è migliorata sensibilmente senza cambiare nessun tratto del mio viso. Ho notato un miglioramento dalla prima seduta ed è un piacere ogni volta poter rifare il trattamento. Negli anni ho notato che la mia pelle è migliorata e rigenerata sensibilmente. Lo consiglio vivamente!” Leggi l'esperienza completa

ValeriaFranceschini - Modica, Ragusa

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."

Collaboratori del trattamento