Prp

Vale la pena
100%
Vale la pena
Basato su 17 esperienze
Prezzo medio
381 €
Prezzo medio
Secondo 45 specialisti
  • Non è necessaria
  • Non richiede ricovero ospedaliero
  • Meno di 1 ora d'intervento
  • Non richiede riposo
  • Risultati visibili dopo un mese
  • Risultati temporanei

Che cos’è il PRP?

Come funziona il PRP

*Video ceduto dal Dott. Roberto Zunica

La Medicina Estetica, al pari di tutte le altre branche della Medicina, vive un processo di costante ricerca e aggiornamento, che porta allo sviluppo di sempre più nuove tecniche e trattamenti innovativi per permettere, alle donne come agli uomini, di poter contrastare gli effetti del trascorrere del tempo sulla pelle, eliminare le rughe, fermare la caduta dei capelli e stimolare la rigenerazione cutanea, oppure può anche essere utilizzato per la terapia delle lesioni articolari, per esempio del ginocchio.

Il PRP o Plasma Ricco in Piastrine rientra, appunto, proprio in questa categoria di trattamenti e grazie alla sua versatilità sta acquisendo sempre più diffusione e successo, sia tra il pubblico che tra i professionisti della Medicina Estetica.

Questi trattamenti rientrano nel ramo della Medicina Rigenerativa: la frontiera più avanzata della Medicina Estetica, come afferma il Dott. Roberto Zunica. Questo nome ha origine nell’obbiettivo stesso della disciplina, ovvero stimolare i processi naturali di rigenerazione cellulare e attivare la produzione di sostanze come Acido Ialuronico, Collagene ed Elastina che sono alla base di una buona elasticità, tonicità e luminosità della pelle.

PRP è una sigla che significa Platelet-Rich Plasma o Plasma Ricco in Piastrine. Il Dott. Mario Gioia spiega che le piastrine presenti nel plasma sono le cellule incaricate della riparazione dei tessuti danneggiati dal tempo o dai traumi. Per ottenere queste piastrine - aggiunge il chirurgo - è necessario innanzitutto eseguire un prelievo di sangue del paziente. Il sangue raccolto verrà quindi inserito in apposite provette e poi in una centrifuga in grado di stratificare i diversi elementi contenuti nel sangue, così da prelevare il siero ricco in piastrine che verrà poi somministrato al paziente tramite iniezioni sottocutanee eseguite nelle specifiche aree da trattare (per esempio viso o cuoio capelluto). In questo modo il siero iniettato potrà agire sui tessuti danneggiati, liberando i fattori di crescita o fattori piastrinici che permettono di stimolare la rigenerazione delle cellule dei tessuti stessi.

Benefici e applicazioni del prp

Benefici del prp

*Immagine ceduta da LaClinique of Switzerland

Il PRP rappresenta, quindi, non tanto un trattamento specifico, ma piuttosto una tecnica o una base di partenza da impiegare come terapia per molteplici scopi, questo perché il trattamento è una vera e propria miniera di fattori di crescita utili sia per le ossa che per la pelle, come dichiara il Dott. Massimo Rota.

I principali campi di applicazione in cui può essere impiegato il PRP e nei quali si possono ottenere i migliori risultati possono essere indicati nei tre gruppi seguenti, come illustra in uno dei suoi articoli la Dott.ssa Vanessa Prandi:

  • ringiovanimento: le infiltrazioni permettono di donare alla pelle un aspetto più giovane, perché l’azione dei fattori di crescita aumenta il tono e il grado di elasticità della cute migliorando allo stesso tempo sia la luminosità che la compattezza della pelle non solo del viso ma anche del collo e del decolleté, così come di mani, addome, interno braccia e gambe.
  • perdita dei capelli: la stimolazione delle cellule staminali del bulbo pilifero attivata dal PRP si è rivelata particolarmente utile per fermare la caduta dei capelli e rafforzare i capelli presenti per eliminare il problema della calvizie e dell’alopecia androgenetica. Inoltre, può essere impiegato anche come trattamento ancellare per il mantenimento dopo un trapianto di capelli.
  • smagliature: può essere impiegato per attenuare le smagliature rosse di neoformazione, grazie alla sua azione di riparazione e di sintesi di nuovo collagene.

Inoltre, il plasma arricchito in piastrine, non trova applicazione soltanto in Medicina Estetica e Rigenerativa (come ad esempio il protocollo anticalvizie BSBS), ma anche per la rigenerazione dei tessuti danneggiati nei seguenti campi:

  • Medicina Riabilitativa e Ortopedia
  • Chirurgia Maxillo-facciale
  • Chirurgia Odontostomatologica
  • Oculistica
  • Terapia delle ulcere cutanee croniche

Chi può realizzare un trattamento con PRP?

PRP per fermare la perdita dei capelli

*Immagine ceduta dalla Dott.ssa Daniela Cosma

Il Dott. Rota chiarisce che i trattamenti che sfruttano le proprietà del PRP sono adatti a tutti i pazienti, uomini e donne, che cercano un terapia antiage non invasiva e naturale, che non ricorra all’impiego di sostanze chimiche (come per esempio nel peeling) o a tecnologie come il laser o la radiofrequenza.

La Dott.ssa Francesca de Angelis, aggiunge che è indicato sia per pazienti giovani che per pelli mature, nel primo caso è indicato in particolare a partire dai 28-30 anni per iniziare a prevenire la comparsa delle rughe.

Allergia e controindicazioni del PRP

Il PRP è un una sostanza autologa estratta tramite un prelievo di sangue venoso dal paziente stesso, quindi non ci sono rischi di incorrere in reazioni allergiche. Tuttavia, per alcuni pazienti questo trattamento potrebbe risultare controindicato, specialmente per quei pazienti affetti da problemi di coagulazione sanguigna, per i pazienti affetti da tumori cutanei, per le donne in stato di gravidanza e infine in caso di infezioni cutanee.

Bibliografia

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."
Vedi gli specialisti