Mastopessi Video in evidenza

Buongiorno, una settimana fa mi sono sottoposta ad una Mastopessi con inserimento di protesi a goccia 320 cc, partendo da una seconda normale. So che è passato davvero poco tempo, ma penso che la misura finale potrebbe essere troppo grande! Dovrei ottenere una quarta in teoria, ma in questo momento il seno sembra davvero esagerato. Di quanto diminuirà il volume con il passare del gonfiore?

Dr Luca Zattoni

Miglior risposta

Troppo presto per trarre conclusioni nonché non potendola vedere non si può dire niente. Il chirurgo avrà calcolato il valore protesico seguendo precisi parametri. Avrà il seno che desidera sicuramente

9 Risposte leggi di più
Il mio è o no un seno tuberoso? Dasha96 · 12 ago 2020

Gentili dottori, sono una ragazza di 24 anni e credo di avere il seno tuberoso. Fin dall'età di dieci anni e, cioè da quando le mie mammelle hanno iniziato a cambiare forma quindi ad acquistare volume il mio seno è stato una fonte di disagio per me. Mi spiego meglio, negli spogliatoi avevo modo di notare che i seni delle mie coetanee all'epoca avevano ,si i capezzoli gonfi e sporgenti come lo erano i miei, ma che a differenza di me il loro seni non sembravano riempirsi in prossimità dei soli capezzoli ma anche alla base del petto. Con il passare di 6/7 anni circa il mio seno sembrava non avere più quell'aspetto da "nasino all'insù" (foto 1) bensì sembra che i lati dello stesso si siano riempiti alla base lasciandomi però quest'aureola a parer mio enorme rispetto al seno stesso. Premetto che sono alta 1,65 (forse 66, ebbi un picco di crescita in altezza a 17 anni dopo che la stessa sembrava essersi bloccata a 1,62 due anni prima) e che attualmente peso 48 kg, dopo averne persi 8 negli ultimi sei mesi (il peso è stabile da 3 mesi) e 3kg un anno prima. A febbraio di quest'anno infatti ho intrapreso un percorso di attività fisica con pesi ed esercizi di bodypump (3 i primi e 2 volte a settimana i secondi ) e corretto le cattive abitudini alimentari. Dal punto di vista della mia fisicità tendo a non accumulare assolutamente tessuto adiposo sul tessuto della gabbia toracica, pochissimo sulla braccia. Cosa che mi riesce più semplice per quanto riguarda i fianchi (larghi di costituzione essendo io caratterizzata da un bacino alto ed ampio) glutei e la parte alta delle cosce, polpaccio sviluppato dall'esercizio ma esile come le caviglie. Nel complesso queste caratteristiche conferiscono al mio busto in generale una forma tipicamente "a pera". Poche settimane fa inoltre ho deciso di contattare un chirurgo osservato e seguito da me via social e per recensioni da diversi mesi. Il chirurgo mi informa che per via del molto tessuto a disposizione del mio torace bisognerebbe eseguire una mastopessi e inserire poi delle protesi altrimenti, se fosse un mio obiettivo, oltre a "riempire" la mia coppa collassata su se stessa per via della perdita di peso, quello di aumentarne le dimensioni sarebbe necessario ricorrere a delle protesi con un minimo di 400cc ciascuna. Confermo il mio desiderio di raggiungere una coppa d, eventualmente c (in base alla fattibilità dell'intervento). Il chirurgo in questione mi dice che quindi ricorrerà a delle protesi importanti, a me l'idea piace, di forma anatomica ad alta proiezione (io ho insistito per le extra e lui disse che l'avrebbe tenuto presente) inserite in dualplane. Fissiamo la data dell'intervento. Io nel frattempo, divorata dalla curiosità scandaglio il web in cerca di recensioni di percorsi fatti da ragazze, magari con un seno dal capezzolo ampio ma non particolarmente sporgente. Qui scopro che molte delle pazienti con una situazione di partenza simile a quella mia fanno riferimento a un seno tuberoso. Il chirurgo non me ne ha fatto parola. Scopro anche che molte volte il capezzolo potrebbe risultare più ampio dopo aver inserito le protesi e nel mio caso sarebbe un incubo. Poi l'effetto del doppio solco e via dicendo. Ora, la mia domanda è la seguente: il mio è o no un seno tuberoso in base a quanto vedete in foto? E se la risposta dovesse essere affermativa come procedere per non andare incontro ad effetti come quelli in foto 2,3,4 e 5? Le foto non numerate a sfondo scuro sono quelle di me e l'effetto del capezzolo grande potrebbe risultare accentuato in frontale dalla prospettiva, infatti i fianchi risultano più stretti.

Dr Luca Zattoni

Miglior risposta

il suo è un seno stenotico, non propriamente tuberoso sx>dx con evidente asimmetria tra le due mammelle. l'intervento proposto è corretto; permette di ridurre le areole e risollevare il tessuto. la mammella sx potrebbe necessitare anche uno sbrigliamento per avere una corretta espansione, ma una risposta definitiva si può dare solo durante la visit ... leggi di più

9 Risposte leggi di più

Salve, dopo la seconda gravidanza ho il seno completamente svuotato e privo di tono. Purtroppo a gennaio 2019 mi sono dovuta sottoporre ad una splenectomia. Devo davvero aspettare 3 anni prima di potermi sottoporre ad un intervento per risollevare il mio seno? Premetto che non sono interessata ad aumentare il volume con protesi ma solo risollevare una quarta ormai cadente.

Sinceramente mi sembra strano quanto riferisce, ma verosimilmente sarà imputabile alle ragioni della splenectomia e dell’eventuale quadro clinico relativo. Non vedo comunque indicazioni a limitazioni o ad attese sia per un’additiva con pessi che per una semplice pessi.

7 Risposte leggi di più
L’espianto di protesi Clei · 30 lug 2020

Salve a tutti, vorrei fare un l’espianto di seno con capsuloctemia totale perchè una delle mie protesi si è rotta (intra-capsulate), ho protesi retro muscolo fasciali. Qualche consiglio, ho tanto dolore e non voglio più le protesi, voglio qualcuno che faccia l'intervento di espiato con mastopessi. Grazie.

Dott. Francesco Lino

Miglior risposta

Salve Clei L'intervento che richiede si può eseguire, serve una visita per valutare la situazione e quale tipologia di mastopessi sia più adatta alla sua condizione specifica. Saluti Francesco Lino Chirurgo plastico Caserta Formia Milano Napoli Salerno

10 Risposte leggi di più
Ferita mastopessi aperta MariaSaraEl
Beauty Influencer
· 30 lug 2020

Salve ho subito una mastopessi adesso sono 40 giorni post operazione da 2 settimane mi si è aperta una ferita io il kir mi dice di aspettare avere pazienza che si chiude da sola perché non può mettere un punto in più perché rovinerebbe la forma del seno... quindi mi dice di utilizzare connettivina plus e garze grasse volevo un consiglio da voi per favore

Dr Luca Zattoni

Miglior risposta

Segua le indicazioni del chirurgo.

11 Risposte leggi di più

Buongiorno, ho 22 anni e porto una quinta di reggiseno (terza coppa E per la precisione). Ho sempre avuto un seno abbastanza cadente ma recentemente ho perso peso e una taglia di seno che lo ha portato ad essere oltre che basso molto svuotato, rendendo anche più evidenti diverse smagliature già presenti dalla pubertà. Non ho i capezzoli che puntano verso il basso, tuttavia il mio seno scende fino a trovarsi quasi completamente al di sotto del solco inferiore. Si tratta di un inestetismo marcatamente visibile che mi crea enormi complessi nell'intimità e ora che è estate anche nel semplice mettermi in costume. Il mio problema principale è che ho una pelle che tende facilmente a cicatrici cheloidi, scoperto con un intervento di osteosintesi alla caviglia dove da una sutura pulita e perfetta è nato un cheloide basso ma largo (circa due centimetri di estensione ai lati di quella che era la sutura). Mi domandavo se esistessero soluzioni non chirurgiche o quantomeno poco invasive per permettermi di avere un seno come le mie coetanee. Avevo letto dell'esistenza di trattamenti con fili di sospensione ma ho trovato informazioni scarse e discordanti a riguardo. Vi chiedo preventivamente scusa se mi sono espressa in modo errato o incompleto. Grazie mille a chi risponderà!

Le rispondo partendo dal cheloide: è una patologia congenita che si esprime su tutte le cicatrici , anche su graffi o foruncoli. Detto ciò una cicatrice ben fatta su un torace, su una spalla o si una superficie articolare facilmente diventano brutte , allargate , diastasate perché sollecitate da attività dinamiche dei tessuti su cui giace. Il suo s ... leggi di più

10 Risposte leggi di più
Aiuto... Sono delusa del mio nuovo seno ElenaElena13 · 30 lug 2020

Buongiorno, ho poco da dire se non che il 3 giugno mi sono sottoposta ad un intervento al seno. Non so nemmeno come chiamarlo se mastopessi mastoplastica... So solo che sono disperata del risultato. Seno tuberoso mi hanno messo una protesi Polytech 375 cc. Ma il risultato a mio giudizio è orribile. Ora sono disperata. Il chirurgo ha detto che ha fatto il possibile che avevo un brutto seno e che meglio di così non si poteva fare. E mi ha liquidata in questo modo. Io non pretendo la luna ma un po' più piene nella parte superiore del seno era ciò che avevo espresso prima dell'intervento... Un sogno infranto. Qualcuno può dirmi se è il massimo o se si potrebbe ottenere qualcosa di meglio rifacendosi. Io così non ci sto😭

si può fare una mastopessi se lo vuole rialzare. dr.Peroni Ranchet

13 Risposte leggi di più
Cambiamento improvviso seno Lavetta · 30 lug 2020

Ripropongo una domanda già posta qualche giorno fa perché, effettivamente, come formulata non era molto chiara. Il mio problema sta nell'aver constatato un cambiamento nel seno dopo che questo è stato stretto e tirato non proprio delicatamente. Risulta meno tonico e più cadente, sono passate ormai tre settimane, due di queste accompagnate da dolore, nessun livido. Un danno sicuramente c'è stato, ed è evidente, mi chiedevo a cosa. La prima cosa che ho pensato è che questo fosse stato alla pelle, che già non era molto elastica, così come accade quando si ingrassa eccessivamente. Al momento sto mettendo delle creme elasticizzanti che però, penso, facciano poco o più che altro nulla. Ho 29 anni e sicuramente la cosa mi preoccupa, finora il mio seno non mi dava problemi, da quel martedì provo fastidio a stare senza reggiseno, ma anche con.

Consulti il suo medico di fiducia,Dr.AestheticFranco ,se vuole altre info mi può contattare al 3515952735

9 Risposte leggi di più
Revisione tasca protesica Shine89 · 30 lug 2020

6 mesi fa ho effettuato una mastopessi con protesi Motiva tonde sottomuscolari 375 cc con cicatrice periareolare... a seguito di un assestamento rapido verso il basso e una rotazione ripetuta di una protesi, di comune accordo col mio chirurgo, abbiamo deciso di revisionare le tasche protesiche stavolta a T invertita ha ristretto la tasca delle protesi, riscontrando in effetti la tasca sinistra leggermente piu larga, favorendone il twistaggio. A quel punto che doveva riaprire ho chiesto se poteva "tirarle "un po' più in su... Ottenendo un effetto push up... il risultato sembra bello... anche se ho ancora il reggiseno contenitivo perché mi sono operata una settimana fa... a questo punto cosa devo aspettarmi? il solito assestamento delle protesi e la "scesa" fisiologica delle protesi, oppure non farà tanti cambiamenti? adesso è qualcosa di meraviglioso... bello alto e ben definito sul polo superiore. Grazie a chi saprà rispondermi

Dr Luca Zattoni

Miglior risposta

l'assestamento c'è così come la diminuzione del gonfiore che fa sembrare che tutto diminuisca. sicuramente il risultato sarà bello

12 Risposte leggi di più