Ilaria_Berselli
Ilaria_Berselli
Copywriter e redattrice con esperienza in giornalismo e comunicazione. I suoi articoli sono incentrati soprattutto su attualità, salute e benessere.
Creazione: 29 feb 2016 · Aggiornamento: 8 feb 2019

Informazione addizionale

Navigazione

  • Introduzione
  • Come si cura l'acne?
  • Chi può soffrire di acne?
  • Come trovare il mio dottore?
  • Cosa succede durante la prima consulenza?
  • Come viene eseguito il trattamento anti-acne?
  • Quali sono i risultati attesi?
  • Possibili effetti collaterali e rischi
  • Dubbi e domande frequenti
  • Testimonianze
  • Bibliografia

Introduzione

L’acne è una patologia infiammatoria che provoca la comparsa di brufoli o comedoni sulla pelle. Questi si sviluppano quando i follicoli piliferi sotto la pelle sono coperti o chiusi dai cosiddetti punti neri e/o dai brufoli. Sebbene si manifestino principalmente sul viso e sulla fronte, possono formarsi anche su diverse parti del corpo come il petto, la parte superiore della schiena e le spalle. Sebbene possa presentarsi a tutte le età, l'80% delle persone colpite sono adolescenti di età compresa tra i 13 e i 18 anni. Anche se l’acne è normale, è possibile che questo si sviluppi in modo esagerato, diventando associabile a una patologia della pelle.
Sebbene l'acne non rappresenti un serio problema di salute, può produrre disagio emotivo e lasciare cicatrici. È importante sottolineare che attualmente esistono trattamenti molto efficaci per controllare questo problema.

Acne immagini

*Immagine ceduta dalla Dott.ssa Laura Gasperini

Come si cura l'acne?

La base principale del trattamento per curare l’acne in fase attiva si basa sulla riduzione della produzione di grasso cutaneo, aumentando il turnover cellulare, riducendo l'infiammazione e combattendo le infezioni batteriche che possono verificarsi. Il tipo di farmaco da utilizzare dipenderà dall'età del paziente e dal tipo di acne presente. I farmaci possono avere un uso topico, vale a dire che si applicano creme sulla pelle e, in alcuni casi sarà necessario combinare con le pillole da prendere per via orale. È importante notare che le donne in gravidanza potrebbero riscontrare un aumento dell’insorgere dell’acne durante i nove mesi, ma non possono assumere farmaci orali per trattare questo problema, dal momento che questi potrebbero causare problemi durante la gestazione.

L’acne, inoltre, può lasciare sulla pelle degli esiti cicatriziali. Queste cicatrici, come spiega il Dott. Vincenzo Volpe, possono essere distinte in tre categorie: ipervascolarizzate, ipertrofiche (in rilievo), atrofiche (avvallate). Per eliminare queste cicatrici si può ricorrere a trattamenti come i peeling, la radiofrequenza o il laser frazionato.

Acne cause

*Immagine ceduta dal Dott. Fabio Ginoprelli

Chi può soffrire di acne?

La causa dell’acne è dovuta a  una produzione anormale di sebo (detta iperseborrea) o a una ipercheratosi, ovvero la formazione di un tappo nella parte superiore del follicolo, che ostacola l'eliminazione del sebo e favorisce la comparsa dei punti neri o dei punti bianchi (detti comedoni), oppure può essere dovuto all’infiammazione batterica dei follicoli dovuta al Propionibacterium acnes, precisano gli specialisti del Dreamed Medical Formula.

Tutte le persone colpite in qualche modo da questo problema estetico possono essere valutate da medici specializzati, senza limitazioni di età o particolari controindicazioni. Come accennato in precedenza, i pazienti saranno principalmente adolescenti, ma in molti casi, anche gli adulti. È importante sottolineare che il trattamento può essere iniziato da presto, cioè prima che compaiano gravi lesioni o sequele e segni permanenti sulla pelle. Questo è il motivo per cui raccomandiamo ai pazienti di consultare in tempo uno specialista e che eseguano controlli frequenti per seguire il caso, anche dopo aver cominciato il processo terapeutico.

Acne rimedi

Come trovare il mio dottore?

L'acne lieve e moderata può essere curata da un medico generico, se il paziente ne ha già uno. Una volta eseguita la valutazione e avviato il trattamento appropriato, i risultati dovrebbero iniziare a comparire. Se l'acne persiste, è consigliabile recarsi da un dermatologo.

I dermatologi medici sono preparati per trattare tutti i tipi di acne, da quelli più lievi  fino alle forme più gravi, così come quei casi che non rispondono al trattamento abituale. Se necessario, lo specialista, potrà anche consigliare di associare più trattamenti per attenuare le lesioni e i segni permanenti che si sono sviluppati come esiti dell’acne.

Acne giovanile

*Immagine ceduta dalla Dott.ssa Morena Mariani

Cosa succede durante la prima consulenza?

Il medico valuterà il paziente, raccoglierà informazioni sulla sua storia medica e determinerà la causa all’origine del problema. Quindi esaminerà quali aree del corpo sono affette da brufoli, brugole o pustole e determinerà se vi è associata o meno un'infiammazione. Infine, valuterà se le lesioni sono lievi, moderate o intense.

Una volta che il medico ha determinato la gravità del problema, deciderà quale trattamento il paziente dovrà seguire. Questo può consistere o solo con l’utilizzo di creme topiche oppure può essere realizzato in combinazione con un farmaco orale.

È importante notare che il medico, generalmente, terrà conto anche dell’impatto emotivo che l’acne può avere sul paziente. Infatti, quando questo problema è serio, può causare isolamento sociale e bassa autostima. Pertanto, in alcuni casi, sarà importante e necessario raccomandare assistenza psicologica per aiutare il paziente a sentirsi meglio con se stesso. È importante, quindi, che il paziente sia onesto riguardo ai propri sentimenti. Inoltre, il Dott. Danilo Capizzi ricorda che anche lo stress rientra tra le cause scatenanti la comparsa di brufoli e comedoni, soprattutto per il disagio che un paziente o un adolescente prova nei confronti di questa patologia cutanea. Inoltre, precisa lo specialista, in presenza di stress si possono verificare alterazioni dell'attività delle ghiandole surrenali e della produzione di ormoni androgeni.

Acne tipi

Come viene eseguito il trattamento anti-acne?

Il manuale MSD contiene alcune raccomandazioni generali per i pazienti che soffrono di acne e che stanno seguendo un trattamento terapeutico:

  • lavare il viso con sapone neutro una o due volte al giorno,
  • evitare agenti irritanti come saponi antibatterici o saponi abrasivi, tamponi imbevuti di alcool e evitare l’attrito frequente,
  • i cosmetici impiegati non devono essere fatti da una base oleosa, perché i prodotti oleosi possono aggravare l'acne,
  • si raccomanda di mantenere una dieta equilibrata.

Come spiegato anche dagli specialisti della Mayo Clinic i farmaci impiegati per la cura dell’acne e per la terapia sistemica possono essere diversi. Spetterà al vostro medico o dermatologo stabilire quale di questi sara il piu indicato per il vostro caso.

I farmaci topici applicati sulla pelle e impiegati per la cura dell’acne includono:

  • retinoidi e farmaci simili ai retinoidi: somministrati in crema o gel, questi sono derivati ​​della vitamina A. Inizialmente, vengono applicati fino a tre volte al giorno, e successivamente solo una volta al giorno. La loro funzione principale è quella di non ostruire i follicoli piliferi.
  • antibiotici: uccidono i batteri in eccesso sulla pelle e riducono il rossore. Possono essere combinati con retinoidi e vengono applicati, generalmente, mattina e sera.
  • acido salicilico e acido azelaico: l'acido azelaico si trova naturalmente nei cereali integrali e prodotti di origine animale. Ha proprietà antibiotiche. Le creme contenenti acido azelaico al 20% sembrano essere efficaci come molti trattamenti convenzionali dell’acne, in particolare quando viene utilizzato due volte al giorno per circa 4 settimane.
  • dapsone: questo farmaco è particolarmente raccomandato per l'acne infiammatoria nelle donne adulte. Può essere applicato due volte al giorno.
Acne risultati

*Immagine ceduta dalla Dott.ssa Aurora Maria Grillo

Quali sono i risultati attesi?

Anche se ci sono diversi motivi che portano a causare questo problema nella pelle, i trattamenti attualmente esistenti sono molto efficaci nel controllare ciascuno di questi fattori che causano l'acne. Generalmente l'acne causata negli adolescenti si riduce spontaneamente tra i 20 ei 25 anni di età, ma i giovani che hanno ricevuto un trattamento durante l'adolescenza avranno un aspetto migliore della pelle.

È importante tenere presente che i risultati del trattamento iniziano ad essere notati a partire dalle 4-8 settimane ed è possibile che in alcuni casi la pelle possa inizialmente peggiorare per poi iniziare a migliorare in maniera progressiva. In molti casi il paziente avrà bisogno di seguire le cure per mesi, anche anni, perché il problema scompaia nella sua interezza. Per portare avanti con successo il trattamento bisognerà quindi che il paziente si armi di costanza e di pazienza, come sottolinea il Dott. Capizzi.

Un altro aspetto da tenere in considerazione nella valutazione dei risultati è che il paziente migliorerà anche la propria autostima, così come i sintomi dell'ansia e la depressione che potrebbero essere associati al disagio vissuto. Il trattamento dell’acne rappresenterà quindi un importante cambiamento di vita per la persona che lo segue.

Acne farmaci per curarla definitvamente

*Immagine ceduta dalla Dott.ssa Rita Sparacio Giacomello

Possibili effetti collaterali e rischi

Gli effetti collaterali saranno associati al tipo di farmaco usato nel paziente. Questo è il motivo per cui è importante rivolgersi a uno specialista e non ricorrere invece a terapie fai-da-te. Il medico, infatti, saprà spiegare al paziente le conseguenze e le precauzioni che devono essere prese durante il trattamento e la corretta posologia del farmaco prescritto. 

I farmaci, a seconda dei casi, potrebbero causare arrossamenti e secchezza della pelle. Gli antibiotici che vengono assunti per via orale, come la tetraciclina, causano sensibilità e arrossamento se il paziente è esposto al sole ed è importante proteggersi adeguatamente mentre si assume questo medicinale. Inoltre, gli antibiotici possono causare problemi di stomaco se il loro uso dovesse essere prolungato.

I contraccettivi orali possono causare aumento di peso, tensione al seno e nausea. Alcuni farmaci possono anche causare sensibilità al seno e periodi mestruali dolorosi. Infine, un effetto collaterale meno comune sono i sintomi depressivi; e nelle donne in gravidanza può causare gravi anomalie congenite nel feto.

Dubbi e domande frequenti

  • Di quante sedute avrò bisogno per eliminare l’acne? “Dipende dall'entità del problema e dal tipo di metodica utilizzata”, Dott. Massimo Rota
  • Si possono eliminare i buchetti lasciati dall’acne? “Le cicatrici acneiche possono essere trattate con diverse tecnologie e preferibilmente con protocolli sinergici: peeling, trattamenti al plasma, Plexer, radiofrequenza, laser. Sono necessari vari trattamenti, eseguiti con regolari intervalli per permettere alla cute di rigenerarsi”, Dott.ssa Maria Benvenuto
  • Posso seguire una terapia farmacologica durante la gravidanze e l’allattamento? “Praticamente tutti i farmaci che si utilizzano per la cura dell'acne sono controindicati. Bisogna rivolgersi a un dermatologo di riferimento”, Dott.ssa Alice Panzeri
  • Prendo la pillola anticoncezionale per regolare l’acne. Quando vedrò i primi risultati? “I miglioramenti con la pillola si hanno dopo almeno 3-4 mesi di utilizzo”, Studio Medico Serini
  • Che alimentazione seguire per non favorire l’acne? “Una dieta a basso indice glicemico, evitando carboidrati semplici (pasta e pane bianco, dolci, alcool), ridurre latte e latticini e i grassi saturi (insaccati, fritti)”, Studio Medico Serini

Testimonianze

“Per ora ho eseguito un solo trattamento con laser fraxel (se ne esegue uno al mese), ma i risultati sono già visibili” Leggi l’esperienza completa

GiovannaFavaro - Cadorago, Como

“Inizialmente dovevo fare l'isotretinoina per 4 mesi, che poi si sono allungati a 5. Ma ne valse la pena!” Leggi l’esperienza completa

AnastasiaAfonina - Melito di Porto Salvo, Reggio Calabria

“Soffrivo di acne rosacea. Sparito tutto nonostante la mia incredulità” Leggi l’esperienza completa

Consuelo83 - Rovigo (Città), Rovigo

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."

Collaboratori del trattamento