Dopo gli studi in giornalismo digitale si è specializzata nella redazione di articoli su Salute e Medicina, dal 2014 scrive di moda, bellezza e chirurgia plastica.

Navigazione

  • Peso e salute
  • Perché si prende peso?
  • Calcola il tuo IMC
  • Le diverse operazioni
  • La dieta
  • Bibliografia

Peso e salute

Secondo l'OMS, a livello globale, il numero di casi di obesità è quasi triplicato dal 1975. L'obesità e il sovrappeso predispongono all'insorgenza di molte malattie e rappresenta un tema da prendere molto sul serio sapendo che è sempre più presente nella nostra società.

perché ingrassiamo

Perché si prende peso?

Le cause sono varie, il più delle volte ingrassiamo per colpa di una cattiva alimentazione o per la mancanza di esercizio fisico. L’aumento di peso, però, può anche essere dovuto alla genetica e alla predisposizione individuale o a uno stile di vita sedentario, oppure può verificarsi come effetto collaterale di alcuni trattamenti farmacologici.

Il sovrappeso, così come l'obesità, è un accumulo anormale o eccessivo di grasso nel corpo che comporta, innanzitutto, dei rischi per la salute. Le complicazioni infatti sono possono essere numerose: in primo luogo l'aspettativa di vita è ridotta e il rischio di contrarre determinate malattie è maggiore, come ad esempio malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, malattie del fegato, complicazioni renali, tumori, malattie respiratorie, articolari o dermatologiche.

calcolare bmi

Calcola il tuo IMC

L’indice di massa corporea (IMC o BMI da Body Mass Index) permette di definire lo stato di forma fisica di una persona, è un indicatore semplice e veloce da calcolare che permette di fare una stima della massa di grasso in eccesso, utilizzando solo 2 dati: il peso e l’altezza. `

Come si può calcolare il BMI? Devi considerare il tuo peso in chili e dividerlo per il quadrato dell'altezza in metri. Ecco qui la formula esatta:

  • (peso (in kg) / (altezza (in m²))

L'IMC è classificato in 7 categorie che vanno da un indice uguale o inferiore a 16,5 corrispondente a uno stato di sottopeso e malnutrizione ad un indice uguale o superiore a 40 corrispondente ad obesità morbosa e massiccia. Negli adulti si parla di sovrappeso se il BMI è maggiore o uguale a 25 e di obesità se il BMI è maggiore o uguale a 30.

Nota: nei bambini e negli adolescenti sotto i 19 anni il sovrappeso e l’obesità vengono calcolati in modo diverso.

Le diverse operazioni

I trattamenti e gli interventi chirurgici vengono utilizzati in risposta a un problema di sovrappeso e obesità come ultima risorsa, dopo aver tentato di perdere peso utilizzando metodi più tradizionali, compresi la dieta e l'attività fisica e il monitoraggio da parte di un professionista.

Palloncino gastrico

Lo scopo di posizionare un palloncino gastrico nello stomaco è quello di ridurre la sensazione di fame e aumentare la sensazione di sazietà. Il palloncino gastrico ha una durata limitata e sarà necessario ritirarlo al massimo dopo un anno dopo. Esistono diversi tipi di palloncini a seconda dell'IMC del paziente e si possono adottare diverse tecniche per il suo inserimento, la più comune è l'endoscopia. Il palloncino viene quindi riempito con una soluzione salina blu, così in caso di fuoriuscita l'urina si colorerà e il paziente potrà intervenire rapidamente. Il postoperatorio è molto importante e sarà necessario seguire alla lettera la dieta consigliata dal proprio medico o da un nutrizionista per poter perdere peso. Il palloncino gastrico non è coperto dal Servizio Sanitario Nazionale. I risultati sono soddisfacenti e il dimagrimento avviene rapidamente nei primi 6 mesi dall'intervento.

Riduzione dello stomaco

Le tecniche per ridurre le dimensioni dello stomaco sono varie, la scelta di una o l’altra dipenderà dal tuo IMC, della percentuale di grasso corporeo e dallo stile di vita, uno specialista saprà consigliarti quella più adatta a te. Qui le spieghiamo in dettaglio:

  • Bendaggio gastrico: chiamato anche gastroplastica, aiuta a limitare l'assunzione di cibo. Si posizione un anello regolabile intorno alla parte superiore dello stomaco per creare una piccola tasca. Questa “tasca” si riempie più velocemente e darà una sensazione di pienezza più rapida, perciò si mangerà meno. L'obiettivo è rallentare il passaggio del cibo senza interrompere la digestione. Questo intervento è completamente reversibile ed è possibile stringere o allentare l'anello in anestesia locale grazie ad una piccola scatola posta sotto la pelle. Il bendaggio gastrico viene effettuato in anestesia generale e generalmente in laparoscopia. Questa operazione richiede una grande quantità di sforzo e preparazione in termini di alimentazione, perché richiede un cambiamento nella dieta e nello stile di vita a lungo termine. La perdita media di peso in eccesso da aspettarsi con questo intervento è stimata in una media del 50% in 5 anni.
  • Bypass gastrico: anche questo è un intervento di riduzione dello stomaco, ma è più complesso rispetto al precedente, perché mira a cambiare il circuito del cibo. Lo stomaco viene rimpicciolito, attraverso la creazione di una sorta di deviazione da parte del chirurgo che collega la parte restante dello stomaco direttamente con l'intestino tenue. La digestione, quindi, non avviene più attraverso lo stomaco, ma il cibo viene direttamente trasportato nell'intestino tenue passando per la restante mini sacca gastrica. La quantità di cibo che si riesce a mangiare si riduce notevolmente e la sensazione di sazietà aumenta molto più facilmente. Esistono due tecniche di bypass gastrico: bypass classico (la sutura è ai piedi dell’ansa, che una forma a Y); mini bypass (prevede una singola sutura tra lo stomaco e l'intestino tenue, l'ansa è chiamata “omega”). Si tratta di un intervento invasivo eseguito in anestesia generale che richiede un ricovero in ospedale di alcuni giorni e un riposo dal lavoro di circa un mese, oltre al monitoraggio di professionisti esperti. I risultati sono molto soddisfacenti e la perdita di peso risultante può arrivare a un media di 35 a 45 kg.
  • Gastrectomia a manica: chiamato anche gastrectomia a manica longitudinale, comporta la trasformazione dello stomaco in un tubo gastrico più piccolo rimuovendo chirurgicamente ¾ dello stomaco. Questa operazione finalizzata ad una modificazione anatomica è irreversibile e definitiva. L’intervento riduce la fame e provoca una rapida sensazione di sazietà, mentre l'assorbimento del cibo viene preservato. È un'operazione che richiede il ricovero per diversi giorni e che viene eseguita in anestesia generale, spesso per via laparoscopica. Come per tutte le operazioni di riduzione dello stomaco, è essenziale seguire le istruzioni dietetiche di un professionista ed eseguire i controlli di follow-up. La perdita di peso in eccesso media con questo intervento è di circa il 60% a 5 anni dalla procedura. La chirurgia mirata alla riduzione dello stomaco consente ai pazienti di cambiare la loro vita attraverso una significativa perdita di peso e quindi di ridurre il rischio di malattie associate al sovrappeso e all'obesità. È importante essere consapevoli che si tratta di operazioni che implicano un nuovo modo di vivere e una nuova attitudine sia dal punto di vista alimentare che sportivo. È perciò consigliabile farsi seguire da diversi professionisti, inclusi personal trainer, nutrizionisti e psicologi.
dieta dimagrante

La dieta

Prima di arrivare alla scelta di sottoporsi a una chirurgia, la dieta è sempre un passaggio fondamentale. L'aiuto di uno specialista (nutrizionista o dietista) è necessario per comprendere le ragioni del tuo sovrappeso e per trovare la dieta più adatta a te basata su una valutazione alimentare e una visita medica. Ti verrà assegnato un programma definito dal tuo specialista con appuntamenti di follow-up per monitorare l'andamento della tua dieta. 

Esistono tantissime diete, la scelta dipenderà dagli obiettivi, dall’alimentazione, dallo stile di vita e dalle patologie del paziente. Una dieta mal implementata può avere gli effetti opposti a quelli desiderati, quindi è necessario prestare attenzione alle raccomandazioni degli operatori sanitari e seguirle. La dieta è il primo passo per cambiare il proprio stile di vita.

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."