Pustola su Cicatrice fabiomarcantonini · 13 mag 2019

Buongiorno. 10 anni fà ho fatto un intervento chirurgico asportando una fistola interna che aveva messo radici (sopra il sedere, all'altezza di dove finisce la riga del sedere). E' stato un bel intervento tant'evvero che mi hanno messo più di 30 punti interni. Ora a distanza di tutti questi anni, periodicamente, mi si verifica che la cicatrice mi si infiammi, ovvero diventa rossastra e poi esce una piccola pustola fastidiosissima che dopo qualche giorno si rompe e fuoriesce sangue e pus.... Disinfetto e poi tutto passa.... Dopo qualche settimana ricomincia lo stesso fenomeno. Sono stato dal chirurgo che all'epoca mi aveva operato e mi ha fatto fare un ecografia per vedere se a volte internamente si fosse riformata la fistola, ma fortunatamente, esito negativo. Alla lucie di ciò mi ha detto di non preoccuparmi che presubibilmente, visto anche la posizione della cicatrice, con il sudore e sfregamento con i pantaloni è facile che si infiammasse. Ma è possibile??? Cosa mi consigliate??

visto che non si risolve, consiglierei una revisione chirurgica. Dr.Peroni Ranchet

6 Risposte leggi di più
Resezione epatica incinta.. Edivadomait · 8 mag 2019

Buongiorno, vorrei chiedere un informazione, mi è capitata una cosa al quanto rara.. Il 21 marzo 2019 sono stata operata di una resezione epatica per un asportazione di una cisti benigna delle dimensioni di 20 centimetri, adesso ho una grande cicatrice che parte dal centro del petto arriva giù all ombelico e gira a destra come una lettera "L" ma la cosa strana è che aspetto un bambino da 2 mesi.... È pericoloso proseguire la gravidanza? Ci possono essere rischi per il bambino a causa del intervento che ho avuto?

Dott. Marco Gerardi

Miglior risposta

È una risposta che le deve fornire il suo Ginecologo. Cordialmente Dott Marco Gerardi

7 Risposte leggi di più

Purtroppo oggi pomeriggio ho avuto un incidente. Il portellone posteriore Dell Audi mi è cascato sulla fronte come una ghigliottina. Mi ha provocato un taglio profondo a u rovesciata. Chiedo se rimarranno cicatrici visibili grazie

Direi che al momento non è possibile fare una previsione dato che è appena successo e la ferita è ancora "fresca". Si faccia valutare dopo la rimozione dei punti.

10 Risposte leggi di più
Cicatrici acne trattamento Dev · 30 apr 2019

Salve ho 22 anni, e all’età di 15 anni ho avuto l’acne nodulo cistica trattata con isotretinoina (isoriac). 2 anni fa, mi sono rivolto ad un dermatologo per trattare le cicatrici post-acne. In 2 anni ho eseguito 5 sedute di laser co2 non ablativo, 2 sedute di laser ablativo e 3 peeling chimici, seguendo la strategia terapeutica del mio dermatologo. Ad oggi non noto grandi miglioramenti circa lo stato delle mie cicatrici. Mi rivolgo a voi per sapere se effettivamente posso migliorare le mie cicatrici e cosa ancora si può fare. Grazie per le risposte.

Gent,mo curo da molti anni le cicatrici post-acne con ottimi risultati. Eseguo peeling, microdermoabrasione, skin-esfoliation a radiofrequenza e naturalmente prescrivo le terapie domiciliari per ottimizzare il risultato. Naturalmente non possono scomparire completamente ma attenuarsi moltissimo. A disposizione Rita Giacomello

11 Risposte leggi di più

Buongiorno sono Elena ho 32 anni, il giorno 8 aprile ho avuto un intervento chirurgico per asportare una cisti sebacea sull ‘ascella dx. Mi sono stati messi tre punti riassorbili. Ma una settimana sono corsa dal medico di base perché ha fatto infezione, mi ha dato da prendere antibiotico claritromicina da 500 x 2 volte al dì e di usare betadine 3 volte al giorno. Venerdì sono tornata da lui per vedere come sta andando, la ferita sembra in via di guarigione dall’ infezione solo che sotto pelle si sentiva che c’era ancora del liquido dentro. Ora siamo a domenica e ho avuto un ascesso , ho fatto uscire il liquido e disinfettato con betadine. Secondo voi ora che il pus che c’era e’ uscito posso stare tranquilla? O è un problema? Ammetto che però l’antibiotico da venerdì lo prendo solo una volta al di perché mi fa stare male di stomaco

Impossibile risponderle senza una valutazione diretta. Si faccia seguire dal chirurgo che ha eseguito l'intervento. Cordialmente Equipe Medica CENTRO GENESY

8 Risposte leggi di più

Ho asportato in 4 zone del corpo tre ispessimenti cutanei e una ciste sebacea. La ciste, nel collo zona occipitale dx è degenerata in un cheloide , lo steeso chirurgo ha asportato 2 ispessimenti dovuti a peli incarniti (polpaccio sx e parte alte della coscia dx ) ,intervento chirurgico perfettamente riuscito cicatrici bianche al max un po' rosacee ma 0 mm di alzamento cutaneo. Al contrario la zona della ciste presenta un cheloide lungo 1 cm ca. superiore alla stessa ciste. In seguito ho fatto asportare ultimo ispessimento cutaneo braccio sx da altro chirurgo al taglio era un opera d'arte pelle incava... rimossi i punti "montagnetta ipertrofica". Chirurgo plastico ha consigliato infiltrazioni sostanza al cortisone o qualcosa di simile risultato a suo dire rimane la cicatrice ma vi l'ispessimento la parte cutanea va assottigliandosi. Ho risentito il chirurgo della ciste a detto che bisogna ripetere l'intervento trattando subito dopo la zona con creme/ prodotti sapendo della predisposizione alla formazione di cheloidi. Leggendo questo forum mi sono venuti molteplici dubbi sul andare a fare un ulteriore "taglia e cuci" non per diffidenza del medico ma per probabile predisposizione, anche se, ricordo di non aver preso accorgimenti particolari per curare la ferita tra l'altro in una posizione molto scomoda come il retro nucale magari cerotti /fogli di silicone aloe ecc ecc. potrebbero bloccare una recidiva?

Dott. Marco Gerardi

Miglior risposta

Un vecchio e saggio modo di dire in ambito scientifico afferma: il Cheloide si nutre di un altro Cheloide. Non faccia più chirurgia solo in casi estremi vale a dire dolore persistente e senso di tensione. Utilizzi creme per massaggiare il collagene patologico, gel di silicone e cerotti in poliuretano ventiquattr’ore al giorno per almeno sei mesi. ... leggi di più

7 Risposte leggi di più

Ho un tatuaggio che presenta cicatrici ipertrofiche, intendo rimuoverlo ... La mia domanda è: si può rimuovere con il laser PICO? Inoltre, volevo sapere se un’eventuale rimozione potrebbe accentuare la struttura cheloidea

Dott. Massimo Laurenza

Miglior risposta

Senza una visita non si può dire nulla di serio comunque un laser PICO non dovrebbe influenzare un cheloide

9 Risposte leggi di più

Salve, sono una ragazza di 23 anni, a cui circa 3 anni fa si è manifestata l'acne che ho trattato dopo vari tentativi diversi con isotretinoina. Al termeni di questo trattamento mi sono ritrovata il viso cosparso di cicatrici, sopratutto in alcune zone, che non riesco ad accettare. Così sotto consiglio medico mi sono sottoposta a 3 trattamenti di laser CO2 frazionato (alma laser, femilift) eseguito a gennaio, febbraio e marzo appena trascorsi. Mi erano stati garantiti miglioramenti visibili, che in realtà, non ci sono stati. A me sembra non sia cambiato nulla ed è per questo che sono molto scoraggiata. È la mia pelle il problema? O non è il laser adatto a me? In seguito al mio disapprovato il medico mi ha proposto di provare con il needling prossimamente. Ma non so come comportarmi. Ed è per questo che mi rivolgo a voi dottori, come posso migliorare le miei cicatrici?

Gentile paziente, nella nostra esperienza otteniamo dei validi risultati in termini di miglioramento degli esiti cicatriziali attraverso sedute con laser dedicato. Cordialmente Equipe Medica CENTRO GENESY

7 Risposte leggi di più
Macchia Kenacort su palpebra. Mario173 · 15 apr 2019

Salve, a gennaio ho effettuato dall'oculista delle infiltrazioni (due per occhio) di kenacort su due calazi. Nell'occhio destro, la colorazione data dal kenacort è ancora appena visibile mentre nell'occhio sinistro è tuttora molto visibile. Le infiltrazioni sono state fatte a gennaio. Cosa mi consigliate di fare per risolvere alla svelta questo inestetismo, che mi sta causando problemi nelle relazioni con gli altri? Questo procedimento l'ho già fatto un anno fa, alla fine si riassorbì ma non ricordo in quanto tempo. L'oculista dice che si riassorbirà, ma in quanto tempo? Non posso mica stare così per un anno. Esiste un modo per coprire questo inestetismo? Ho provato con un correttore, ma non copre del tutto. Il chirurgo estetico mi ha consigliato un intervento per ripulire la zona. Vi chiedo, resterebbe una cicatrice? Con l'intervento, in quanto tempo la palpebra tornerebbe normale? Grazie

Gentile paziente, Seguirei il consiglio del chirurgo

5 Risposte leggi di più