Selene Cabibbo
Selene Cabibbo
Dopo la laurea in Filosofia presso l'Università di Pisa, si specializza in Storia Culturale della Medicina collaborando con musei e istituzioni culturali. Dal 2016 cura progetti editoriali per il web.
Creazione: 29 feb 2016 · Aggiornamento: 4 lug 2019

Informazione addizionale

Navigazione

  • Introduzione
  • Cos'è la penoplastica?
  • Obiettivi
  • Chi è il candidato ideale per una penoplastica?
  • Quali sono le cosiddette dimensioni medie di un pene?
  • Falloplastica di allungamento: in cosa consiste
  • Come scegliere il mio chirurgo?
  • Cosa avviene durante la prima visita?
  • Come prepararsi all’intervento
  • Anestesia e ospedalizzazione
  • Post-operatorio
  • I risultati
  • Il metodo Penuma
  • Quali sono gli interventi di chirurgia intima maschili più diffusi?
  • Domande frequenti
  • Bibliografia

Introduzione

È in costante crescita il numero di uomini desiderosi di effettuare una penoplastica, ovvero un intervento chirurgico che permette di modificare le dimensioni degli organi genitali maschili. Molto più di un intervento di chirurgia estetica, la penoplastica può essere un vero aiuto per gli uomini con un apparato genitale poco sviluppato. Un pene piccolo può generare nel paziente una sofferenza psicologica complessa e una scarsa autostima che può portare a un isolamento sociale e a un’esclusione da una possibile vita amorosa.

Tavola anatomica del pene

Cos'è la penoplastica?

La falloplastica di allungamento è uno tra gli interventi di chirurgia intima più diffuso nel mondo maschile. La competitività tra uomini ha inizio solitamente tra i 7 e i 10 anni quando comincia l’esplorazione del proprio io. Durante i momenti comunitari con i propri coetanei (spesso in ambito sportivo) inevitabilmente si confronta il proprio corpo con quello dei compagni, l’esito di tale comparazione spesso può creare disagio, vergogna e difficoltà a relazionarsi. È la cosiddetta Sindrome da spogliatoio una vera e propria perdita della fiducia in sé stessi che può arrivare a compromettere la sfera sessuale della vita del paziente che ne è affetto. 

L’intervento di allungamento del pene può portare un significativo miglioramento nella vita del paziente, grazie a risultati apprezzabili. Il Dr. Giuseppe Sito ricorda sebbene l’intervento comporti un miglioramento estetico del pene, la maggiore dimensione non corrisponde a una migliorata potenza sessuale, i benefici semmai sono imputabili a un atteggiamento del paziente di maggiore autostima e fiducia nelle proprie capacità.

Icona di un pene

Obiettivi

L’intervento di allungamento penino mira ad aumentare la lunghezza dell’organo genitale maschile intervenendo sul legamento sospensore del pene. È importante specificare che il risultato di questo aumento sarà visibile solo a riposo. Infatti le ragioni che inducono i pazienti a sottoporsi a un intervento volto ad aumentare la lunghezza del loro pene, lo fanno quasi esclusivamente per ragioni estetiche, spesso spinti da motivazioni psicologiche più che fisiologiche.

Un’altra causa che richiede un intervento chirurgico di falloplastica può essere il cosiddetto Micropene, una malformazione dell’apparato genitale, che seppur perfettamente sviluppato a livello morfologico e funzionale, presenta una dimensione molto ridotta, si parla di micropene al di sotto dei 7 cm di lunghezza, come spiegato dal Dr. Patrizio Vicini. Questa condizione è spesso causata da una carenza di androgeni durante la gravidanza materna ed è per lo più risolvibile con una cura ormonale nei primi anni di vita; nei casi adulti è invece consigliato un intervento chirurgico.

Motivazioni che inducono a una penoplastica

Chi è il candidato ideale per una penoplastica?

Il profilo di un candidato ideale per un intervento di allungamento penino è un uomo che prova disagio e sconforto alla vista del proprio pene. Mentre le misure "normali" di un pene sono soggettive e dipendono da numerosi parametri (come ad esempio i parametri anatomici) le prestazioni sessuali del soggetto non variano al variare della lunghezza, infatti, come precisato dal Dott. Chemello Fabio l’unico motivo che induce a sottoporsi a una penoplastica è puramente psicologico, intervento può aiutare il soggetto in quelle situazioni in cui si trova ad affrontare lo sguardo degli altri come fare sport, indossare costumi da bagno o negli spogliatoi.

Dimensioni medie di un pene

Quali sono le cosiddette dimensioni medie di un pene?

Non esistono le cosiddette dimensioni "normali" per il pene, sebbene esistano alcuni criteri da tenere in considerazione, come ad esempio la morfologia umana. Le misure variano molto da una persona all'altra, ma, come spiegato dal Dr. Patrizio Vicini  la media è spesso di 10 cm di lunghezza e 9 cm di circonferenza. In erezione, c'è una dimensione media di 15 cm di lunghezza e 12 cm di circonferenza. Per avere una misurazione esatta del pene si consiglia di misurare dal pube al solco balano prepuziale o sino al meato uretrale esterno in stato stretching.

Immagine anatomica del pene

Falloplastica di allungamento: in cosa consiste

Per ottenere l’allungamento del pene è necessario un intervento chirurgico effettuato in anestesia locale. L’intervento consiste in un’incisione plasty V-Y di una parte il legamento sospensore del pene, in questo modo è possibile ottenere uno “scivolamento” in avanti della parte interna dell’organo, in questo modo si genera un aumento della lunghezza della parte visibile a occhio nudo. I risultati variano in base al soggetto, soprattutto in base allo sviluppo del legamento sospensore. Va precisato che i centimetri guadagnati grazie a un intervento di falloplastica sono visibili con il pene a riposo, mentre l’aumento non è apprezzabile in fase di stretching. L’intervento dura all’incirca tra i 30 minuti e 1 ora.

Il Prof. Alessandro Littara ci illustra la tecnica più utilizzata per eseguire un intervento di allungamento del pene: recisione del legamento sospensore mediante laser. L’incisione viene effettuata tramite l’utilizzo di laser a diodi di ultima generazione che permette al tempo stesso il taglio e la cauterizzazione della zona. L’utilizzo del laser riduce le tempistiche dell’intervento e permette di ottenere tempi di recupero più brevi. Viene generalmente effettuato in anestesia locale. Una volta sezionato il legamento viene generalmente inserito un distanziatore in silicone che evita il riavvicinamento del pube con il pene.

Il Prof Littara sostiene che un’importante novità in questo campo è la tecnica di sutura introflettente anti retrazione cicatriziale, questo nuovo tipo di sutura rende l’intervento più naturale e limita l’utilizzo di distanziatori in silicone che a lungo termine possono generare fastidi durante l’attività sessuale. Questa innovativa tecnica di sutura permette ai tessuti di rigenerarsi formando del tessuto fibroso che “riempie” la parte del legamento recisa. Il risultato finale è sicuramente molto naturale e non prevede l’utilizzo di materiali siliconici  estranei.

Chirurghi durante un intervento di penoplastica

Come scegliere il mio chirurgo?

La scelta del chirurgo dipende soprattutto dal tipo di intervento che il paziente desidera effettuare. Tuttavia, è sempre consigliabile rivolgersi a un chirurgo specializzato in procedure di chirurgia intima. Nel caso si desideri effettuare una penoplastica di allungamento, è consigliato rivolgersi a un urologo specializzato in chirurgia del pene.

Ti ricordiamo che è possibile controllare che il proprio chirurgo sia un professionista autorizzato effettuando una ricerca nel sito dell’Ordine Nazionale dei medici Chirurghi (FNOMCeO). Una volta individuati dei possibili chirurghi, ti consigliamo di effettuare una ricerca su internet, di consultare le immagini prima / dopo, di confrontare i pareri di altri pazienti e di leggere tutte le opinioni che sarai in grado di trovare. Non esitate a fissare un appuntamento conoscitivo con diversi medici, è importante poter ascoltare diversi pareri.

Una volta effettuata una scelta ti ricordiamo di seguire con costanza le visite di controllo con il tuo medico, qualsiasi intervento ben riuscito si basa su un rapporto di fiducia! In alcuni casi questo intervento sarà accompagnato da un sostegno psicologico.

Prima visita da un urologo

Cosa avviene durante la prima visita?

Durante la tua prima, il tuo chirurgo ti farà diverse domande sui motivi di questo intervento chirurgico, sulla tua vita sessuale, sui tuoi desideri e sulle tue aspettative. Il chirurgo ha bisogno di conoscere i dettagli precisi della tua vita sessuale per prendere la decisione giusta su come procedere con l'operazione. Come ricordato dal Dott. Massimo Laurenza potrebbero essere richieste ulteriori visite specialistiche da un urologo, un sessuologo o un andrologo, a seconda del caso da trattare.

Durante questa prima visita il chirurgo ti mostrerà le immagini dei prima e dopo, ti illustrerà le diverse tecniche e ti fornirà i dettagli su come verrà effettuato l’intervento e i tempi di recupero previsti. Nel caso in cui l’intervento richieda un’anestesia verrà fissato obbligatoriamente un appuntamento con l'anestesista prima dell’intervento.

Intervento di penoplastica di allungamento

Come prepararsi all’intervento

Come per qualsiasi intervento chirurgico, si consiglia vivamente di smettere di fumare almeno 1 mese prima della procedura e 1 mese dopo per facilitare la guarigione. Ai pazienti viene anche chiesto di interrompere l'assunzione di farmaci antinfiammatori come l'aspirina 15 giorni prima della data dell'intervento.

Si consiglia di radere la zona pubica e lavare accuratamente la parte interessata con antisettico il giorno prima e la mattina prima dell'intervento. Il chirurgo potrebbe prescrivere dei farmaci per inibire temporalmente l’erezione per facilitare la procedura.

Anestesia e ospedalizzazione

Questo tipo di intervento viene effettuato generalmente in anestesia locale, per il comfort del paziente. Tuttavia, se lo preferisci, puoi anche chiedere all'anestesista se sia possibile essere sedati in anestesia generale. Potrebbe essere necessario il ricovero notturno in seguito alla procedura. Come per tutte le procedure chirurgiche è consigliato avere un accompagnatore che possa aiutare il paziente nelle ore successive all’intervento.

Decorso post operatorio di una falloplastica

Post-operatorio

Il post-operatorio è solitamente indolore, come specificato dal Dr. Lorenzetti, il chirurgo prescrive analgesici semplici per facilitare il recupero durante i primi giorni.

È assolutamente normale che nell’immediato l'area appare gonfia e livida. È importante mantenere un'igiene impeccabile durante la guarigione, utilizzando disinfettanti specifici su consiglio del chirurgo. Un utile suggerimento può essere quello di indossare biancheria intima adeguata (slip in cotone traspirante) per almeno 15 giorni.

È raccomandabile chiedere un periodo una pausa dal lavoro per almeno 5-10 giorni, a seconda della natura della propria attività professionale. Le suture sono riassorbibili e cadranno tra 10 e 15 giorni dopo l'intervento. Una leggera attività sportiva, così come i rapporti sessuali possono essere ripresi dopo 4 settimane.

Prima e dopo intervento di falloplastica

I risultati

I risultati saranno visibili dopo 15 giorni, una volta completata la guarigione. Il paziente avrà guadagnato tra 2 e 4 cm di lunghezza, visibili solo con il pene a riposo. Questo dato è molto relativo in quanto dipende dalla morfologia del paziente. La stragrande maggioranza dei pazienti è soddisfatta della procedura e le erezioni rimangono identiche a quelle che si svolgono prima della procedura. Il risultato è naturale e discreto, la cicatrice è posta alla base del pene e può essere facilmente nascosta tra i peli dell'area pubica.

È utile ricordare, come conferma il Dr. Giuseppe Sito, che l’intervento non è risolutivo di eventuali problemi funzionali che richiedono differenti tipologie di intervento o di trattamento farmacologico.

Possibili complicazioni

Il Dr. Littara ricorda che in letteratura medica gli unici esempi di complicazioni citati sono stati causati da chirurghi inesperti o da tecniche chirurgiche inadatte. Non esistono infatti particolari effetti collaterali legati a questa procedura, questo è dovuto al fatto che la zona trattata è in realtà priva di sistema nervoso e vascolare, che è invece contenuto nella parte interna del pene. Le complicazioni più comuni sono invece dovute al trattamento delle ferite e alla possibilitá che insorgano infezioni, facilmente curabili.

Protesi per metodo penuma

*I diritti di questa immagine appartengono a Penuma

Il metodo Penuma

Come spiegato dal Dott. Claudio Bravin negli ultimi anni negli Stati Uniti sono stati effettuati degli interventi di allungamento del pene con un innovativo metodo: il Penuma. Attraverso questo intervento, il chirurgo pratica un’incisione nella parte addominale più prossima al pene, attraverso questa “tasca” inserisce all’interno dell’asta una protesi semicilindrica morbida in silicone. L’effetto generato è una distensione dei tessuti sia in larghezza che in lunghezza, con un effetto accrescitivo che può arrivare a raggiungere i 5 cm.

Ad oggi questo intervento è vietato in tutta Europa, compreso il territorio Italiano, i medici mettono in guardia dalle possibili controindicazioni generate da questa operazione.

Interventi di chirurgia intima maschile

Quali sono gli interventi di chirurgia intima maschili più diffusi?

Sono molti gli interventi specialistici di chirurgia intima maschile volti a trattare patologie o malformazioni o semplicementi richiesti per migliorare l’estetica dei propri organi genitali:

  • Lipopenoscultura o Ingrossamento del pene, spesso associato alla falloplastica di allungamento viene effettuato tramite lipofilling.
  • Corporoplastica, intervento che permette di risolvere problemi legati alla curvatura del pene.
  • Aumento del glande, effettuato con tecniche di lipofilling
  • Circoncisione, una rimozione totale o parziale del prepuzio
  • Lifting testicolare, richiesto per correggere tessuti scrotali eccessivamente rilassati
  • Pene-addominoplastica, lifting completo della zona genitale e addominale dell'uomo

Domande frequenti

  • Quanti cm possono essere guadagnati con un intervento di allungamento del pene? In media il risultato varia tra i 2 e i 4 cm, l’esito è comunque sempre relazionato alla lunghezza del legamento sospensore, per cui varia a seconda del paziente. Dott. Massimo Capone
  • A quale specialista rivolgersi per i casi di pene ricurvo congenito? Lo specialista indicato a risolvere queste problematiche è l’urologo, può essere richiesto il parere aggiuntivo di un chirurgo plastico. Dott. Maurizio G. Beretta
  • Ci sono delle controindicazioni alla falloplastica di allungamento? L’intervento deve essere eseguito da un urologo chirurgo molto esperto, l’inconveniente potrebbe essere una incisione eccessiva del legamento sospensore con conseguente alterazione dell’angolo formato dal pene e dall’addome. Dott. Massimo Capone
  • In quali situazioni è consigliata una protesi peniena? La protesi peniena è un dispositivo che viene impiantato all’interno del pene ed è consigliata nei casi grave deficit erettile, ad esempio dopo un cancro prostatico che ha compromesso le funzionalità dell’organo. È necessaria una valutazione andrologica prima di procedere con l’impianto della protesi. Dott. Patrizio Vicini
  • Come si eliminano le papule perlacee? La tecnica ad oggi più accreditata è l’utilizzo di laser, nel caso in cui si trattasse di presunte vesciche è necessario asportarle con bisturi elettrico temporizzato. Studio medico BiospheraMed
  • In cosa consiste il metodo Penuma per l’allungamento del pene? Innanzitutto è necessario specificare che questa tecnica, ad oggi, è vietata in Italia e in tutti gli stati europei. Consiste nell’inserimento di una protesi semi cilindrica morbida, in silicone all’interno del pene. Questo impianto permette la distensione dei tessuti aumentando il volume e la lunghezza dei genitali. Dott. Claudio Bravin

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."