Selene Cabibbo
Selene Cabibbo
Dopo la laurea in Filosofia presso l'Università di Pisa, si specializza in Storia Culturale della Medicina collaborando con musei e istituzioni culturali. Dal 2016 cura progetti editoriali per il web.
Creazione: 29 feb 2016 · Aggiornamento: Oggi

Informazione addizionale

Navigazione

  • Introduzione
  • Iperpigmentazione anale, cause ed effetti
  • Chi è il candidato ideale?
  • In cosa consiste lo sbiancamento anale?
  • Dove effettuare un trattamento di sbiancamento anale?
  • Come si svolge la prima visita medica?
  • Come prepararsi all'intervento?
  • Anestesia e ospedalizzazione
  • I risultati
  • Rischi e complicazioni
  • I rischi dell’Idrochinone
  • Dubbi e domande frequenti
  • Testimonianze
  • Bibliografia

Introduzione

Lo sbiancamento anale, noto anche con il nome di “anal bleaching”, è un trattamento nato primariamente negli ambienti del cinema erotico e pornografico e richiesto da molti attori per esigenze puramente estetiche. Oggi questo tipo di trattamento è diventato una vera e propria moda, soprattutto in seguito alle testimonianze di molte star che hanno fatto cadere il tabù rivelando di essersi sottoposti a varie sedute di sbiancamento. Al giorno d’oggi è sempre più richiesto da uomini e donne di tutte le età che vogliono seguire un nuovo trend, acquisire fiducia in se stessi e vivere con disinvoltura la propria sessualità.

Sbiancamento anale

Iperpigmentazione anale, cause ed effetti

La zona genitale è un’area particolarmente sensibile del nostro corpo, l'epidermide anale è un tessuto sottile attraversato da molti capillari e dalle vene emorroidarie che permettono il drenaggio venoso del retto. La zona è particolarmente ricca di terminazioni nervose, che la rendono particolarmente sensibile al tatto, così come molte altre zone erogene del nostro corpo.

È probabile che con il passare del tempo l’epidermide dell’orifizio anale e della vulva tenda a scurirsi creando un antiestetico effetto di “pelle macchiata”, scientificamente conosciuto con il nome di Iperpigmentazione anale. Questa condizione è un fattore del tutto fisiologico e non è legato a particolari patologie, proprio come spiega la Dott.ssa Alice Panzeri. Tra i fattori più comuni che causano un’alterazione della colorazione della mucosa epidermica troviamo:

  • l’età, con il passare degli anni la nostra pelle subisce profondi cambiamenti e non solo nella zona genitale.
  • le alterazioni ormonali, dovute alla pubertà, a cambiamenti repentini del nostro corpo o legate ad alcune patologie, possono portare alla produzione di una maggiore quantità di melanina.
  • le tecniche di rasatura, i componenti chimici di alcuni prodotti depilatori possono alterare la colorazione epidermica.
  • l’attrito di indumenti stretti, come l’utilizzo di jeans attillati, tanga, ecc.
  • la gravidanza, un aspetto comune a molte donne in dolce attesa è proprio il potenziamento della pigmentazione melanica in alcune aree del corpo.
  • l’obesità, l’eccessiva presenza di insulina nel sangue può comportare dermatosi e iperpigmentazione.
  • il tipo di pelle, la produzione di melanina cambia molto dal nostro tipo di pelle, fattori genetici ed ereditari influiscono su questo aspetto.

L’iperpigmentazione anale non rappresenta una minaccia per la nostra salute, sebbene la valutazione di un medico è sempre consigliabile per poter ricevere una valutazione autorevole sul proprio caso specifico e decidere per una eventuale azione estetica.

Donna in slip

Chi è il candidato ideale?

È importante ricordare che lo sbiancamento anale è un trattamento puramente estetico, infatti, l’iperpigmentazione non è una patologia e il suo trattamento non comporta dei miglioramenti per la salute del soggetto. Spesso gli uomini e le donne che decidono di effettuare l’anal bleaching avvertono un senso di imbarazzo causato dalla colorazione tendente al bruno della loro pelle in zona genitale-anale che può diventare visibile indossando alcuni indumenti intimi, come il tanga.

Questa pratica è nata negli Stati Uniti dopo la richiesta di alcuni attori di cinematografia erotica e pornografica. Non essendo una zona del nostro corpo generalmente esposta all’esterno, le motivazioni principali spesso sono legate alla sfera sessuale intima del paziente che desidera vivere liberamente la propria vita erotica senza tabu e senza imbarazzo.
Una delle cause più comuni per cui ci si rivolge a un medico per effettuare uno sbiancamento anale corrisponde purtroppo a un falso mito da sfatare. Un pregiudizio assai diffuso vuole che l’iperpigmentazione della mucosa anale sia da attribuire a una scarsa igiene personale, mentre i medici dello Studio medico BiospheraMed confermano che si tratta di un fattore puramente fisiologico, una caratteristica del tutto naturale del corpo umano.

Gradazioni di colore della pelle

In cosa consiste lo sbiancamento anale?

La tecnica di sbiancamento può essere eseguita con differenti tecniche, a volte adoperate in combinazione tra loro per poter potenziare i risultati. Tutti i trattamenti di sbiancamento anale puntano a inibire la produzione di melanina nella parte trattata, così da poter progressivamente “sbiadire” l’area interessata. Oltre che la zona rettale, anche la vulva può essere sottoposta a questo tipo di trattamenti se desiderato dal paziente, come specificato dal Dott. Silvestro Lucchese. Le tecniche più utilizzate per lo sbiancamento anale sono di tre tipi:

  • Laser, è al momento il trattamento che assicura i risultati migliori. La zona anale è molto delicata, viene generalmente utilizzato un laser Q-Switch che emette un raggio di anidride carbonica con il quale è possibile desquamare gli strati superficiali della pelle agendo sulla componente a base idrica della cellula.
  • Peeling, questo trattamento è più aggressivo del precedente viene a volte proposto in associazione alla terapia laser per poter avere un effetto sbiancante maggiore.
  • Creme sbiancanti, esistono in commercio dei prodotti topici in grado di inibire la produzione di tirosinasi, riducendo così i livelli di melanina, la sostanza responsabile della carnagione della pelle. Queste creme sono in larga parte vietate in Europa perché contenenti delle componenti altamente tossiche e nocive.

Il Dott. Fabio Chemello del Centro Medico Geney consiglia di parlare con il proprio medico dei vari trattamenti disponibili per scegliere insieme l’opzione migliore in accordo al proprio quadro clinico e ai risultati richiesti.

Esempio di sbiancamento anale su corpo femminile

Dove effettuare un trattamento di sbiancamento anale?

Avete finalmente deciso di effettuare uno sbiancamento anale ma non sapete a chi rivolgervi. Innanzitutto, il primo aspetto da tenere a mente è che la zona da trattare è molto delicata ed è consigliabile affidarsi a mani esperte e competenti al fine di evitare spiacevoli conseguenze. Un medico o un chirurgo estetico specializzato in tecniche laser potrà sicuramente consigliarvi per il meglio. Potete consultare l’anagrafe FMNOCeO per verificare che il vostro medico sia iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi, consultare i suoi titoli di studio e le eventuali specializzazioni.

Su internet troverete facilmente esperienze e testimonianze di altri pazienti, leggete, documentatevi e approfittate della visita iniziale con il vostro medico per esporre eventuali dubbi ed incertezze. Instaurare un rapporto di fiducia con chi eseguirà il trattamento è importante per iniziare le sedute in maniera consapevole.

Medico che parla con il paziente


Come si svolge la prima visita medica?

Una volta scelto il medico che fa al caso vostro potrete concordare con lui una prima visita conoscitiva. Durante questo incontro il medico farà una visita generale e analizzerà il vostro caso per essere certi di poter escludere delle patologie del retto. Una volta valutata la tonalità di colore del retto, verranno illustrate al paziente le varie tecniche esistenti e quali possono essere i risultati raggiungibili in base alla propria situazione di partenza. Se si decide di optare per il trattamento laser il medico potrebbe fare una stima approssimativa delle sedute necessarie per poter raggiungere un buon risultato.

Come prepararsi all'intervento?

Come specificato dal Dott. Marco Gerardi, non sono previste delle indicazioni specifiche per prepararsi al trattamento. Tuttavia consigliamo di detergere a fondo l’area interessata con del sapone ipoallergenico. Un utile consiglio è quello di procedere con un’eventuale depilazione o rasatura con alcuni giorni di anticipo per evitare irritazioni della pelle o piccole ferite.

Sbiancamento anale maschile

Anestesia e ospedalizzazione

La zona anale è particolarmente ricca di terminazioni nervose che potrebbero rendere fastidiosa e dolorosa la pratica di sbiancamento. Per questo motivo i trattamenti laser vengono effettuati previa somministrazione di anestetico, ad esempio LaCLINIQUE of Switzerland propone ai suoi pazienti l’applicazione di una crema anestetica 30 minuti prima del trattamento. 
Non è necessario un ricovero ospedaliero, la durata della seduta varia a seconda dell’area da trattare, ma ha una durata media di 1 ora. Potrebbe essere necessario ripetere più volte l’intervento.

Esempio di sbiancamento su corpo femminile

I risultati

Il trattamento con laser garantisce risultati apprezzabili sin dalla prima seduta, sebbene possano essere necessarie dalle 2 alle 4 sedute per notare un netto cambiamento di colore. L’esito del trattamento laser dipende molto dal tipo di pelle del paziente, dalla quantità di melanina presente e anche dall’esperienza del medico che effettuerà lo sbiancamento.
Il Centro Medico Estetico Dalle Ceneri Della Fenice ricorda che l’effetto dello sbiancamento anale non è definitivo. A distanza di anni la zona potrebbe tornare a pigmentarsi nuovamente e potrebbe essere necessario intervenire nuovamente per ristabilire il colore iniziale. Non ci sono controindicazioni nel ripetere il trattamento, sarà il vostro medico di fiducia a consigliarvi gli intervalli di tempo con cui ripetere le sedute di laser.

Sbiancamento genitale completo

Rischi e complicazioni

Lo sbiancamento anale con tecnica laser non comporta grandi rischi per la salute, Bios Center consiglia di rivolgersi però a centri esperti e a professionisti del settore medico estetico, perchè l’utilizzo errato del raggio laser potrebbe portare a spiacevoli ustioni superficiali del tessuto epidermico. La ricerca di un buon medico è dunque la migliore misura preventiva che si possa attuare per evitare incidenti.

La tecnica di sbiancamento anale attraverso peeling è invece sconsigliata il più delle volte perché ritenuta troppo aggressiva per la zona genitale.

Idrochinone rischi ed effetti collaterali

I rischi dell’Idrochinone

L'idrochinone è una sostanza chimica nociva e cancerogena presente in molte creme utilizzate per lo sbiancamento anale, usata anche nell'elaborazione delle foto, nelle tinture per capelli e nella produzione di gomma. Questa componente, visti i suoi effetti nocivi sulla salute dell’uomo è stata proibita in Italia in tutti i preparati in commercio, mentre continua ad essere utilizzata in alcuni paesi del mondo, come quelli asiatici, dove, in particolare le donne, fanno largo uso di creme sbiancanti per la pelle.
Il Dott. Massimo Laurenza mette in guardia sui rischi provocati dal l'Idrochinone e invita tutti a diffidare da miracolosi prodotti commercializzati in internet che potrebbero contenere la suddetta sostanza che risulta provocare pericolosi effetti collaterali. Un’altra sostanza da evitare è il Mercurio, può essere contenuto in creme sbiancanti anche in piccole quantità, è altamente tossico e comporta effetti collaterali nocivi con un utilizzo prolungato.

Dubbi e domande frequenti

  • Lo sbiancamento Anale è una pratica dolorosa?  Il laser utilizzato è molto delicato e produce solo un leggero fastidio. Viene comunque applicata della crema anestetica sulla zona 30 minuti prima del trattamento. LaCLINIQUE of Switzerland®
  • Quali potrebbero essere i rischi nell'usare il laser per schiarire la pelle nella zona anale?  La percentuale di rischio è molto bassa ed è legata alla possibilità di leggere ustioni. Si consiglia di affidarsi alle mani di un medico estetico esperto nei trattamenti laser. Dott.ssa Alice Panzeri
  • È possibile ripetere lo sbiancamento anale più di una volta?  Con il passare del tempo la mucosa anale tende a pigmentarsi nuovamente ricreando l’effetto “pelle macchiata”, sarà possibile ripetere il trattamento laser concordandolo con il vostro medico di fiducia. Studio medico BiospheraMed
  • Esistono prodotti topici per lo sbiancamento anale?  In commercio è possibile incontrare creme sbiancanti a base di Idrochinone, una sostanza nociva attualmente proibita in Italia. Dott. Massimo Laurenza
  • A cosa è dovuto il colore bruno della mucosa dell’ano?  Il colore brunastro delle parti genitali può essere dovuto a vari fattori genetici e non, si tratta sempre di una condizione fisiologica e non di una minaccia per la salute. Dott. Chemello Fabio

Testimonianze

Ho sempre avuto la pelle scura nella zona anale e non é mai piaciuto. Quando mi sono informata su cosa potevo fare per eliminare questo problema, mi han proposto delle sedute col laser, finché mi sono decisa e ho provato. Ho fatto 3 sedute e adesso esteticamente non appare piú scuro! Finalmente posso avere relazioni sentendomi a mio agio. Lo consiglio a chi ha il mio stesso problema e lo vive come tale. Leggi qui l'esperienza completa

Elly2411 - Como (Città), Como

Non mi azzardavo a mettermi il tanga perché avevo la zona attorno all'ano troppo scura. Anche d'estate mi sentivo a disagio quando arrivava l'ora di mettersi il bikini, ormai era diventato un disagio troppo forte, finché parlando con la mia estetista mi ha consigliato di eseguire uno sbiancamento dell'ano tramite il laser. Cosí ho fatto! E sono rimasta davvero contenta! Finalmente non ho piú paranoie. Leggi qui l'esperienza completa

valeriaa - Lucca (Città), Lucca

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."