Ilaria Berselli
Ilaria Berselli
Giornalista laureata presso l’Universidad Ramon Llull specializzata in redazione di articoli su Salute e Medicina Estetica dal 2014, esperta in tematiche relative alla mastoplastica.
Creazione: 29 feb 2016 · Aggiornamento: 31 lug 2019

Informazione addizionale

Navigazione

  • Introduzione
  • Cos'è la psoriasi?
  • Le diverse forme di psoriasi
  • Come trovare uno specialista?
  • Cosa succede durante la prima consulenza?
  • Trattamenti per la psoriasi
  • Dopo il trattamento della psoriasi
  • Risultati del trattamento contro la psoriasi
  • Dubbi e domande frequenti
  • Bibliografia

Introduzione

La psoriasi è una malattia che colpisce dal 2 al 3% della popolazione, riporta il Ministero della Salute. A seconda del grado e della forma di psoriasi che si sono raggiunti, possono essere proposti diversi trattamenti: creme specifiche e unguenti, fototerapia, impulsi laser o bioterapia per i casi più gravi.

Psoriasi mani

Cos'è la psoriasi?

La psoriasi è un disturbo cronico, ma gli esperti dell’istituto Humanitas, spiegano che non è una vera e propria malattia, ma piuttosto un'anomalia della crescita della pelle, la cui causa non è identificabile in un unico fattore. 

La psoriasi non è contagiosa e può presentarsi in diverse forme. Molto spesso, questo disturbo si presenta con placche rosse e biancastre, limitate a un'area specifica del corpo, sulle quali si possono notare frammenti di pelle secca. Generalmente è localizzata in zone di attrito (gomiti, ginocchia, ecc) e la sua evoluzione è imprevedibile.

Le diverse forme di psoriasi

La psoriasi non è una sola, ma è suddivisa in forme e tipologie differenti e un paziente che soffre di psoriasi potrebbe presentare uno o più tipi di psoriasi nello stesso tempo. Il Prof. Antonio Costanzo, responsabile del reparto di Dermatologia dell’istituto Humanitas, spiega quali sono i diversi tipi di psoriasi e le loro caratteristiche:

  • Psoriasi a placche: è la tipologia di psoriasi più diffusa. Si presenta con placche pruriginose di colore rossastro e in rilievo. Si forma soprattutto su cuoio capelluto, gomiti, ginocchia.
  • Psoriasi guttata: può comparire su tutto il corpo con macchie dalla forma rotonda le cui dimensioni possono variare. Il Prof. Costanzo precisa che questa tipologia di psoriasi potrebbe essere dovuta a un’infezione da parte dello streptococco e che dopo la psoriasi a placche, rappresenta la tipologia più comune e più facilmente trattabile.
  • Psoriasi inversa: a differenza della psoriasi a placche, in questo caso, le lesioni non sono in rilievo e non producono squame e il loro colore è più acceso. Questa tipologia di psoriasi si forma soprattutto nelle pieghe della pelle (ascelle, solchi mammari, inguine, dietro le ginocchia).
  • Psoriasi pustolosa: chiamata anche psoriasi palmo-plantare, perchè compare su mani e piedi. Si presenta con arrossamenti e pustole al cui interno è presente del pus, ma non è né contagiosa né infettiva. Il Prof. Costanzo avverte che si tratta di una delle forme di psoriasi più difficili da curare.
  • Psoriasi ungueale: è chiamata così perché colpisce le unghie sia delle mani che dei piedi, le quali possono indurirsi, rompersi o staccarsi dalla pelle.
  • Psoriasi eritrodermica: chi soffre di questo tipo di psoriasi noterà delle eruzioni cutanee che provocano sia prurito che dolore in quasi tutto il corpo. È la tipologia di psoriasi più grave, ma l’esperto afferma che è abbastanza rara.
Diagnosi psoriasi

Come trovare uno specialista?

Bisogna sempre essere certi di contattare soltanto specialisti autorizzati e controllare le qualifiche e competenze su portali affidabili, come la federazione nazionale dell’Ordine dei Medici o la Società Italiana di Dermatologia (Sidemast).

Per avere supporto e consigli su come affrontare la psoriasi, puoi anche rivolgerti ad associazioni come la ADIPSO (Associazione per la Difesa degli Psoriasici).

Psoriasi effetti

Cosa succede durante la prima consulenza?

La prima visita permette al dermatologo di esaminare le lesioni per formulare una diagnosi clinica precisa. Il medico avrà bisogno di raccogliere informazioni precise sul tuo caso, e per le situazioni più difficili o nelle forme più gravi di psoriasi, potrà prescrivere una biopsia della pelle. Questo esame comporta il prelievo di un campione cutaneo dove è presente la lesione così che possa essere analizzato per valutare la presenza di possibili patologie associate alla psoriasi.

Trattamenti per la psoriasi

Ci sono diverse tipologie di trattamenti per la psoriasi: 

Trattamenti topici.

Da un lato si possono utilizzare i corticosteroidi, che vengono somministrati sotto forma di pomate, creme o gel. Sono molto efficaci al momento del trattamento, ma il rischio di recidiva è piuttosto importante. Possono essere utilizzati per un periodo di tempo limitato, durante il quale bisogna applicare la crema o pomata prescritta una volta al giorno.

Dall’altro gli analoghi della vitamina D3, che hanno un effetto benefico sulla proliferazione delle cellule della pelle e, di fatto, limitano lo sviluppo dei cheratinociti alla base della psoriasi. Anche in questo caso, la durata del trattamento sarà limitata.

Oppure si può procedere con una combinazione di corticosteroidi topici e di analoghi della vitamina D3. In questo caso il trattamento consiste in un'applicazione una volta al giorno durante il primo mese e un'applicazione di mantenimento una volta alla settimana per ridurre il rischio di recidiva.

Fototerapia.

È indicata, in particolare, quando più della metà della superficie della pelle è affetta da psoriasi. La durata del trattamento dipenderà sia dall’estensione della superficie cutanea da trattare che dalla risposta dell'epidermide al trattamento.

Esistono due tipi di fototerapia:

  1. Terapia PUVA: basata sull’azione dei raggi UVA. Per aumentare l’effetto terapeutico il paziente deve assumere un farmaco che stimoli la sensibilità della pelle ai raggi UV.
  2. Fototerapia UVB: in questo caso non bisogna assumere farmaci di supporto. Di solito richiede da 2 a 3 sedute, della durata di 15-20 minuti ciascuna. Tuttavia, la durata e il numero di sessioni saranno personalizzati per ogni paziente, in base all’anamnesi, al tipo di psoriasi, all'area interessata, ecc

Laser a decolorazione pulsata.

Il laser a sbiancamento pulsato agisce mediante la rimozione selettiva dei piccoli vasi sanguigni che partecipano alla formazione della psoriasi. Quando i vasi responsabili vengono eliminati, il paziente può notare un marcato rallentamento della psoriasi e un'interruzione temporanea della formazione della placca psoriasica.

Servono da 5 a 6 sedute e alcune sessioni di mantenimento per ottenere un risultato soddisfacente. I risultati sono visibili dopo 2 o 3 settimane dalla prima sessione. Non è un trattamento molto doloroso e non è necessaria l’anestesia locale.

Bioterapia.

Questa terapia ha l’obiettivo di agire direttamente sui responsabili delle lesioni cutanee associate con la psoriasi, bloccando le proteine che causano l’infiammazione. Tuttavia, questo trattamento viene prescritto nel caso in cui le soluzioni convenzionali (corticosteroidi, vitamina D3 analogico, fototerapia o laser) sono controindicate per il paziente o nel caso in cui non portino risultati.

Il trattamento con la bioterapia rimane, attualmente, molto costoso (circa 10.000 euro per un anno).

Prodotti naturali.

Alcuni prodotti naturali possono contribuire a migliorare l'aspetto della vostra pelle e psoriasi a margine di un trattamento per la psoriasi:

  • il pompelmo e i suoi semi sono un antinfiammatorio naturale
  • l’aloe vera è un calmante, rigenerante e ristoratore per la pelle
  • i carciofi contribuiscono a mantenere la pelle sana e idratata
  • le microalghe hanno proprietà antiossidanti e rivitalizzanti per la pelle,
  • l'olio di macadamia ha proprietà antinfiammatorie.
come curare psoriasi

Dopo il trattamento della psoriasi

Qualunque sia il trattamento scelto per la lotta contro la psoriasi, i risultati vengono valutati con il punteggio PASI (Psoriasis Area Severity Index), come spiegato nella pagina dello studio Torrinomedica. La scala va da 0 a 72, e la psoriasi è considerata grave oltre il 10. Il calcolo si basa sulla proporzione tra lesioni, spessore, arrossamento e desquamazione della pelle.

A prescindere dal tipo di terapia eseguita per curare la psoriasi, si raccomanda di seguire un follow-up regolare ogni 6 mesi.

psoriasi croste

Risultati del trattamento contro la psoriasi

Attualmente è impossibile curare completamente la psoriasi, proprio perché si tratta di una malattia cronica. Tuttavia, i trattamenti proposti rallentano significativamente lo sviluppo delle placche e permettono comunque di migliorare significativamente la qualità di vita del paziente, alleviando i sintomi e prolungando il periodo di benessere tra una seduta e l’altra, come affermano gli specialisti del Coricciati Medical Group.

Dubbi e domande frequenti

  • Posso prendere il sole e andare al mare se ho la psoriasi? “L'acqua di mare e il sole rappresentano le cure più antiche ed efficaci per la psoriasi. Nel caso in cui si assumano farmaci con cortisone bisogna però aspettare almeno 15 giorni prima di esporsi al sole”, Dott.ssa Serafina Ghianda
  • La psoriasi è ereditaria? “ Non è ereditaria di per sé, ma si possono ereditare alcuni geni che rappresentano dei fattori di rischio per il suo sviluppo, che però da soli non sono sufficienti perché la psoriasi si manifesti. Questo fa sì che anche tra i membri di una stessa famiglia, alcuni possano presentare la psoriasi e altri no”, Studio Medico Serini
  • La psoriasi è contagiosa? “No, non può essere contagiata. È una mesenchimopatia su base immunitaria”, Dott. Gustavo Petti 
  • Esiste una cura definitiva per la psoriasi? “È una malattia cronica della pelle e quindi non si può curare, ma può essere migliorate”, Dott. Michele P. Grieco

"Le informazioni contenute in questa pagina sono solo orientative e in nessun caso possono sostituire le informazioni fornite individualmente dal tuo chirurgo plastico, medico estetico o specialista. Se stai valutando la possibilità di sottoporti a un trattamento o a un’operazione di Chirurgia Plastica o Estetica (anche in caso di dubbi o domande) rivolgiti direttamente a un medico specializzato che ti fornirà tutti i chiarimenti opportuni. Guidaestetica non supporta né raccomanda alcun contenuto, prodotto, opinone, professionista medico né nessun altro tipo di materiale o di informazione contenuta in questa pagina o in altre parti del sito."