LASER VAGINALE

LASER VAGINALE
Poliambulatorio privato specializzato in Chirurgia Plastica, Medicina Estetica e Medicina Rigenerativa. La struttura organizza anche corsi di formazione incentrati sulle tecniche della laser terapia.
Creazione: 14 mar 2019 · Aggiornamento: 14 mar 2019

Somawell Medicalthea ci parla di un trattamento intimo sempre più richiesto dal pubblico femminile, il laser vaginale.

Il clima ormonale che si instaura in menopausa diviene carente sia di estrogeni che di progesterone, in quanto cessa l’attività ovarica. Questa carenza da’ comunemente luogo ad una vasta gamma di sintomi, dovuti principalmente alla drastica diminuzione di estrogeni, che è tipica del climaterio. Questa sintomatologia può essere riassunta  nella fase precoce come segue:

7f7dfa94-04a1-11ea-aa3b-00505699c1af.jpg
  • Sintomi di natura vasomotoria, quali sudorazione in specie notturna e vampate improvvise di calore;
  • Disturbi del sonno e del tono dell’umore: essi sono dovuti per lo più alla carenza ormonale ed in genere tendono a recedere con il tempo.

Vi è poi un insieme di alterazioni che nel tempo, cioè dopo qualche anno, possono dar luogo a:

  • Disturbi dovuti alla involuzione distrofica del tessuto vaginale, potendo subentrare assottigliamento dell’epitelio, secchezza, facilità alla irritazione e fastidio o dolore nei rapporti sessuali. In una tale condizione, non più fisiologica, possono facilmente subentrare vulvovaginiti e talvolta piccoli sanguinamenti da parte della mucosa vaginale in zone più sensibili a fattori irritativi. Tutti questi disturbi non sono autolimitanti ma in genere si aggravano con il passare del tempo.

Oggi, la più conosciuta terapia è la cosiddetta TOS, ovvero Terapia Ormonale Sostitutiva a base di estrogeni, che deve essere valutata di volta in volta singolarmente perché dagli studi è emerso che nelle pazienti sottoposte a questa cura aumenta il rischio di neoplasie alla mammella. Sono usate anche terapie locali o topiche, come gli ovuli e le creme contenenti estrogeni o fito-estrogeni. Ricordiamo che il progesterone ha proprietà rilassanti mentre l’estrogeno svolge una funzione eccitatoria. La TOS può essere indicata in alcuni casi, dove il rischio di malattie cardiovascolari e osteopenia o osteoporosi siano state già oggetto di diagnosi.

L'innovativo trattamento con laser vaginale

Con poche applicazioni ed assieme a terapie locali, non solo ottiene una restituzione della fisiologia del tessuto vaginale (secchezza, lubrificazione mancante, distrofia/atrofia dell’epitelio), ma rafforzando il tono della mucosa vaginale impedisce il prolasso genitale, che col tempo può produrre incontinenza urinaria.

Frequenti sono le condizioni di prolasso genitale, ma condizioni di prolasso altrettanto frequenti sono pure quelle che interessano l’utero come organo ed il cedimento della parete vaginale. Ovviamente , col tempo il prolasso genitale può riguardare tutte queste condizioni, coinvolgendo l’intero pavimento

b9513cd6-04a1-11ea-9048-0050569948e1.jpg

La terapia Laser può essere:

  • Essenzialmente preventiva: è il caso in cui si valutano i fattori di rischio e si ricorre ad un approccio terapeutico per prevenire o bloccare la discesa degli organi del pavimento pelvico.
  • In fase di prolasso asintomatico: è il caso in cui sono presenti alcuni segni iniziali di prolasso. La terapia ha lo scopo di bloccare il processo e di ripristinare per quanto possibile uno “status quo ante”, riportando le strutture connesse a favorire il prolasso in una condizione di trofismo e di tenuta rinnovata migliore.
  • In fase di prolasso sintomatico: è il caso in cui bisogna valutare attentamente il grado di prolasso e di alterazione della funzione al fine di discriminare il tipo più adatto di intervento.
Ti interessa questo trattamento?
Ti informeremo totalmente gratis!

Le informazioni che appaiono in Guidaestetica.it in nessun caso possono sostituire la relazione tra il paziente e il suo medico. Guidaestetica.it non fa l’apologia di un prodotto commerciale o di un servizio.