Aumentano le reazioni allergiche ai tatuaggi

 · 
Aumentano le reazioni allergiche ai tatuaggi

Itatuaggipossono essere dannosi per la salute, considerato che possono causare dermatiti, eczemi, pruriti e desquamazione della pelle che potrebbero manifestarsi anche a distanza di tempo dal momento in cui si decide di farsi un nuovo tattoo.

Uno studio condotto dalla Langone University di New York pubblicato da Contact Dermatitis afferma che il 10% delle persone che si tatuano hanno delle complicazioni, in particolare sviluppano una reazione avversa, reazione che in più della metà dei casi diventa cronica. A fare maggiore attenzione, poi, dovrebbero essere le persone che soffrono di psoriasi ed eczema.

Le reazioni avverse ai tatuaggi sono sempre più numerose e documentate e, non solo, negli ultimi anni le allergie sono raddoppiate cosí come sono cresciute anche le reazioni causate dai tatuaggi semipermanenti, per esempio quelli a base di henné.

Tali reazioni sono imputabili in gran parte agli inchiostri utilizzati dai tatuatori. Non tutti gli inchiostri sono uguali, e secondo le statistiche sono quelli di colori più accesi a creare la maggior parte dei problemi. Alcuni inchiostri possiedono al loro interno elevati livelli di piombo e litio ed anche una quantità di rame. Inoltre il cromo, il nichel e il cobalto (quest'ultimo presente in concentrazioni più basse) vengono utilizzati per produrre il blu, rosso e verde dei disegni.

Contrariamente a ció che si puó pensare, anche i tatuaggi non permanenti possono causare danni alle pelle, anche se in minor quantitá. Questi tipi di tatoo possono infatti contenere parafenilendiamina: un colorante per tinture dei capelli che può agire dopo mesi o addirittura anni.

Anche le infezioni sono comuni a seguito dei tatuaggi. Non si tratta dunque soltanto di dermatiti o eczemi, ma è stato trovato un rapporto con la sifilide e l'epatite B e C. Pare che queste malattie possano essere trasmesse a causa di una mancata sterilizzazione degli attrezzi, diffusa soprattutto prima che venissero introdotte le nuove normative per garantire la sicurezza dei materiali impiegati.

Ad ogni modo, in caso di allergia è bene rivolgersi ad un dermatologo. I colori attualmente utilizzati sono tutti ipoallergenici, ma per realizzare un tatuaggio é bene rivolgersi sempre ad un professionista riconosciuto.

Commenti (0)

Pubblicità

Consulta il dottore